Translate

giovedì 19 aprile 2018

Matteo Messina Denaro: Il cerchio si stringe??? Non credo affatto!!!

Finalmente qualcosa si sta muovendo...
Dopo quasi 25 anni di latitanza, si è compreso che forse è giunto il momento d'arrestare quel capo dei capi, l'ultimo boss di Cosa nostra: Matteo Messina Denaro.
Ed allora, con la speranza di porre fine a quella lunga latitanza e di effettuare finalmente quell'arresto, gli organi di polizia hanno messo in pratica ciò che viene definita un'operazione di "recisione" nell'ambito dei suoi legami familiari...
Ecco quindi perché stamani sono state eseguite una serie di provvedimenti di fermo, nei confronti di ben 22 presunti affiliati a famiglie mafiose  di Castelvetrano, Campobello di Mazara e Partanna...
Le accuse a vario titolo nei confronti di quegli indagati sono come al solito, associazione mafiosa, estorsione, detenzione di armi, danneggiamento e soprattutto intestazione fittizia di beni...
Certamente, colpire i beni patrimoniali, rappresenta come sappiamo un bel passo avanti verso quella lotta, anche se abbiamo visto negli anni di come, l'enorme patrimonio accantonato è stato reinvestito in altre nazioni e rappresenta oggi per quell'associazione criminale, un pozzo senza fine, al quale fare ricorso, soprattutto nei momenti di difficoltà come questi... 
Il "boss" d'altronde ha dimostrato negli anni di essere sicuramente non solo scaltro, ma soprattutto prudente... non fidandosi di nessuno ed utilizzando per le proprie direttive, i cosiddetti "pizzini", quei foglietti di carta scritti di suo pugno, con i quali fare prevenire le disposizioni a tutti i suoi affiliati. 
Peraltro, a poco sono serviti in questi anni i pedinamenti, le intercettazioni, gli appostamenti, in particolare in quell'arduo territorio di Castelvetrano, ed anche questi ultimi arresti di propri familiari, saranno stati già da egli previsti e a cui avrà predisposto - nel caso fossero sopraggiunti - nuove direttive verso altri suoi fedelissimi...
D'altronde, se dalle intercettazioni dei suoi seguici, egli viene considerato a tutti gli effetti come fosse "Padre Pio", si comprende quanto difficilmente egli potrà essere tradito da quel ristretto gruppo di componenti... 
Il messaggio che passa è che il "boss" mafioso compie i "miracoli" a differenza dello Stato che non sa fare!!!
Egli si presta ad aiuta chi ha bisogno, trova una occupazione a quanti si rivolgono ad egli, partecipa in prima persona alle eventuali difficoltà economiche familiari, protegge e assiste da possibili soprusi ed infine, segue le vicende di ciascuna famiglia, quasi fosse un patriarca...
Permettetemi una considerazione provocatoria, ma se ci fate caso... quel suo modo di agire, rappresenta in maniera pratica, quanto purtroppo non viene compiuto dal nostro Stato o meglio, da quei suoi "corrotti" governanti!!!
Ecco perché inspiegabilmente, i cittadini venerano quel boss, ma soprattutto ritengono vitale, quel sistema mafioso/clientelare, perché la sua costante presenza, garantisce i reali bisogni di cui hanno necessità e a cui questo nostro Stato, non riesce a dare soluzioni!!!
D'altronde, basti rileggere il post pubblicato ieri, intitolato "Se la mafia viene considerata più forte dello Stato... la colpa è principalmente delle Istituzioni!!!": http://nicola-costanzo.blogspot.it/2018/04/se-la-mafia-viene-considerata-piu-forte.html dal quale si comprende il perché questo boss, Matteo Messina Denaro, venga considerato dai molti suoi concittadini, quasi un parente acquisito, da proteggere ad ogni costo!!!
Un legame quindi non solo vissuto in ambito familiare, ma bensì intrinseco con quelle popolazioni, in quanto garante per molti di essi - se pur attraverso metodologie e/o attività, considerate di fatto illecite - di quel necessario benessere individuale e sociale...
Fintanto quindi sarà questa la realtà di quei territori degradati e soprattutto "abbandonati" dalle Istituzioni, serviranno a poco - se non a nulla -  il numero d'arresti portati avanti dalle nostre forze dell'ordine nei confronti di parenti, amici e conoscenti vari... 
Perché ci sara sempre qualcun'altro disposto in quel particolare contesto, a voler proteggere ed anche ad ospitare in casa propria, quest'ultimo "santo"!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo