Translate

giovedì 30 giugno 2016

Una "Catania bene"...

Ho acquistato un libro scritto da Sebastiano Ardita, magistrato e componente della Direzione Distrettuale Antimafia di Catania ed oggi, Procuratore Aggiunto presso il Tribunale di Messina...
Nel suo libro descrive in maniera meticolosa i collegamenti tra la mafia catanese e quella della provincia di Messina e l'evoluzione che queste associazioni criminali, hanno avuto dagli anni 80' ad oggi...
In particolare, viene descritto il passaggio di come queste, si siano con il tempo evolute, passando da quella impostazione rigida e violenta (in particolare contro le istituzioni), ad un nuovo modello, moderno e manageriale, che ha permesso loro, d'integrarsi tra le PA e nella società civile...
Già, in quel percorso si è totalmente rinnovata, passando da una immagine "cattiva e violenta" ad una "buona e produttiva", riuscendo inoltre a convincere i cittadini (con un'attenta opera di persuasione), di come, attraverso il proprio contributo, si sia migliorato il benessere sociale, colmando le lacune dello Stato, come per esempio... sicurezza e lavoro.
Il tutto è avvenuto grazie a nuove alleanze, nello specifico, con i settori dominanti dell’imprenditoria, della politica, della finanza, delle istituzioni, della stampa e di tutte quelle associazioni che con il loro discreto silenzio, hanno fanno sì, che le collusioni ed il malaffare, abbiano potuto estendere quei  propri tentacoli...
Una mafia "rigenerata", che ha saputo investire i propri profitti illeciti, in nuove e remunerative, attività imprenditoriali e commerciale, le quali, hanno nel corso di questi anni dimostrato, quella propria capacità di realizzare profitti e impegnandosi inoltre, a creare nuove opportunità lavorative...
Un sistema mafioso vincente (diverso e lontano da quello a suo tempo proposto dai "corleonesi"), che è diventato modello da esportare, anche per le altre associazioni malavitose, del resto d'Italia...
Si è trattato di trovare nuove alleanze tra quegli uomini che contavano nei posti chiave... come per esempio quelli "istituzionali" e quando non si è riusciti nell'intento, si è fatto di tutto per allontanare quelli e sostituirli con propri uomini, certamente più disposti ad alleanze e profitti...
Dopotutto non è il denaro che manca... anzi tutt'altro e con quello si può puntare a conquistare uomini e potere... 
Potremmo quindi concentrare in una parola quanto accaduto: trattativa ( che poi è la stessa parola usata in alcune inchieste note, tra Stato e mafia...). 
Certo la sola parola è di per se imbarazzante e ovviamente, all'interno di quegli uffici istituzionali, non la si vuole prendere nemmeno in considerazione...
Ma quando poi, si assiste a certe indagini delle procure, le quali quotidianamente, fanno emergere reati ed infedeltà da parte di quegli uomini pubblici, ecco che allora si comprende come forse, qualcosa di lesionato in quel sistema c'è!!!
Non per nulla... se il nuovo Procuratore Capo di Catania, Carmelo Zuccaro, nel giorno del suo insediamento in Procura ha dichiarato: “Catania soffocata dalla mafia... abbiamo bisogno che le cose cambino"!!! si comprende come ancora purtroppo, di lavoro da fare... c'è ne. 
Certo dinnanzi ad un sistema criminale così perfettamente integrato nella società attuale, diventa difficile slegare quanti sono legati tra essi... sia per rapporti familiari, di amicizia, universitari, politici e anche professionali senza escludere anche personali... mi riferisco ai legami sentimentali... 
Da quanto sopra è evidente che le famiglie mafiose negli anni si sono evolute... i figli si sono laureati e hanno occupato quelle posizioni dirigenziali lasciate nel corso degli anni libere...
Sono in tutti i settori... nessuno escluso!
Ed è il motivo per cui oggi, ancora più di ieri, diventa chiaro comprendere, il perché la mafia, non sia stata di fatto sconfitta!!! 
Perché i suoi uomini (quelli con i colletti inamidati...) partecipano a fare cadere i reati in prescrizione, perché il sistema carcerario è sottodimensionato rispetto al numero di criminali che delinquono, determinando così, quei presupposti continui d'indulti e amnistie, perché il sistema giudiziario fa più paura ai cittadini onesti che agli stessi criminali, perché non si perde mai occasione per criticare le istituzioni, le forze dell'ordine, i magistrati, facendo in modo che si disinteressino e si scoraggino, nell'intraprendere tutte quelle necessarie azioni di contrasto...
Per quanto sopra è ovvio che gli uomini (e donne...) di questo sistema, si vanno regolando di conseguenza... 
Faranno ovviamente il minimo indispensabile, per non aver problemi, personale e/o professionali...
Continueranno in silenzio ad avanzare di carriera con quel minimo sforzo, per giungere finalmente a quella auspicata "pensione" e sperando nel contempo, di poter tramandare quella propria occupazione ad un proprio familiare...
Dopotutto è di questo si tratta... 
Saper convivere all'interno di quelle regole prestabilite e mai scritte della nostra città: sì di quella soprannominata... “Catania bene”!!!

mercoledì 29 giugno 2016

La vera integrità è fare la cosa giusta sapendo che nessuno si accorgerà se l’avrai fatta oppure no...

Un saggio, dopo anni e anni di vita nel mondo al servizio degli uomini, sapendo che di lì a poco sarebbe morto... decise di ritirarsi su una montagna per passare lì gli ultimi mesi della sua vita. 
Un giorno, mentre questi gustava rapito in estasi la profondità della Vita Universale, si presentò nella sua grotta un angelo. 
La creatura alata gli disse:  
"Sei stato un uomo esemplare, hai agito nel mondo come pochi avrebbero potuto, sei la gloria di Dio. 
Egli mi ha mandato qui per concederti un ultimo desiderio... dimmi ciò che desideri ed io te lo darò". 
L'uomo sorrise e disse: "Vattene allora, cosa potrei desiderare ancora? Non posso certo cadere in questa trappola! Addio". 
Quando l'angelo scomparve, il saggio disse tra sé e sé: "Le prove non finiscono mai" !!!
Così è la nostra vita, c'è sempre qualcuno che cerca di tentarti...
Ma la cosa comunque che più di ogni altra da fastidio, è quel modo subdolo e conformato di credere, che ormai tutti si è standardizzati...
Si crede sempre che, l'essersi loro adeguati a quel sistema... debba di per se... andare bene anche per noi!!!
Loro sì... nel corso della loro vita, hanno accettato compromessi, si sono svenduti per una inutile raccomandazione, sono andati ad elemosinare quel classico favore personale per se o per i propri cari ed ora però... vorrebbero presentarsi ed "elevarsi" a moralisti di questo nostro paese... 
Sono gli stessi individui che da tempo... criticano aspramente coloro che si sono fatti corrompere, quanti hanno agevolato i propri colleghi nell'ambito lavorativo... anche semplicemente vidimandone i badge...
Poi c'è chi se spinto oltre... quelli che per accelerare le pratiche sulla loro scrivania, si sono fatti omaggiare da qualche bustarella, e poi i peggiori... uomini delle istituzioni che non hanno saputo adempiere al proprio dovere o a quell'incarico ricevuto, permettendo che si compiessero le più grandi truffe e collusioni, a danno anche dello Stato!!!
E' un sistema marcio e nel quale tutti sguazzano... 
Perché per essere "incorruttibili" bisogna essere "puri" d'animo...  e non certamente "avidi e avari" come la maggior parte delle persone!!!
Non si può esclusivamente pensare di riempire la pancia, insaziabili in quella sfrenata ricerca dell'avere... per restare confusi e alienati tra desideri mondani, perdendo la propria dignità e moralità... restando schiacciati da quella vita anonima e smarrendo definitivamente la propria identità...
Chi cammina con la propria mente, chi decide di stare all'interno di quei principi di giustizia e giustezza... ecco, chi fa questo “si rinnova ogni giorno nello spirito" e non ha bisogno di altre aspettative!!!
Si comprendo che oggi il modello proposto più in voga... è quello della persona disonesta, quella figura che, senza alcuna propria capacità, sia personale e professionale, riesce a raggiungere in tempi celeri la meta prefissata... più facilmente di chi, di contro, vive la propria vita secondo modelli ideali di correttezza, onestà e rispetto per le Istituzioni...
Perché c'è differenza tra dire di sapersi comportarsi in maniera "integra" e mettere successivamente in pratica quanto si è dichiarato...
L'integrità è qualcosa che ci appartiene dalla nascita, è intrinseca nella nostra persona... si tratta soltanto crescendo... di non modificarla, in particolare con azioni meschine e comportamenti di cui (compiendoli), si sa già di non andare fieri, ed è proprio in quello sviluppo, che quei valori debbano essere conservati, alimentati... e protetti!!!
Non ci debbono essere per forza compromessi nella vita... si può anche decidere d'andar controcorrente... mettendo al primo posto della propria vita, quella coerenza personale e professionale, che alla fine ci permette d'affermare, di aver raggiunto definitivamente l'integrità morale...
Perché in fin dei conti, l'unica possibilità che un uomo ha per essere onesto, è essere sé stesso, sempre e in ogni situazione!!!

martedì 28 giugno 2016

Ma chi è l’onorevole Attaguile e in quali modi è giunto alla politica?


In questi giorni sono stato imputato a mezzo email, di aver attaccato ingiustamente il Presidente e Coordinatore Regionale del movimento "Noi con Salvini", in particolare (il simpatizzante leghista...) criticava la mia posizione, su quanto espresso nei riguardi del Dott. Angelo Attaguile, considerato dallo stesso interlocutore (riporto quanto mi è stato comunicato): persona integerrima, con grandi capacità professionali e fuori da quegli schemi preordinati della politica corrotta...
Da una disamina così particolareggiata e soprattutto, non avendo mai avuto modo di conoscere personalmente il Dott. A. Attaguile, mi sono premurato, affinché potessi meglio rivalutare la sua figura "politica" (anche perché, mai mi permetterei di esprimere giudizi personali... in particolare, proprio su persone che non conosco... ) e quanto segue quindi, rappresenta "in sintesi" quanto ho potuto trovare sul web, che ora, in risposta al mio interlocutore, Sig. Orazio V., vado qui a riportare...
Innanzitutto, ho scoperto che è entrato in politica (come molti dei suoi colleghi… usufruendo di quella strada privilegiata, già tracciata dai propri familiari, per tutti coloro che come ripeto da sempre... fanno parte dei quella cosiddetta “casta”...  e difatti anch'egli, poté usufruire delle orme del padre, già a suo tempo, politico italiano...
Sì... non dimentichiamoci mai che il nostro paese non è certamente l'Inghilterra, dove al figlio di un'autista di autobus (rifugiato dal Pakistan), cresciuto quindi in una famiglia povera di lavoratori -dove ogni soldo veniva risparmiato per poter essere rispedito ai propri familiari rimasti nel paese d'origine- sì, questo ragazzo con i soldi guadagnati da lavori saltuari, riuscì a pagarsi la facoltà di giurisprudenza, si laureò con il massimo dei voto, dopo di che, si aprì il proprio studio legale nella capitale, ed oggi è Sindaco di Londra... non mi sembra proprio che da noi queste storie potranno mai realizzarsi... anzi tutt'altro!!!
Continuando comunque quanto sopra: il padre, Gioacchino Attaguile, fu eletto nel 1963 senatore nella IV legislatura per la Democrazia Cristiana e quindi riconfermato nel 1968 e nel 1972, divenne sottosegretario alle Finanze nel III Governo Rumor ed in seguito al decesso di Salvatore Mannironi (il 10 aprile 1971) diventò Ministro della marina mercantile nel Governo Colombo; infine dal 1º agosto 1972 al 4 luglio 1976 ha fatto parte della Commissione inquirente per i procedimenti d'accusa…
Mentre Attaguile Jr. è giunto alla Camera quasi di nascosto, piazzato in posizione sicura nelle liste del Pdl, nella circoscrizione Campania 2, dall'amico Raffaele Lombardo...
L’ex governatore della Sicilia infatti, trombato al Senato, aveva fiutato l’implosione del suo Movimento per l’autonomia ed ha fatto in tempo a piazzare in collegi sicuri… i cosiddetti suoi ultimi fedelissimi: così infatti è stato per Antonio Scavone (ex manager dell’Asp di Catania, salvato da un seggio sicuro al Senato offerto dal Pdl in Sicilia) ed eguale copione ebbe appunto Attaguile Jr… paracadutato in Campania.
Dopotutto al figlio del senatore democristiano, Lombardo deve molto, perché, è proprio grazie alla vicinanza e all'interessamento con il padre, Attaguile Senior, che l’ex governatore si è avvicinato da giovanissimo alla politica…
Qualcuno racconta che, Angelo Attaguile e Raffaele Lombardo, sono già democristiani da quando indossavano ancora i calzoncini corti e andavano in giro per le strade di Grammichele; la stessa cittadina (in provincia di Catania) che ha dato i natali ad entrambi.  
Lombardo quindi, per sdebitarsi con Attaguile Jr, lo mandò a Montecitorio come ultimo avamposto dell’autonomia siciliana a Roma... 
Certo non si sospettava che al primo giro di boa, il suo “fidato” amico Attaguile Jr. sarebbe finito a sedere tra i leghisti, non certo tra i più fedeli difensori della sacra autonomia della Sicilia. 
Ma, proprio per ironia della sorte, se sono rimasti in parlamento, lo devono proprio ad un siciliano… di quella Milano del Sud (Catania): incredibile, ma proprio Attaguile Jr., diventa l’uomo che rende possibile la sopravvivenza della Lega Nord, almeno sulla carta geografica della Camera dei deputati.
Infatti, secondo il regolamento di Montecitorio, per comporre un gruppo parlamentare indipendente occorrono 20 deputati, mentre, a quella tornata elettorale, il partito di Roberto Maroni si era fermato a quota 18 e quindi necessitava trovare celermente altri 2 voti ( perché poi sempre di questo alla fine si tratta…); ed ecco allora giungere in soccorso, il valdostano Rudi Marguerettaz (dell'Union Valdotaine) è l’Avv. Attaguile Jr., entrato ormai tra i ranghi dei nordici eredi del dio Pan, figlio di Ermes e della ninfa Penelope…
Infatti, il 9 Gennaio “Il Fatto Quotidiano” scriveva: a guidare “Noi con Salvini”, in Sicilia (la costola della Lega Nord con Casa Pound e gli ex Pdl) ci sarà un democristiano di lungo corso, Angelo Attaguile; e sì… il deputato etneo ( dopo aver salvato la Lega…) è passato ora alla ”cassa”, rivendicando per sé il ruolo di leader del neonato movimento “Noi con Salvini”
Ed allora, ecco le prime dichiarazioni promozionali: “potenzialmente potremmo andare oltre il 10 per cento, anche il 15, o forse anche più su” e si da inizio ai preparativi della prima convention siciliana del neonato movimento filo leghista: l’appuntamento è per sabato pomeriggio al Grand Hotel delle Palme di Palermo (è lo stesso albergo in cui Vito Genovese incontrava Charles Poletti, capo degli affari civili dell'amministrazione militare alleata; è lo stesso albergo che nel 1957 riunì i capi di Cosa nostra americana e quelli della mafia siciliana; è sempre lo stesso albergo nel quale s’incontravano i Sindaco catanese Ing. Luciano Maugeri, con i due assessori di sicuro futuro: Salvo Lima ai Lavori pubblici, e Vito Ciancimino alle Aziende municipalizzate...), si è vero l’Albergo è bellissimo, ma come prima uscita, forse, si poteva scegliere diversamente…  
Sembrava solo pochi anni fa, un'operazione impossibile, quando proprio la Sicilia veniva additata insieme alle regioni del sud… il "male" dell'economia florida dell'Italia... il meridione completamente improduttivo a differenza di quella (speranzosa secessionista) terra padana del Senatour, Umberto Bossi...
Ma di tempo ne è passato... e ora, all'interno di questo nuovo movimento sono tutti a dire che... “ le parole di Bossi… tempi che furono…” ora bisogna ripartire!!!
E difatti si è visto… i Siciliani hanno scelto su chi puntare e tra questi ahimè non c’è ne il movimento “ Noi con Salvini” e neppure il Suo Presidente e Coordinatore regionale, Attaguile Jr....
Si vede che il tempo delle chiacchiere è finito, come forse si è conclusa questa Sua esperienza fallimentare con il movimento “Noi con Salvini”.
Ho l'impressione che i siciliani hanno compreso che è tempo di guardare oltre…  senza farsi più sottomettere da uomini di partito che, se da un lato promettono (e “forse” come diceva il Sig. Orazio V. a volte mantengono…) “posti di lavoro" o quant'altro, di contro, per quelle concessioni, si sa... si distrugge quanto di buono ancora possiede la parte sana e onesta (e certamente produttiva) di questa nostra terra...
E' tempo di dire basta!!!

lunedì 27 giugno 2016

Catania: s'insedia il nuovo Procuratore Capo.

Dopo quasi nove mesi di reggenza, finalmente la Procura di Catania ha il suo nuovo Procuratore Capo..
Il Consiglio superiore della magistratura, ha scelto Carmelo Zuccaro, che rappresenta sicuramente per la città etnea, la migliore soluzione di continuità all'ex Procuratore Giovanni Salvi, visto che lo stesso Zuccaro, ne è stato uno dei suoi più fidati collaboratori...
E' un giorno importante, in virtù soprattutto, dei riconoscimenti acquisite nel corso della propria esperienza professionale... 
Certo, non si può continuare a pensare che, la lotta alla mafia, possa passare esclusivamente da un pool di magistrati, che tentano di ripulire questa città dai persistenti tentacoli che l'attanagliano... 
Ormai, assistiamo impotenti ai duri colpi inferti costantemente alla criminalità e a quel mondo corrotto all'interno delle PA e/o delle istituzioni e serve a ben poco, continuare a lottare, se come primo obbiettivo, non si cerca di modificare il sistema, le coscienze, mettendo in pratica soprattutto quella certezza... delle pene!!!
Il problema della città non sono i suoi uomini mafiosi... quelli si conoscono tutti, nomi, cognomi, appartenenza e domicilio...
Qui il problema da risolvere, è rappresentato da quei colletti "grigi" che, sotto forma di persone "rispettabili", violano in maniera celata, la fiducia formalmente o implicitamente attribuita... al fine di assicurarsi vantaggi personali...
Questi, godendo del prestigio raggiunto, utilizzano la propria "rispettabilità" e soprattutto, quella acquisita condizione di benessere, per condizionare anche i propri collaboratori (o subalterni), affinché diventino anch'essi collusi con quel sistema... 
Attraverso le propria abilità e scaltrezze, fanno sì che non si giungano mai a scoprire gli autori di quei reati e nei casi in cui dovessero essere individuati, faranno sempre in modo d'assicurarsi quelle necessarie protezioni (grazie agli amici con i quali si è collaborato negli anni...) affinché si resti totalmente impuntiti, attraverso processi di auto-legittimazione, che giustifichino quella propria condotta deviante...
Ecco è questo il sentiero su cui bisogna puntare ed oggi grazie a questo Procuratore Capo, spero si potrà intervenire incisivamente nelle coscienze di una città, quella di Catania, che più di altre ha bisogno di rinnovarsi!!!
Oggi infatti, c'è bisogno di un rinascita morale e culturale, perché non bastano più le operazioni di contrasto, i sequestri della Dia, gli interventi delle forze dell'ordine tutte... ora è giunto il momento di tracciare un nuovo e diverso percorso, dividendo ciò che è stato da sempre, da ciò che potrà essere per il prossimo futuro...
Non basta quindi procedere per come si è fatto... arrestando di volta in volta, nuovi soggetti, che poi di fatto, avevano sostituito quanti li avevano preceduti e già nuovi ne hanno preso il loro posto, bisogna fare in modo che si punti su una città dove il rispetto delle regole, i principi di giustizia e legalità, siano valori fondanti non solo della vita del singolo, ma dell'intera collettività...
Non ci resta che sperare...

venerdì 24 giugno 2016

Indipendence Day - la Gran Bretagna ha scelto: fuori dalla UE!!!

Neppure gli scommettitori avevano voluto pronosticare il risultato, considerato sin dal primo momento... incerto!!!
Difatti, è stato un testa a testa costante, con continui  e ripetuti ribaltamenti, ma alla fine hanno vinto loro... quelli del "Leave" e così il 52% della popolazione ha scelto di andare via dalla UE. 
Per adesso questo è quanto ha deciso il popolo (si vede che siamo in un'altra democrazia... da noi i nostri referendum non servono a nulla... si sceglie un programma e poi si continua come nulla fosse accaduto...). 
Il premier Cameron, ha già annunciato che fra alcuni mesi lascerà e sarà necessario una nuova leadership per contrattare i negoziati con l'UE...
A differenza nostra in cui vince l'astensionismo... lì da loro c'è stata una alta affluenza alle urne con un buon 73% degli aventi diritto al voto!!! 
Una cosa è certa... questo è soltanto il principio... adesso già si parla di domino tra i paesi del nord europa... 
Svezia, Danimarca, Olanda e Belgio, hanno dichiarato la loro disponibilità ad uscire dall'unione europea...
Stessa situazione accadrebbe in Italia se almeno... potessimo scegliere... 
L'entrata nella UE e soprattutto nell'euro ha dimostrato essere stata fallimentare... ha fatto precipitare il nostro paese nella crisi attuale e soltanto i grossi gruppi bancari e imprenditoriali, hanno beneficiato di questa politica... il resto, noi semplici cittadini siamo rimasti completamente fregati...

Anche il nostro Presidente del Consiglio ha compreso l'importanza di quel voto... ed ha annullato l'incontro fissato con il proprio partito...
Altresì, il presidente del Consiglio Ue, Donald Tusk, ha dichiarato che la Ue è determinata a mantenere la sua unità e ha sottolineato che fino a quando la Gran Bretagna ufficialmente non lascierà, si continuerà formalmente ad applicare le norme della UE, annunciando comunque un incontro informale del Consiglio Europeo entro fine mese, per discutere sul futuro dell'UE.

I mercati finanziari cominciano a dare i primi segnali e le Borse mondiali hanno aperto tutte in negativo... 
Ovviamente, il primo a festeggiare è Farage esordendo... "finalmente potremmo cantare il nostro inno senza che Bruxelles ci dica che è sbagliato", questa è "una vittoria della gente vera, una vittoria della gente ordinaria, una vittoria della gente per bene". 
Una vera e propria vittoria per la democrazia, contro le multinazionali, le banche con le loro bugie e inganni...
Farage ha aggiunto: il 23 giugno dovrà essere ricordato e festeggiato come l'Independence Day della Gran Bretagna. 
Ed ha aggiunto... "è ora che il primo ministro David Cameron, dia immediatamente le proprie dimissioni... mi auguro che questo sia il primo passo verso un'Europa di stati sovrani".
Ormai è certo... ad Ottobre ci sarà un nuovo primo ministro, anche se ottantaquattro deputati conservatori (schieratisi a favore della Brexit) hanno chiesto al primo ministro di rimanere al suo posto...
Una cosa è certa... la sterlina in Borsa sta crollando.. oggi ha raggiunto il suo minimo storico dopo 30 anni
I listini asiatici chiudono in perdita, e l'apertura delle Borse europee è drammatica... la moneta britannica affonda e sta trascinando verso il basso anche la nostra euro...
Vola invece l’oro, il classico bene rifugio, che ha segnato guadagni in un giorno di quasi l’8% rispetto all'apertura degli scambi asiatici, raggiungendo i massimi da oltre due anni: il metallo giallo è salito fino a 1.359 dollari, il miglior risultato dal 19 marzo 2014. 
Secondo gli operatori, il mercato reagisce, oltre che al voto favorevole all'uscita della Gran Bretagna dalla UE, anche al periodo di incertezza che si aprirà a breve per l’intera Unione. 
Petrolio in forte ribasso, con il barile Wti che cede il 6,35% e viene scambiato a 47 dollari, mentre il Brent perde il 6,4% e arriva a quota 47,65 dollari al barile.
Le borse asiatiche stanotte sono andate giù: Tokyo ha chiuso a -7,9% , Seul a -3, %, Hong Kong -2.9% e Shanghai dell’1,3%... mentre quelle europee hanno aperto con il -10% a Francoforte, -8,5% a Madrid, -8% a Parigi e -8% a Londra. 
Allo stesso modo Milano... era talmente al ribasso, che le negoziazioni non sono nemmeno partite, già intorno alle 9.00 si segnava un calo teorico dell’indice FTSE MIb del 14,60%. 
Sembra incredibile, ma persino la moneta dello Zimbabwe sta guadagnando sul Pound inglese... 

giovedì 23 giugno 2016

"Noi con Salvini": ed ora, sovrapponendo quei "buoni risultati" a questi ultimi, dove si è giunti???


Volevo riproporre quanto lo scorso anno era stato dichiarato  dall’On. Angelo Attaguile (Segretario Nazionale e Coordinatore in Sicilia di "Noi con Salvini") a conclusione del voto delle Amministrative Siciliane 2015:
http://catania.livesicilia.it/2015/06/02/noi-con-salvini-attaguile-buoni-i-risultati-raggiunti_342460/
In quel periodo... restai sorpreso nel leggere di quella grande soddisfazione per quei risultati raggiunti (in soli tre mesi dalla nascita del movimento), ed allora, ho voluto attendere un anno, prima di valutare in quali modi si sarebbe evoluto questo movimento politico...
Oggi, ad un anno esatto, mi ritrovo ad esaminare le votazioni appena concluse e noto per l'ennesima volta... un fallimento totale!!!
Una vera e propria débacle organizzativa, inequivocabile, in tutta la regione ed in particolare nelle province in cui si pensava di vincere...
Si può notare come, inoltre, si è distrutta l'immagine positiva che in questi mesi, il Segretario Nazionale Matteo Salvini si era costruito... ricucendo quei conflittuali rapporti tra Nord e Sud, esasperati ai tempi del suo ex leader Umberto Bossi... 
Ora purtroppo... anche l'esperimento avviato con la lista "Noi con Salvini" (poteva rappresentare l'anticipazione di una nuova realtà politica a modello "Lega Sud") si è affievolito sempre più per sprofondare in un completo fallimento, a causa dell'inadeguata capacità organizzativa proprio del suo coordinatore regionale: sarebbe bastato mettere in campo dei soggetti esordienti ed un programma innovativo che mostrasse non solo concretezza, ma che risultasse lontano da tutti quegli stereotipi di cui ormai la gente è stanca... 
Dopotutto, erano le stesse proposte che sono state presentate dagli esponenti del M5Stelle, che hanno espresso, grazie ad una politica accorta e realizzata con il modello "porta a porta", di essere senz'altro più convincenti ed è il motivo per cui hanno vinto quasi ovunque...
Comunque, preferisco parlare attraverso i numeri...
Le amministrative, sin dalla prima consultazione, hanno dimostrato (per la lista "Noi con Salvini") percentuali molto risicate, senza che vi fosse un eletto al primo turno tra i sindaci...
Avevo letto nella loro pagina ufficiale di Facebook: sostieni i sindaci sostenuti da "Noi con Salvini", 15 minuti del tuo voto valgono 15 anni di buongoverno in Sicilia,  seguito da un poster con la foto degli aspiranti Sindaci...
Vi era a Noto, Corrado Figura, fermatosi a 5.427 preferenze pari al 46,20% (di contro è stato eletto a Sindaco Corrado Bonfanti che ha ottenuto 6.320 voti il 53,80%), quindi, Angelo D'Anna vincitore a Giarre (sì... è il nuovo Sindaco... ma grazie all'accordo stretto con Salvo Vitale che al primo turno elettorale era giunto al terzo posto con 3275 voti); analoga situazione per Gino Ioppolo, nuovo Sindaco di Caltagirone (ma da quanto ho potuto vedere è sceso in campo con altri loghi: Forza Italia, Caltagirone ci unisce, Caltagirone domani, Noi calatini e Pdr-Sicilia Futura... di "Noi con Salvini" neppure l'ombra...) ed infine, Stefano Battiato a Lentini, uscito sconfitto dal ballottaggio, in quanto il concorrente Bosco ha riscosso più del 55% delle preferenze, mentre egli ha di poco superato il 44%...(ed anche qui stranamente della lista "Salvini" neppure l'ombra... ma esclusivamente: Lentini Protagonista, L'Altra Lentini, Tutti Noi Evoluzione Civica, Popolari per Lentini, M.I.D. Iniziativa Democratica, Lentini Sarà Bellissima, Attivamente).
Anche lo scorso anno, nei dieci comuni in cui si era presentata, non era riuscita a piazzare alcun sindaco e neppure a mandare i suoi candidati al ballottaggio...
Ricordo per esempio... Agrigento, dove il deputato Marcolin si era piazzato terzo con il 9,22% (mentre la lista 'Noi con Salvini' si era fermata soltanto al 3,56%); oppure a Milazzo, dove Giuseppe Ragusi si era fermato al'l,53% delle preferenze (con 1,26% la lista); analoga situazione si era ripetuta a Gela, dove Antonio Giudice, non era riuscito ad andare oltre l'1,05%; mentre un po' meglio era andata a Lorenzo Seminerio a San Giovanni La Punta, che, con il suo 11,77% si era classificato terzo (la lista comunque s'era fermata al 5,20% ); tra le delusioni vi era Marsala, dove Vito Armato era risultato ultimo con l'1,37%, ed eguale risultato, aveva ottenuto Paolo Corrao a Villabate, con il suo 9,38%, (la lista... soltanto il 5,90% ). 
Proseguendo (ma... soltanto per ricordare), tra tutti i Comuni in cui si votava sotto i 15.000 abitanti, nessun esponente del partito di Salvini, nei tredici ballottaggi, fu eletto... e soltanto a Pedara, Gaetano Patralia si posizionò terzo con il 9,37% (mentre la lista si è fermata al 6,12%); di contro, nei sette Comuni in cui era presente la lista (Gela, Marsala, Milazzo, Agrigento, Pedara, San Giovanni La Punta e Villabate) soltanto la metà di questi superò la soglia di sbarramento del 5% ; infatti, ciò, riuscì soltanto a Villabate, Pedara e San Giovanni La Punta!!!
Oggi in tutti i comuni siciliani in cui si è votato, Alcamo, Antillo, Barrafranca, Calascibetta, Caltagirone, Canicattì, Capo d'Orlando, Caronia, Falcone, Favara, Ferla, Ficarra, Galati Mamertino, Giarre, Grammichele, Lentini, Montevago, Noto, Patti, Porto Empedocle, Ramacca, Rodì Milici, San Marco d'Alunzio, Sant'Angelo di Brolo, Sortino, Terrasini, Torregrotta, Vallelunga Pratameno, Vittoria, la costola della Lega Nord "Noi con Salvini"... ha raccolto soltanto briciole...
Come dicevano i latini... "Errare humanum est, perseverare autem diabolicum"!!! 
Mi chiedo... ma con queste cifre, dove si vorrebbe andare? 
Stiamo parlando di numeri che, in percentuale e cioè "spalmati" su tutta la regione rappresentano l'1-2%... 
Comunque una cosa è certa, in questi due anni d'amministrative la Lega o meglio "Noi con Salvini" ha subito una battuta di arresto... anzi direi... che non è proprio partita!!!
Quel progetto d'espansione al Sud ha dato esiti fallimentari, in quanto costruito su personaggi "consumati" della politica... e dove, non si è voluto (o non si è saputo) investire su altri, certamente sconosciuti, ma forse più entusiasti di entrare a far parte in quel mondo della politica!!!
Salvini, dopo aver perso la Capitale, Milano e il Sud... dovrà ora cominciare a difendersi anche dagli attacchi interni del proprio partito... a cominciare da quell'Umberto Bossi che, defenestrato a causa delle inchieste che l'avevano coinvolto con il "cerchio magico", ora a distanza di alcuni anni, vorrebbe rientrare a battere i pugni sul tavolo...
Se Matteo Salvini vuole ancora tentare di riorganizzarsi in Sicilia, è tempo che modifichi questa propria dirigenza, allontanando definitivamente dal proprio partito quei nominativi... che ormai da troppo tempo, vivono quale "mantenuti" di una compassata (e aggiungerei deteriorata) politica...
Dopotutto... dando ragione a quanto espresso in questi giorni dall'ex leader, Umberto Bossi: "Chi comanda ha la responsabilità, ed oggi Salvini comanda e quindi è lui ad avere tutta la responsabilità della sconfitta ai ballottaggi"!!! 
Anche perché... sono sempre parole del Senatour... a me non piace la direzione che ha preso la Lega Nord ma, per la verità, non ho nemmeno capito bene che direzione abbia preso Salvini... vuole sfondare al Sud ma non vedo un programma, un piano; per cui andare al Sud solo per raccattare un po' di voti e poi scappare per avere qualche voto o qualche poltrona in più, secondo me è un'idea peregrina che non porterà da nessuna parte".
Sembra incredibile... ma per questa volta voglio ricredermi, trovandomi perfettamente concorde con quanto da lui espresso!!!

mercoledì 22 giugno 2016

La "zona grigia"...

Ormai non si contano più i provvedimenti di fermo nei confronti di amministratori operanti nel settore imprenditoriale...
Le disposizioni emesse, a firma dei Sostituti Procuratori, hanno riguardato tutti quei soggetti che da sempre operano nella cosiddetta “zona grigia”, in virtù di quella ormai consolidata evoluzione che quest'ultimi hanno raggiunto (in sodalizio) con personaggi di note associazioni criminali...
Infatti, utilizzando in modo sistemico la rete e gli agganci a loro disposizione (anche presso gli uffici delle P.A.), riescono a condizionare e alterare gli equilibri di una classe dirigente sempre più sottomessa...
Le  varie Procure hanno da tempo individuato un connubio ben organizzato, tra i componenti di associazioni criminali e questi "variopinti" professionisti...
In particolare, le indagini hanno fatto emergere che quest'ultimi si prestano ben volentieri (in cambio ovviamente di una discreta remunerazione...) ad eseguire quanto viene loro comandato...
Fra questi, spiccano alcuni soggetti che non sono nuovi a situazioni poco chiare, ma che nel corso della loro esperienza professionale... sono stati capaci di curare quegli aspetti necessari al fine di ottenere quanto utile per i loro fini...
Ed è proprio grazie a quelle amicizie e conoscenze, che è stato possibile scoprire dagli organi inquirenti quella fitta rete relazionale, in grado d'influenzare la condotta di alcuni funzionari "perbene", in virtù di risoluzioni antecedenti, di quelle problematiche familiari che non trovavano soluzione a causa della ben nota crisi occupazionale...
Difatti, senza mai accentuarne quel favore dato, si è stati in grado di condizionarne le decisioni successivamente prese da quegli uomini della PA... facendo leva, proprio su quel "beneficio" a suo tempo concesso... 
Le risultanze emerse hanno consentito d'evidenziare a vario titolo, tutta una serie di reati, quali per esempio: l'associazione a delinquere di stampo mafioso finalizzata all'intestazione fraudolenta di beni per eludere le disposizioni in materia di prevenzione patrimoniale, falso in bilancio, estorsione, concorrenza sleale, pressione sui funzionari delle P.A. per l'assegnazione d'appalti nelle opere di grande rilievo... 
Sul registro degli indagati, figurano  noti personaggi... 
Sono i nomi di "corrotti" amministratori, che mostrano di continuare imperterriti in quelle losche contrattazioni... stando sempre in equilibrio tra un mondo "civile" che li vorrebbe "corretti" ed un'altro "tentacolare" che fa di tutto per renderli "corrotti e disonesti"... sempre assoggettati a quei rapporti con la politica malsana, con le amministrazioni locali, ma soprattutto con quei dirigenti e funzionari pubblici... da troppo tempo collusi.
L'altra notte ho fatto uno strano sogno...
Sì... ero nella mia Catania ed osservavo meravigliato come tutto fosse in regola: già, i politici si dedicavano alle problematiche della città, gli amministratori gestivano in modo regolare le proprie società, i professionisti si dedicavano con passione a quelle proprie consulenze, ed i ladri... facevano i ladri; e non come adesso in cui, i politici fanno i ladri, gli amministratori e i professionisti... rubano ed i ladri, non sanno più che cazzo fare, perché fanno tutto i politici, gli amministratori e i professionisti!

martedì 21 giugno 2016

C'è gente invece... che non dorme mai!!!

Ammettiamo che in questa zona, in questa provincia, operino dieci ditte appaltatrici: ogni ditta ha le sue macchine, i suoi materiali: cose che di notte restano lungo le strade o vicino ai cantieri di costruzione; e le macchine son cose delicate, basta tirar fuori un pezzo, magari una sola vite: e ci vogliono ore o giorni per rimetterle in funzione; e i materiali, nafta, catrame, armature, ci vuole poco a farli sparire o a bruciarli sul posto. Vero è che vicino al materiale e alle macchine spesso c’è la baracchetta con uno o due operai che vi dormono: ma gli operai, per l’appunto, dormono; e c’è gente invece, voi mi capite, che non dorme mai. Non è naturale rivolgersi a questa gente che non dorme per avere protezione?”.
Siamo a pagina 7 del Libro di Sciascia: Il giorno della civetta.
Come non ricordare altresì il regista Damiano Damiani che nel 1968 ne fece un film con Franco Nero e la bellissima Claudia Cardinale...
Vi ricordate il capitano Bellodi... comandante della compagnia dei Carabinieri di C. (un personaggio al quale Sciascia si era ispirato prendendo spunto dal "reale" capitano dell'arma di Agrigento: Renato Candida, divenuto poi Generale...) e di quei dialoghi con il fratello del costruttore edile ucciso dalla mafia locale, Salvatore Colasberna...
Bisogna rammentare che fino a quel momento, la mafia, era una concezione astratta, una parola che non doveva essere mai pronunciata, anzi se ne doveva negare l'esistenza...
Nessuna informazione doveva emergere e la politica doveva starne fuori... o meglio, doveva  occuparsi esclusivamente di far ricevere i finanziamenti per gli appalti (da girare alle proprie imprese associate...) ed in cambio (il partito) l'ex Dc... ed i suoi uomini, avrebbero ricevuto i cambio quei voti pattuiti...
In che modo...??? 
C'è lo dice lo stesso capitano Bellodi...
“Ci sono dunque dieci ditte: e nove accettano o chiedono protezione. Ma sarebbe una associazione ben misera, voi capite di quale associazione parlo, se dovesse limitarsi solo al compito e al guadagno di quella che voi chiamate "guardiania"; la protezione che l’associazione offre è molto più vasta. Ottiene per voi, per le ditte che accettano protezione e regolamentazione, gli appalti a licitazione privata; vi dà informazioni preziose per concorrere a quelli con asta pubblica, vi aiuta al momento del collaudo e soprattutto tiene buoni gli operai… 
"Minchia... stu cazz' i libru pari scrittu ora... i'e no cinquant'anni fa!!! Pi davveru... curnutu do riavulu, si ci pensi... di tannu a' oggi ca cangiatu... nenti!!!".
E difatti cos'è cambiato???
Il controllo prepotente del territorio, degli appalti, della ricchezza di questa terra è rimasto da sempre in quelle stesse mani... o meglio a disposizione di quella associazione, che nel corso degli anni si è andata evolvendo, affidando a seconda delle circostanze, quel proprio patrimonio a suoi "adepti" prestanome...
Sono gli stessi uomini e/o donne che, di volta in volta (a seconda delle indagini giudiziarie...) vengono arrestati ed il patrimonio intestato loro, viene confiscato...
D'altronde, la gestione mafiosa negli appalti pubblici ha permesso che si alimentasse quella corruzione nelle pubbliche amministrazioni, accrescendone lo scambio di voto e legando in maniera indissolubile, la classe politica con l'associazione criminale...
Di contro, gli appalti di quelle opere pubbliche hanno permesso che la corruzione dilagasse anche tra quelle persone che di fatto, avrebbero dovuto controllare...
Analogamente, il flusso di denaro circolato con gli appalti a permesso a quel "sistema mafia" di riciclare tutto il denaro sporco proveniente dai traffici illeciti, in denaro pulito... ed ora, reinvestito in moderne e limpide attività commerciali!!!
Oggi, il pericolo più grave non è quello rappresentato dalla visibilità espressa sotto forma di violenza da parte di quei delinquenti, ma è la parte più nascosta della mafia: quella che scava nella società, quella che si addentra nelle istituzioni e nell'economia, quella cioè che controlla ogni parte del nostro territorio, ed è la stessa che da sempre, corrompe gli uomini e ne impedisce lo sviluppo e la democrazia!!!
Riprendendo Sciascia: ad un certo punto della vita non è la speranza l'ultima a morire, ma il morire è l'ultima speranza!!!


lunedì 20 giugno 2016

Votare... secondo le indicazioni del partito!!!


Quanta limitatezza vi è in questa affermazione...
L'ho ascoltata in Tv questa mattina... ed è la risposta data ad una esplicita domanda...
Vi starete chiedendo a chi....???
Beh... la domanda è stata posta al nostro ex presidente del consiglio, Massimo D'Alema... il quale ha pure aggiunto (tanto per completare quella già sua povera... indipendenza morale) "per come ho sempre fatto"...
Mi fa quasi tenerezza... è rimasto hai tempi di Lenin!!!
Il Pd non vuole comprendere... o meglio il suo attuale segretario di partito, Matteo Renzi, non ha ben compreso che i tempi degli #hastag sono finiti... e avrebbe dovuto iniziare (per come aveva dichiarato durante la propria propaganda personale) a rottamare... 
Sì... a cominciare con tutti questi signori del suo partito che da trent'anni sono seduti in quelle poltrone ed hanno distrutto questo nostro paese: sia quando sono stati al governo che quando si sono trovati all'opposizione, a causa di quel loro modo di ragionare... meglio conosciuto col nome di "coesione istituzionale". 
Fintanto che i privilegi sono rimasti inalterati... la politica sarà considerata dai cittadini come qualcosa lontano anni luce, e difatti hanno dato per l'ennesima volta un segnale importante e cioè quello di non andare a votare...
Difatti, soltanto un cittadino su tre si è recato al seggio e propriamente per far vincere il M5Stelle e/o qualche esponente di centro destra...
Per il resto caro Matteo... il "PIANO MARSHALL " del Pd è stato un completo fallimento e credo che a breve (sto pensando al prossimo referendum d'Ottobre) la disfatta sarà completa!!!
Caro Presidente... da "salvatore della patria", vedrà... finirà cacciato e quei suoi diktat, a modello ricatti "o con me o senza di me", finiranno per colpirla come un boomerang amaramente!!! 
Vede, a proposito dei 5Stelle, cambiamento significa movimento... e movimento significa frizione. 
Il movimento (o il cambiamento) senza frizioni (o conflitti) appartiene solamente al "vuoto" perfettamente rappresentato in un mondo astratto che di fatto non esiste...
Vedere difatti come, la Raggi a Roma, l'Appendino a Torino, a Napoli De Magistris, a Trieste Dipiazza e poi Isernia, Pordenone, Carbonia, Olbia, Savona, Crotone, Caserta, Grosseto... abbiano vinto... è la dimostrazione esaustiva di come questo cambiamento sia in atto e di come questo centro-sinistra abbia esclusivamente perso!!!
Ho letto che il Pd ha ammesso la sconfitta senza attenuanti... ma nel contempo ha rivendica una vittoria chiara e forte nelle città di Milano e Bologna...
Mi viene da ridere... a Bologna una città da sempre "rossa" sin dai tempi di "Peppone e Don Camillo", ed ora si vorrebbe premiare questo risultato... ci mancava pure che perdessero lì ed allora sì che il premier Renzi poteva scapparsene dal Pd...
Vorrei comunque aggiungere che per il centro-sinistra questo risultato rappresenta una disfatta... soprattutto morale... in quanto l'antagonista del centro-destra è riuscita a raggiungere il 45.3% dei consensi, che rappresenta per questa città... un dato incredibile!!!
Inoltre non bisogna dimenticare che la fortuna del Pd... è stata quella di non avere avuto al ballottaggio un esponente del M5Stelle... perché in quel caso, si sarebbe ripetuto quanto accaduto a Roma... dove i voti del centro-destra, sarebbero andati ad sommarsi a quelli del movimento ed allora sì... che avremmo visto la capitolazione della mia città o meglio quella che mi ha dato i natali...
Ed infine Milano, analoga situazione di sopra... Sala è riuscito ad avere la meglio su Parisi... perché gli elettori "liberi moralmente" del M5Stelle hanno preferito astenersi... mentre se fosse stato al contrario... (con un esponente del M5Stelle al ballottaggio...) anche Milano sarebbe stata assoggettata!!!
Comunque una cosa è certa... perdono tutti i partiti!!!
Dal Pd... alla Lega di Salvini, dal Cavaliere a tutte quelle coalizioni nelle quali si sono celati (all'interno di liste civiche e quant'altro...) i soliti mediocri personaggi, tutti ex appartenenti a quei vecchi partiti della dc, ulivo, margherita, alleanza nazionale, comunisti e socialisti e con l'aggiunta di quelle finte destre più ad uso portaborse che altro... per sostenere i voti nelle campagne elettorali nazionali!!!
E' finito il tempo di questi sciacalli... adesso è il momento di cambiare aria, perché ormai gli italiani sono stanchi di sentire cazzate e di essere sommersi da questo putrido odore malsano, compostaggio di corruzione e illegalità...
Gli Italiani non hanno bisogno degli 80,00 euro... o dei 500,00 donati per incentivare l'acquisti... ora è tempo di persone oneste e perbene e non vi è più spazio per falsi moralisti che poi... appena siedono in quelle poltrone, pensano esclusivamente i propri interessi!!!
Sono certo che adesso, grazie a questi nuovi sindaci, s'inizierà innanzitutto a fare pulizia... e difatti, sin d'ora sono certo che nei giorni avvenire... ne sentiremo delle belle, grazie all'operato delle procure, in particolare penso a quelle di Roma e di Torino!!!

domenica 19 giugno 2016

Enzo Tortora: "Solo tre categorie di persone (ho scoperto) non rispondono dei loro crimini: i bambini, i pazzi e i magistrati".

Quante lettere dal carcere... 
Sono quarantaquattro gli scritti di Tortora alla propria compagna Francesca Scopelliti e in molte di quelle lettere, il presentatore esprime tutta la propria delusione per questo paese così ingrato e cinico, sempre alla ricerca di nuovi capri espiatori sui quali poter gettare fango... 
Riportava: "sto pensando di chiedere il cambio di cittadinanza, questo Paese non è più il mio”...
Ed ancora, non ha risparmiato i media ed i propri colleghi che gli hanno girato le spalle ( hanno preferito farsela alla larga... pur di non restare coinvolti): "Non parlatemi della Rai, della stampa, del giornalismo italiano... è pura merda...".
Come dargli torto... sono passati quasi trent'anni dalla sua scomparsa, da quel lontano 18 maggio del 1988 ed oggi, cosa è cambiato nella giustizia, in quei principi morali, in quelle virtù consistenti nel dare a ciascuno il dovuto e nel giudicare sempre e tutti... con equità???
Ma perché cambiarlo questo sistema, quando si sa, fa comodo a molti... 
A chi ruba ed evade, a chi sfrutta sessualmente minori, a chi corrompe con mazzette, a chi quelle tangenti le pretende, a tutti quei politici, funzionari, dirigenti e uomini delle istituzioni corrotti, a quei presidenti d'associazioni note, che poi... di volta in volta, vengono indagati...
Questo sistema è una manna per tanti, già, perché con qualche discreto "azzeccagarbugli" se ne può uscire con una semplice sanzione o al limite qualche condanna senza alcun giorno in carcere...
Mentre di contro, le persone innocenti finiscono in carcere senza alcuna colpa!!! 
E' il caso di Enzo Tortora o del "ragazzo della giudecca" Carmelo Zappulla, anch'egli finito erroneamente in una cella, per poi scoprire con una nuova sentenza, li ha giudicati estranei a quelle vicende, per non  aver commesso il fatto!!!
In quelle lettere si legge tutto il disagio di un uomo che perde all'improvviso la propria libertà e si trova costretto a vivere in condizioni mostruose all'interno di un penitenziario: siamo in sette in pochi metri e chissà perché si dice che siamo "al fresco" quando io in questa cella muoio di caldo e soprattutto non vi è alcuna privacy... anche quando sono al cesso, da un buco apposito è consentito loro vedermi..."
Hanno avuto il coraggio di definirlo "camorrista"!!! 
Era il 23 giugno 1983 quando l'hanno arrestato con tanto di televisioni e giornalisti a seguito... e fino a gennaio dell'anno consecutivo, fu costretto a rimanere in cella, quando alla maggioranza di quegli abituali delinquenti di cui sopra... è stato permesso di rimanere in casa propria, in quella cosiddetta (e aggiungerei lussuosa...) "libertà vigilata"...
Ma ad Enzo... no, lui lo si doveva umiliare "fino al midollo" ed in parte ci sono pure riusciti...
E' grave quando scrive: "non hanno niente in mano" è una lotta impari di questa farsa del tutto italiana, "fra me innocente e l'accusa, impegnatissima a dimostrare il contrario... una farsa che purtroppo durerà troppo a lungo...".
In quelle lettere non vi è soltanto rabbia... ma anche sofferenza fisica per l'ingiustizia subita da parte della nostra "giustizia" italiana... e proprio in quelle parole che Tortora esprime la sua massima accusa: "Solo tre categorie di persone (ho scoperto) non rispondono dei loro crimini: i bambini, i pazzi e i magistrati".
Ed ancora quando parla del periodo estivo in cui tutto viene sospeso... già, quando consiglia alla sua Francesca d'andare in vacanza, per come era in uso nei palazzi di giustizia (interminabile periodo feriale che iniziava dai primi di luglio e si protraeva fino a metà settembre): “La giustizia è al mare, noi nella merda”.
"Mi hanno rovesciato di tutto, mi hanno messo alla gogna, quasi fossi veramente un malfattore..."; un vero peccato che non ci si potesse rivolgere a quell'oracolo... tanto conosciuto come "bocca della verità"... lì almeno avrebbe potuto inserire la propria mano e riacquistare immediatamente la propria libertà... e non per come poi accaduto, gettato lì... in quella cella, in attesa di una "giustizia" (mai celere) che alla fine ha dato quale responso (aggiungerei era l'unico possibile...) quello che Enzo Tortora fosse totalmente innocente!!!
Sì... ma per quella colpa (ed anche per molte altre...) nessuno ha mai pagato!!!
Dopotutto è come dicevo sopra: la giustizia è come una tela di ragno: trattiene gli insetti piccoli, mentre i grandi trafiggono la tela e restano impuniti e liberi... 

venerdì 17 giugno 2016

Catania... nuovamente sotto controllo!!!


Non voglio fare processi moralistici e tanto meno mi va di colpevolizzare l'intero sistema dei controlli, ma certamente in questi anni, alcuni funzionari pubblici predisposti a quelle verifiche, hanno dato dimostrazione più d'immobilismo, che di reale interessamento...
Dopotutto, non vi è stato giorno in cui la cronaca locale, non ci abbia omaggiato di qualche scandalo su dirigenti (e/o dipendenti) di quei pubblici uffici, che (secondo le inchieste) non avevano svolto con onesta la propria mansione, ma anzi, avevano contribuito ad alimentare quel mondo corruttivo che ha permesso loro, d'intascarsi uno stipendio alternativo a quello già elargito (per non aver fatto nulla...) dallo Stato!!!
Certamente l'errore va visto a "monte" e cioè, va ricercato nell'attuazione di tutte quelle norme istituzionali...
Una montagna di carte burocratiche, che avrebbero dovuto essere semplificate proprio per velocizzarne le procedure, ma che di fatto, ne hanno esclusivamente incentivato la corruzione...   
Comunque... finalmente a Catania... lo Stato ha deciso di farsi sentire, mettendo in campo tutto il necessario vigore  operativo!!!
Il “Gruppo Interforze” istituito presso l’Ufficio Territoriale del Governo di Catania, composto dai rappresentanti della DIA, della Polizia di Stato, dell'Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, del Provveditorato OOPP, della Direzione Territoriale del Lavoro, (integrato anche con personale del Dipartimento Ambiente del Libero Consorzio dei comuni di Catania e del Distretto minerario di Catania) ha dato il via a nuovi controlli di prevenzione, finalizzati quest'ultimi a impedire il proliferarsi d'infiltrazioni mafiose all'interno di quelle società, che operano nel comparto dell'edilizia. 
Si tratta d'imprese specializzate nei cicli d'estrazione e lavorazione degli inerti, dei conglomerati bituminosi e cementizi, nella produzione e vendita di sostanze chimiche pericolose, nella gestione dei rifiuti, dei noleggi e quant'altro...
I controlli effettuati in questi giorni e quelli attualmente in corso di svolgimento, sono stati realizzati in modo tale, da non ostacolare la normale attività lavorativa...
Sono stati controllati gli assetti societari, i bilanci, i contratti attualmente in essere, la regolarità contrattuale dei dipendenti (con l'identificazione delle maestranze) e gli adempimenti sulla sicurezza, la corrispondenza dei mezzi d’opera individuati sui luoghi di lavoro, ecc...
In alcune di queste sopraddette verifiche è stata disposta l’immediata sospensione delle attività estrattive, avendo rilevato gli ispettori (proprio negli impianti di frantumazione all'interno dell’area di cava) delle violazioni su quanto previsto dal D.Lg.vo 81/08 e s.m.i. e inoltre, a seguito di ulteriori controlli sulle emissioni in atmosfera (A.U.A.) su ulteriori impianti presenti nei luoghi, si è proceduto al sequestro preventivo in quanto sprovvisti delle necessarie autorizzazioni (in violazione su quanto riportato dalla normativa ambientale all’Art.269 comma 1 del D.Lgs 152/2006).
"Eppur si muove", già finalmente a Catania le lancette della legalità... sembra abbiano ripreso nuovamente a muoversi...
Diceva Sciascia: un orologio che va male non segna mai l'ora esatta, un orologio fermo la segna due volte al giorno!!! 


Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo