Translate

domenica 19 novembre 2017

Meno si parla di mafia... e più la mafia fa affari!!!

Sì... sembrerà strano, ma la morte del "capo dei capi" rappresenta per questa attuale associazione criminale ed il suo capo, un vera e propria liberazione, in quanto quella figura era diventata per cosa-nostra troppo ingombrante...
Abbiamo visto come in questi lunghi anni (nei quali i boss di Corleone sono stati sottoposti al 41 bis), l'allora mafia aggressiva e bellicosa, ha lasciato il posto ad una nuova strategia... quella dell'immersione!!!
Il nuovo gruppo dirigente, con a capo (per quanto finora è stato riportato dai media...) Messina Denaro, ha imposto la regola del silenzio: meno si parla di mafia e maggiori saranno per questa, le possibilità di compiere affari illegali... 
Si tratta cioè di mettere in pratica, tutte quelle azioni affinché i principi corruttivi abbiano effetto... 
D'altronde, quell'associazione malavitosa sa benissimo di poter contare su tutta una serie di soggetti esterni, che nulla centrano con i propri affiliati; persone che a prima vista si possono definire autorevoli, perbene, slegati da eventuali meccanismi perversi e corruttivi, d'altronde molti di loro svolgono i loro incarichi all'interno delle pubbliche amministrazioni, altri ancora sono interconnessi con la politica, alcuni di essi ne fanno proprio parte nella veste di rappresentanti e poi vi sono tutta quella schiera dei professionisti, da tempo "ammaestrati", che sanno di dover sottostare a quel sistema, poiché in caso contrario vengono totalmente estraniati...
Sono i cosiddetti "colletti bianchi", quelli che il sottoscritto preferisce definire "grigi", appartengono a quel "mondo di mezzo", una zona che negli anni, ha fatto in modo da rendersi invisibile, rendendosi disponibile a collaborare con questi nuovi uomini al comando di quel mondo criminale...
Uomini che seppur al comando, non hanno potuto avere in questi anni, una vera e propria legittima ufficialità sia da parte dei loro boss (da tempo colpiti dai provvedimenti giudiziari), che da quella cosiddetta "commissione" interprovinciale, che non ha dato quella necessaria autorizzazione, essendo ancora in vita (seppur in carcere) il capo indiscusso... 
Ecco quindi che, all'interno di quella gerarchia, tra vecchia mafia che resiste al comando e nuova che prova ad appropriarsi di quei posti scoperti, si è creato sicuramente uno scontento, con problemi che minano l'assetto di quelle posizioni ai tempi stabilite...
Ecco perché c'era bisogno all'interno di cosa-nostra di rinnovare, ma per far ciò, era necessario che Totò Riina... non ci fosse più!!! 
Ecco perché finalmente ora la morte del boss permette... anzi libera l'offensiva alla nuova classe dirigente, di quell'associazione mafiosa...
Va inoltre aggiunto che, molti di quegli uomini (che avevano per altro collaborato nel passato con quel boss...) sono rimasti in questi anni in disparte, senza fidarsi di nessuno, in particolare di nuovi pseudo padrini, che avevano provveduto per l'appunto, attraverso propri emissari, ad informarli sulle variazioni sopraggiunte, ... 
Ciascuno di essi difatti, ha preferito conservare la propria autonomia, avendo quale arma di baratto, segreti di cui si è stati partecipi o quantomeno portatori...
Ora finalmente, per molti all'interno di quel mondo criminale si aprirà una autostrada!!!
Già, non è escluso che si possa determinare una nuova rivalsa per definire l'assetto piramidale, in particolare proprio da chi considera oggi, quel posto come "vacante" e non riconosce di fatto alcun padrino e/o gruppo di comando, ritenuto nella sostanza... abusivo!!!
Cosa accadrà lo vedremo a breve: se ci sarà silenzio, allora la cupola avrà deciso per tutti, imponendo di proseguire con l'attuale vertice di comando e preferendo così, gli affari all'egoismo dei suoi affiliati (ed allora, nessuno di noi, s'accorgerà di nulla...); viceversa, se i media, inizieranno a parlare di scontri a fuoco, vittime e quant'altro, allora prepariamoci a rivivere nuovamente, una possibile "terza" guerra di mafia...
Ovviamente, nei due casi sopra esposti, incrociamo le dita e speriamo che le nostre Forze dell'ordine...intervengano prima che entrambe possano avverarsi!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo