Translate

martedì 31 luglio 2018

Cave, discariche e rifiuti: Un mix letale!!!

Prima di iniziare con l'argomento, desidero fare una precisazione riguardante la differenza che vi è, quando si opera  nel mercato privato ed in quello pubblico... 
E sì... a differenza di quanto si possa pensare, la concorrenza tra le varie società del settore rifiuti, non è basata su processi organizzativi o su fattori logistici,  bensì sul prezzo; difatti il mercato libero, viene in concreto destabilizzato da quelle particolari società legate al mondo della criminalità organizzata, che fanno di tutto per accaparrarsi significative quote di mercato...
Ecco il motivo per cui, quando il traffico riguarda rifiuti provenienti da privati, il prezzo dello smaltimento si riduce fino alla metà di quello di mercato, mentre, se l'attività ha come materia prima i rifiuti solidi urbani, il prezzo di smaltimento lievita in maniera esponenziale, tanto si sa... a pagare è lo Stato!!! 
Ecco, è bastata una semplice declassificazione dei rifiuti, per fare in modo di evitare lo smaltimento in discarica e creare di conseguenza, un vero e proprio danno all'erario!!!
Potremmo definirli “rifiuti scomparsi”, sono quelli di cui non se ne conosce il destino, non solo attraverso l'uso di modalità illegali, ma il più delle volte, per mezzo di procedure che potremmo descrivere essere "legali"... 
Una di queste ad esempio utilizza il cambio d'identità, ovvero il rifiuto muta le proprie caratteristiche, ma solo sulla carta... attraverso un meccanismo chiamato giro bolla; ecco quindi che un rifiuto pericoloso... diventa speciale, oppure grazie anche alla complicità di un laboratorio di analisi, se ne falsificano le caratteristiche fisico-tecniche... diventando così un prodotto di recupero!!!
Il tutto grazie a centri di stoccaggio, compostaggio o trattamento, autorizzati da procedure semplificate; l’importante è riuscire a far perdere le tracce del rifiuto prodotto e conferito a chi si è impegnato, formalmente, a smaltirlo nella legalità...
Quindi, la strada seguita per trasportare, intermediare e smaltire illecitamente i rifiuti è quella tipica della declassificazione dei rifiuti e la tecnica del “giro bolla”, da un centro di stoccaggio e trattamento ad un'altro, è quella che risulta più utilizzata... 
Entrano in gioco, così, documentazioni di accompagnamento dei rifiuti che vengono falsificate e/o sostituite durante il trasporto. 
Il “giro bolla” (o anche triangolazione), consiste nel far transitare i rifiuti solo in maniera cartacea, da uno stoccaggio ad un'altro, oppure attraverso impianti di recupero e/o di compostaggio con il fine di declassare la tipologia del rifiuto trattato e aggirare le normative previste. 
Ecco quindi che, attraverso una rete articolata di faccendieri, analisti, chimici, impiegati e trasportatori, il rifiuto entra con la bolla del produttore e con un determinato codice in un centro di stoccaggio; successivamente con una nuova bolla dello stesso centro, il medesimo rifiuto, senza subire alcun trattamento ed in alcuni casi subendo solo la miscelazione con altri rifiuti, è inviato per lo smaltimento/recupero finale, ovviamente dopo aver cambiato “identità”.
Semplice vero... è dire che questa procedura è ben conosciuta da tutti, ma stranamente nessuno ne parla... 
Un'altra tecniche di smaltimento (illecito) è quella di utilizzare cave dismesse o create appositamente in modo abusivo; si realizzano cioè buche di dimensioni rilevanti, dove vengono seppelliti i rifiuti, il tutto accuratamente ricoperto da uno strato di terreno vegetale, affinché si possa mascherare l'intervento compiuto e sul quale successivamente sarà possibile piantare anche alberi da frutto (e chissà se per quest'ultimo intervento, non si riescano ad ottenere anche i fondi comunitari...), così oltre alla truffa... anche la beffa!!!
Ed infine ecco alcuni modi, per far sparire o per meglio dire, per trasformare una parte di quei rifiuti:   - lo smaltimento di rifiuti speciali derivanti da impianti di tritovagliatura dei rifiuti urbani, finiscono in ripristini ambientali;
- lo spandimento sul terreno di pseudo-fertilizzanti... provenienti da attività di compostaggio di fanghi non sottoposti ad alcun trattamento o comunque non idonei per le elevate concentrazioni di metalli pesanti;
- l’immissione in cicli produttivi, quali cementifici e/o fornaci per la produzione di laterizi, di fanghi industriali, polveri di abbattimento fumi, ceneri e scorie derivanti dalla lavorazione di metalli;
- l’impiego di rifiuti pericolosi in ripristini ambientali, in rilevati stradali o in riempimenti di cave trasformate in vere e proprie discariche.
Da quanto sopra possiamo evidenziare due fattori: da un lato la capacita organizzativa di un sistema illegale e dall'altro, l'inadeguatezza di un sistema di controllo!!! 
La corruzione diffusa in questo settore e l’atteggiamento compiacente proprio di chi dovrebbe verificare quelle attività, ha permesso difatti la diffusione di tutte quelle sopra esposte pratiche illegali, assicurando non solo l’impunità a quegli imprenditori (il più delle volte semplici "prestanome" di quelle associazioni criminali), ma creando una sistematica violazione delle norme, che ha condotto all'assoluto spregio dell’ambiente e della salute dei cittadini!!!
Grazie all'utilizzo di semplici sistemi certamente efficaci e attraverso l'ausilio di funzionari e/o dirigenti corrotti, sono stati possibili realizzare ingenti profitti, che hanno più di tutto alimentato il business di quella criminalità organizzata!!!
Come sempre, in particolare nella nostra regione, siamo in presenza di un mix letale di anarchia, degrado ed illegalità, di fronte al quale purtroppo, prevalgono spesso da parte di alcuni uomini delle istituzioni e soprattutto dei cittadini, cinismo e indifferenza!!!

lunedì 30 luglio 2018

Quando questi giovani saranno adulti avranno più forza di reagire di quanto io e la mia generazione ne abbiamo avuta!!!

"Gentilissima" Professoressa,
uso le virgolette perché le ha usato lei nello scrivermi, non so se per sottolineare qualcosa e "pentito" mi dichiaro dispiaciutissimo per il disappunto che ho causato agli studenti del suo liceo per la mia mancata presenza all'incontro di Venerdì 24 gennaio.
Intanto vorrei assicurarla che non mi sono affatto trincerato dietro un compiacente centralino telefonico (suppongo quello della Procura di Marsala) non foss'altro perché a quell'epoca ero stato già applicato per quasi tutta la settimana alla Procura della Repubblica presso il Trib. di Palermo, ove poi da pochi giorni mi sono definitivamente insediato come Procuratore Aggiunto.
Se le sue telefonate sono state dirette a Marsala non mi meraviglio che non mi abbia mai trovato. Comunque il mio numero di telefono presso la Procura di Palermo è 091/***963, utenza alla quale rispondo direttamente. 
Se ben ricordo, inoltre, in quei giorni mi sono recato per ben due volte a Roma nella stessa settimana e, nell'intervallo, mi sono trattenuto ad Agrigento per le indagini conseguenti alla faida mafiosa di Palma di Montechiaro.
Ricordo sicuramente che nel gennaio scorso il dr. Vento del Pungolo di Trapani mi parlò della vostra iniziativa per assicurarsi la mia disponibilità, che diedi in linea di massima, pur rappresentandogli le tragiche condizioni di lavoro che mi affligevano. 
Mi preanunciò che sarei stato contattato da un Preside del quale mi fece anche il nome, che non ricordo, e da allora non ho più sentito nessuno.
Il 24 gennaio poi, essendo ritornato ad Agrigento, colà qualcuno mi disse di aver sentito alla radio che quel giorno ero a Padova e mi domandò quale mezzo avessi usato per rientrare in Sicilia tanto repentinamente. 
Capii che era stato "comunque" preannunciata la mia presenza al Vostro convegno, ma mi creda non ebbi proprio il tempo di dolermene perché i miei impegni sono tanti e così incalzanti che raramente ci si può occupare di altro.
Spero che la prossima volta Lei sarà così gentile da contattarmi personalmente e non affidarsi ad intermediari di sorta o a telefoni sbagliati..
Oggi non è certo il giorno più adatto per risponderle perché frattanto la mia città si è di nuovo barbaramente insanguinata ed io non ho tempo da dedicare neanche ai miei figli, che vedo raramente perché dormono quando esco da casa ed al mio rientro, quasi sempre in ore notturne, li trovo
nuovamente addormentati.
Ma è la prima domenica, dopo almeno tre mesi, che mi sono imposto di non lavorare e non ho difficoltà a rispondere, però in modo telegrafico, alle Sue domande.
1) Sono diventato giudice perché nutrivo grandissima passione per il diritto civile ed entrai in magistratura con l'idea di diventare un civilista, dedito alle ricerche giuridiche e sollevato dalle necessità di inseguire i compensi dei clienti. 
La magistratura mi appariva la carriera per me più percorribili per dar sfogo al mio desiderio di ricerca giuridica, non appagabile con la carriera universitaria per la quale occorrevano tempo e santi in paradiso.
Fui fortunato e divenni magistrato nove mesi dopo la laurea (1964) e fino al 1980 mi occupai soprattutto di cause civili, cui dedicavo il meglio di me stesso. 
E' vero che nel 1975 per rientrare a Palermo, ove ha sempre vissuto la mia famiglia, ero approdato all'Ufficio Istruzione Processi Penali, ma otteni l'applicazione, anche se saltuaria, ad una sezione civile e continuai a dedicarmi soprattutto alle problematiche dei diritti reali, delle dispute legali, delle divisioni erediatarie etc.
Il 4 maggio 1980 uccisero il Capitano Emanuele Basile ed il Comm. Chinnici volle che mi occupassi io dell'istruzione del relativo procedimento. 
Nel mio stesso ufficio frattanto era approdato, provenendo anche egli dal civile, il mio amico di infanzia Giovani Falcone e sin dall'ora capii che il mio lavoro doveva essere un altro.
Avevo scelto di rimanere in Sicilia ed a questa scelta dovevo dare un senso. 
I nostri problemi erano quelli dei quali avevo preso ad occuparmi quasi casualmente, ma se amavo questa terra di essi dovevo esclusivamente occuparmi.
Non ho più lasciato questo lavoro e da quel giorno mi occupo pressocchè esclusivamente di criminalità mafiosa. 
E sono ottimista perché vedo che verso di essa i giovani, siciliani e no, hanno oggi una attenzione ben diversa da quella colpevole indifferenza che io mantenni sino ai quarantanni. 
Quando questi giovani saranno adulti avranno più forza di reagire di quanto io e la mia generazione ne abbiamo avuta.
2) La DIA è un organismo investigativo formato da elementi dei Carabinieri, della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza e la sua istituzione si propone di realizzare il coordinamento fra queste tre strutture investigative, che fino ad ora, con lodevoli ma scarse eccezioni, hanno agito senza assicurare
un reciproco scambio di informazioni ed una auspicabile, razionale divisione dei compiti loro istituzionalmente affidati in modo promiscuo e non codificato.
La DNA invece è una nuova struttura giuridica che tende ad assicurare soprattutto una circolazione delle informazioni fra i vari organi del Pubblico Ministero distribuiti tra le numerose circoscrizioni territoriali.
Sino ad ora questi organi hanno agito in assoluta indipendenza ed autonomia l'uno dall'altro (indipendenza ed autonomia che rimangono nonostante la nuova figura del Superprocuratore) ma anche in condizioni di piena separazione, ignorando nella maggior parte dei casi il lavoro e le risultanze investigative e processuali degli altri organi anche confinanti, e senza che vi fosse una struttura sovrapposta delegata ad assicurare il necessario coordinamento e ad intervenire tempestivamente con propri mezzi e proprio personale giudiziario nel caso in cui se ne ravvisi la necessità.
3) La mafia (Cosa Nostra) è una organizzazione criminale, unitaria e verticisticamente strutturata, che si contraddistingue da ogni altra per la sua caratteristica di "territorialità". 
Essa e suddivisa in "famiglie", collegate tra loro per la comune dipendenza da una direzione comune (Cupola), che tendono ad esercitare sul territorio la stessa sovranità che su esso esercita, deve esercitare, legittimamente, lo Stato.
Ciò comporta che Cosa Nostra tende ad appropriarsi delle ricchezze che si producono o affluiscono sul territorio principalmente con l'imposizione di tangenti (paragonabili alle esazioni fiscali dello Stato) e con l'accaparramento degli appalti pubblici, fornendo nel contempo una serie di servizi apparenti rassembrabili a quelli di giustizia, ordine pubblico, lavoro etc, che dovrebbero essere forniti esclusivamente dallo Stato. 
E' naturalmente una fornitura apparente perché a somma algebrica zero, nel senso che ogni esigenza di giustizia è soddisfatta dalla mafia mediante una corrispondente ingiustizia. Nel senso che la tutela dalle altre forme di criminalità (storicamente soprattutto dal terrorismo) è fornita attraverso l'imposizione di altra e più grave forma di criminalità. 
Nel senso che il lavoro è assicurato a taluni (pochi) togliendolo ad altri (molti).
La produzione ed il commercio della droga, che pur hanno fornito Cosa Nostra di mezzi economici prima impensabili, sono accidenti di questo sistema criminale e non necessari alla sua perpetuazione.
Il conflitto inevitabile con lo Stato, con cui Cosa Nostra è in sostanziale concorrenza (hanno lo stesso territorio e si attribuiscono le stesse funzioni) è risolto condizionando lo Stato dall'interno, cioè con le infiltrazioni negli organi pubblici che tendono a condizionare la volontà di questi perché venga
indirizzata verso il soddisfacimento degli interessi mafiosi e non di quelli di tutta la comunità sociale.
 Alle altre organizzazioni criminali di tipo mafioso (camorra, "ndrangheta", Sacra Corona Unita etc.) difetta la caratteristica della unitarietà ed esclusività.
Sono organizzazioni criminali che agiscono con le stesse caratteristiche di sopraffazione e violenza di Cosa Nostra. ma non hanno l'organizzazione verticistica ed unitaria. 
Usufruiscono inoltre in forma minore del "consenso" di cui Cosa Nostra si avvale per accreditarsi come istituzione alternativa allo Stato, che tuttavia con gli organi di questo tende a confondersi.

domenica 29 luglio 2018

Non ho tempo da perdere, devo lavorare, devo lavorare… E’ una corsa contro il tempo, per arrivare alla verità prima di essere fermato".

Sono tra le ultime parole pronunciate da Paolo Borsellino il 13 luglio 1992…
Sei giorni dopo, venne barbaramente ucciso insieme alla sua scorta in via D'Amelio!!!
Il giudice sapeva, già sapeva perfettamente che ormai era soltanto una questione di giorni. 
D'altronde la segnalazione era arrivata e soprattutto era precisa: qualcuno aveva deciso di chiudere subito questo "conto" in sospeso...
Certo, una parte di quei servizi deviati, ha fatto pervenire una notizia confidenziale ai Ros, che  evidenziava i nuovi probabili obiettivi della mafia, tra cui proprio Paolo Borsellino...
Quanto vero ci fosse su quel rapporto o sulla volontà della mafia di uccidere il magistrato è ancora tutto da dimostrare, peraltro stiamo conoscendo in questi giorni, tutta una serie di depistaggi compiuti affinché non si potesse mai giungere alla verità su quella strage...
Sì... hanno provato ( quantomeno questo è quanto ci hanno raccontato...) a ricostruire quegli ultimi giorni, ma soprattutto si è cercato di comprendere a quali indagini il giudice Borsellino era interessato, in particolare dopo alcune dichiarazioni confidenziali rivelate ad egli da alcuni pentiti, in particolare quelle di Gaspare Mutolo e Nino Giuffrè, che proprio in quei giorni, avevano cominciato a rivelare le collusioni tra criminalità organizzata, magistratura, forze dell'ordine e servizi segreti!!!
Difatti, sembra che dopo aver ricevuto quelle dichiarazioni, egli abbia compreso come la sua vita era ormai appesa ad un filo... tanto che, proprio il giorno prima della strage, il procuratore si recò a pregare nella chiesetta di Santa Luisa de Marillac (dove tra l'altro, verranno celebrati i suoi funerali)...
Paolo Borsellino si alzava quasi sempre alle cinque... diceva che lo faceva "per fregare il mondo con due ore di anticipo" ed anche la mattina in cui verrà ucciso insieme alla sua scorta fece lo stesso... 
Quella mattina decise di scrivere una lettera alla preside di un liceo di Padova, presso il quale avrebbe dovuto recarsi per un incontro al quale non si era poi recato per una serie di disguidi e per i suoi impegni che non gli davano tregua...
La lettera rimase incompiuta... dava risposte ad alcune domande dei ragazzi del liceo e ci permette di comprendere in maniera chiara, (come solo lui era in grado di fare), ciò che rappresenta la mafia nella società civile; un preciso insegnamento che tutti dovrebbero, sin dalle scuole elementari conoscere... 
Quando lo "stato deviato" decise di uccidere il giudice Borsellino, lo fece per raggiungere i suoi scopi, tra cui quello di piegare l'organizzazione mafiosa ai suoi ordini, ma soprattutto di porre fine a quelle indagini compromettenti, che colpivano un intero Paese, dai partiti alle istituzioni, dai politici collusi agli imprenditori legati a cosa nostra...
E' passato più di un quarto di secolo e credo che ormai abbiamo la certezza che la fine di questo magistrato, non la si conosce affatto!!!
Già, perché ancora oggi non sappiamo chi l’ha ucciso e perché lo voleva morto, ma soprattutto chi l’ha tradito e l'ha lasciato solo!!!
Paolo Borsellino non si è sacrificato... ma è stato sacrificato, proprio da coloro che percepivano come un pericolo l’opera del Magistrato...
Individui infami (riportati sicuramente in quell'agenda rossa...), che hanno beneficiato della sua morte, e che finalmente attraverso quella sua dipartita, hanno potuto proseguire indisturbati verso quelle loro finalità, nel quadro di una convergenza di interessi tra "Centri di potere", "Apparati dello Stato" e "Cosa nostra"!!!
Una circostanza quest'ultima percepita dallo stesso giudice che rivolgendosi il giorno prima della strage alla moglie Agnese, raccontò che: "Non sarebbe stata la mafia ad ucciderlo… ma sarebbero stati i suoi colleghi ed altri a permettere che ciò potesse accadere"!!!

sabato 28 luglio 2018

Matteo Messina Denaro??? Qui comandiamo noi!!!

Ho ascoltato alcuni giorni fa l'inchiesta della Dda della Procura di Catania, denominata "Araba fenice", dove secondo le indagini, un clan aretuseo imponeva agli agricoltori di Pachino di conferire solo ad essi i prodotti delle loro serre...
Così grazie a quel potere intimidatorio, veniva controllato il mercato ortofrutticolo della zona ed i commercianti e i grandi centri di distribuzione, erano di fatto obbligati a comprare da quest'unica società.
Sono questi i motivi che hanno spinto la squadra mobile di Siracusa ad eseguire un'ordinanza di custodia cautelare del Gip di Catania nei confronti di 19 persone indagate e disposto il sequestro della società...
Ciò che mi ha sorpreso comunque, non è il collaudato meccanismo con cui veniva richiesto il pagamento della provvigione (calcolata quest'ultima in percentuale in base al raccolto prodotto e ceduto agli operatori della piccola e grande distribuzione, che costituiva il corrispettivo per la presunta attività di mediazione contrattuale svolta tra produttori e commercianti), ma ciò che è stato intercettato dalle forze dell'ordine...  
"Qui comandiamo noi, mandatelo a dire a Messina Denaro"!!!
Minch... una frase del genere un tempo non veniva, non solo pronunciata... ma neppure pensata, soprattutto se la persona in questione a cui si faceva riferimento era per l'appunto un boss...
Ma qui si è andato oltre... in quella frase è stato sbeffeggiato il "capo dei capi di cosa nostra", quel Matteo Messina Denaro, ricercato da oltre un ventennio da tutte le forze di polizia, nazionali ed internazionali, erede di Totò Riina e di Bernardo Provenzano... ultimi due padrini dalla mafia!!!
Ed ora incredibilmente qualcuno... ha deciso di... (come si direbbe in quell'ambiente) mancare di rispetto al padrino!!!
Quando ho letto la frase riportata nell'intercettazione, il mio primo pensiero è stato: "Non vorrei essere al posto di quel soggetto", in particolare visto l'ambiente nel quale probabilmente verrà condotto, che difficilmente potrà garantire ad egli l'incolumità...
Certo, la speranza a cui aggrapparsi è che il padrino possa perdonare quelle frasi ingiuriose o che nel contempo egli, sia venuto a mancare o anche, che si sia ritirato e che quindi, non eserciti più quel suo potere, ma lo abbia (a differenza di quanto più volte sostenuto dai pentiti...) demandato a qualcun altro di sua fiducia... 
Ma se proprio devo dirlo, da "studioso per passione" della storia della mafia: Il sottoscritto, non dormirebbe sonni tranquilli!!! 
D'altronde basta rileggersi quanto avvenuto negli anni, per sapere che nulla in quella associazione criminale è lasciato al caso e che proprio la memoria rappresenta il suo punto di forza... certamente lenta nell'agire, ma la cui vendetta si è sempre dimostra essere puntuale... 
Peraltro, lasciare passare il messaggio in quell'ambiente che chiunque possa - anche solo con una frase - delegittimare il capo di quella associazione mafiosa, è come mettere in discussione le basi stesse su cui poggia quella piramide e il potere che essa rappresenta!!!
"Cosa nostra"... sin dalla sua nascita, ha basato tutta la propria sopravvivenza su un principio chiamato rispetto ed obbedienza, e quindi, difficilmente permetterà a chiunque di quei propri affiliati, anche se questo dovesse essere un proprio capo mandamento, di mettere in discussione le gerarchie e ancor più quelle regole d'onore!!!
Si sa, ne va della propria continuità...

   


venerdì 27 luglio 2018

Quei Procuratori della Repubblica... a servizio dello Stato!!!


Già... 24 ore al giorno per 365 giorni all'anno, senza mai un giorno di pausa!!!
Ecco come vivono i magistrati della Procura della Repubblica...
Uomini e donne che devono dare la propria reperibilità di giorno e di notte, per ogni urgenza o necessità che si possa verificare...
D'altronde nella nostra isola non si può stare certamente con le "mani in mano", perché ogni giorno: "C'è ne una...". 
Il nostro paese, ma ancor più la nostra regione, dimostra d'esser particolarmente predisposta verso collusioni o comportamenti corruttivi... 
Difatti, non passa giorno che non vengano portati alla luce circostanze criminali legati a quella nota associazione mafiosa o anche a tutta una serie d'azioni condotte da quei dirigenti/funzionari posti all'interno di quegli enti pubblici, causa ormai di un malcostume tanto presente ad ogni livello... 
Sì... un malaffare generalizzato che costringe questi uomini dello Stato ad intervenire, per assicurare nel paese, non solo la giustizia, ma fare in modo che le leggi vengano osservate e rispettate da tutti...
Comprenderete come quel loro compito è fondamentale, in quanto porta a verificare gli eventuali reati, conducendo la persona accusata dinnanzi al Giudice per l'eventuale processo, nel quale la procura sosterrà il ruolo della “pubblica accusa”, in contrapposizione alla “difesa” dell’imputato (quanto sopra ovviamente, quando, attraverso le indagini condotte personalmente o servendosi della Polizia giudiziaria, si riesce ad acquisire prove sufficienti)...
Viceversa se le prove a carico della persona accusata non sono sufficienti o le prove acquisite dimostrano che l’accusato è innocente, ecco che allora la Procura chiede al Giudice di non procedere...
Un altro compito molto importante è quello di verificare le denunce penali presentate da alcuni "coraggiosi" e onesti cittadini... 
Individui che a differenza della maggior parte dei propri conterranei, evidenziano comportamenti inconsueti per questa regione, in quanto dimostrano di non essere omertosi, risultando di ausilio per portare alla luce, tutta una serie di reati che altrimenti resterebbero celati...
Certo, non sempre accade quanto ci si aspetta...
Purtroppo è stato dimostrato come a volte anche all'interno di quegli uffici, siano state presenti delle mele marce...
Ricordo ad esempio il caso di Giuseppe Vajola, diventato procuratore di Agrigento negli anni '90, grazie proprio all'appoggio dei politici vicini a Cosa nostra!!!
Per lunghi anni questo procuratore, avrebbe garantito l'impunità dei suoi "amici degli amici", aggiustando processi e insabbiando inchieste, rimosso nel '92 dal Csm e trasferito (non ho mai compreso questi trasferimenti... mi sembrano per analogia i trasferimenti che subiscono quei preti ritenuti pedofili, che passano da una parrocchia ad un'altra... come se l'atto criminale compiuto nella prima, non possa essere ripetuta nel nuovo avamposto...) a Caltanissetta perché ritenuto "non idoneo" a dirigere quell'ufficio, che avrebbe dovuto lottare contro la mafia che aveva ucciso poco tempo prima il giudice Rosario Livatino e poi il maresciallo dei carabinieri Giuliano Guazzelli. 
Difatti, fu proprio il figlio del maresciallo Guazzelli, Riccardo, ad aver detto ai magistrati di avere appreso dal padre che il Vajola "insabbiava e aggiustava" le inchieste ed i processi relativi ad alcuni politici agrigentini, che avevano per l'appunto "appoggiato la sua nomina a procuratore della Repubblica di Agrigento"!!!
Certo non è stato l'unico caso, purtroppo in questi anni altri procuratori hanno seguito quel cattivo esempio... ma per fortuna questi casi sono rimasti del tutto isolati, anche se quelle loro azioni non hanno certamente contribuito a portare lustro a questa particolare categoria...
Sono comunque fiducioso, perché in questi ultimi anni s'intravvede una risoluta pulizia, non solo all'interno di quegli uffici, ma anche in molte stanze di quei nostri Tribunali...

giovedì 26 luglio 2018

Nomi e cognomi dei "MASSONI" (italiani e stranieri), che detengono il potere!!!

Ecco i nomi e cognomi di chi detiene il potere nel nostro paese e non solo...
Rappresenta un elenco sintetico di eminenti personalità affiliate a quelle cosiddette logge massoniche, ed è stato fornito da Marco Moiso sul blog del Movimento Roosevelt e desunto dal libro di Gioele Magaldi “Massoni"...
Certo ora leggendo quei nomi, si comprendono meglio i motivi che hanno spinto la nostra politica e quella internazionale, ad adottare tutta una serie di provvedimenti, affinché si orientasse le riforme e la finanza, verso quelle iniziative che hanno di fatto garantito esclusivamente le banche, le holding e questi suoi uomini, a scapito ovviamente dell'indipendenza degli Stati e della democrazia:
Ed allora leggiamoli questi nomi e cognomi: 

  • Mario Draghi (classe 1947, presidente della Banca centrale europea dal 2011, affiliato alla “Edmund Burke”, alla “Pan-Europa”, alla “Compass Star-Rose/Rosa-Stella Ventorum”, alla “Three Eyes” e alla “Der Ring”).
  • Giorgio Napolitano (classe 1925, già presidente della Repubblica italiana, affiliato alla “Three Eyes”).
  • Massimo D’Alema, affiliato alla “Pan-Europa” e alla “Compass Star-Rose/Rosa-Stella Ventorum”. Mario Monti (classe 1943, economista, senatore a vita e presidente del Consiglio italiano dal 2011 al 2013, affiliato in forma più o meno coperta alla United Grand Lodge of England e alla Ur-Lodge “Babel Tower”).
  • Fabrizio Saccomanni (classe 1942, banchiere, economista, già direttore generale della Banca d’Italia dal 2006 al 2013, dal 2013 al 2014 è stato ministro dell’economia del governo Letta, affiliato alla “Compass Star-Rose/Rosa-Stella Ventorum” e alla “Edmund Burke”).
  • Pier Carlo Padoan (classe 1950, economista, dal 24 febbraio 2014 ministro dell’economia nel governo Renzi e nel governo Gentiloni, affiliato alla “Pan-Europa” e alla “Compass Star-Rose/Rosa-Stella Ventorum”).
  • Gianfelice Rocca (classe 1948, tra i più importanti imprenditori italiani, presidente di Techint e di Assolombarda, affiliato alla “Three Eyes”).
  • Domenico Siniscalco (classe 1954, economista, banchiere, già ministro dell’economia dal 2004 al 2005, affiliato Padoan, Draghi e Viscoalla “Edmund Burke”).
  • Giuseppe Recchi (classe 1964, top manager, affiliato alla “Three Eyes”).
  • Marta Dassù (classe 1955, saggista, già sottosegretaria e viceministra degli affari esteri, attualmente nel cda di Finmeccanica, affiliata alla “Three Eyes”).
  • Corrado Passera (classe 1954, banchiere, manager, politico, già ministro dello sviluppo economico dal 2011 al 2013 nel governo Monti, affiliato alla “Atlantis-Aletheia”).
  • Ignazio Visco (classe 1949, economista, governatore della Banca d’Italia dal 2011, affiliato alla “Edmund Burke”).
  • Enrico Tommaso Cucchiani (classe 1950, banchiere e top manager, affiliato alla “Three Eyes”).
  • Alfredo Ambrosetti (classe 1931, economista, fondatore e presidente emerito di The European House-Ambrosetti, affiliano alla “Pan-Europa”).
  • Carlo Secchi (classe 1944, economista e politico, affiliato alla “Three Eyes”, alla “Pan-Europa” e alla “Babel Tower”).
  • Emma Marcegaglia (classe 1965, imprenditrice e top manager, affiliata alla “Pan-Europa”). Matteo Arpe (classe 1964, banchiere e top manager, affiliato alla “Edmund Burke”).
  • Vittorio Grilli (classe 1957, economista, direttore generale del ministero del Tesoro dal 2005 al 2011 e ministro dell’economia con il governo Monti, affiliato alla “Compass Star-Rose/Rosa-Stella Ventorum”).
  • Giampaolo Di Paola (classe 1944, ammiraglio, ministro della difesa dal 2011 al 2013 con il governo Monti, affiliato alla Al-Baghdadi“Compass Star-Rose/Rosa-Stella Ventorum”).
  • Federica Guidi (classe 1969, imprenditrice, già ministro dello sviluppo economico del governo Renzi, affiliata alla “Three Eyes”).
Ora passiamo anche ad un elenco di massoni internazionali.
  • Angela Merkel (classe 1954, politica, cancelliera tedesca dal 2005, affiliata alla “Golden Eurasia”, alla “Valhalla” e alla “Parsifal”).
  • Vladimir Putin (classe 1952, attuale presidente della Federazione Russa, affiliato alla “Golden Eurasia”).
  • Christine Lagarde (classe 1956, avvocatessa e politica francese, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, affiliata alla “Three Eyes” e alla “Pan-Europa”).
  • George W. Bush (classe 1949, presidente degli Stati Uniti dal 2001 al 2009, affiliato alla “Hathor Pentalpha”).
  • Michael Ledeen (classe 1941, giornalista, intellettuale e politologo statunitense, affiliato alla “White Eagle” alla “Hathor Pentalpha”).
  • Condoleezza Rice (classe 1954, politica, affiliata alla “Three Eyes” e alla “Hathor Pentalpha”, già esponente di punta dell’amministrazione Bush).
  • Abu Bakr Al-Baghdadi (classe 1971, terrorista iracheno, leader dell’Isis e Califfo dell’autoproclamato Stato islamico, affiliato alla “Hathor Pentalpha”).
  • José Manuel Durão Barroso (classe 1956, portoghese, docente universitario, politico, presidente della Commissione Europea dal 2004 al 2014, affiliato alla “Pan-Europa” e alla “Parsifal”).
  • Olli Rehn (classe 1962, politico finlandese, già vicepresidente della Commissione Europea, affiliato alla “Pan-Europa” e alla “Babel Tower”).
  • Tony Blair (classe 1953, premier britannico dal 1997 al 2007, affiliato alla “Edmund Burke” e poi alla “Hathor Pentalpha”).
  • David Cameron (classe 1966, premier britannico dal 2010, affiliato alla “Edmund Burke” e alla “Geburah”).
  • Pedro Passos Coelho (classe 1964, primo ministro del Portogallo dal 2011, affiliato alla “Three Eyes”, alla “Edmund Burke” e alla “White Eagle”).
  • Mariano Rajoy (classe 1955, primo ministro della Spagna dal 2011, affiliato alla “Pan-Europa”, alla “Valhalla” e alla “Parsifal”).
  • Antonis Samaras (classe 1951, politico, già primo Mariano Rajoyministro della Grecia, affiliato alla “Three Eyes”).
  • Jean-Claude Trichet (classe 1942, economista e banchiere francese, presidente della Bce dal 2003 al 2011, affiliato alla “Pan-Europa”, alla “Babel Tower” e alla “Der Ring”.
  • Bernard Arnault (classe 1949, imprenditore francese, dominus della Louis Vuitton Moët Hennessy, affiliato alla “Three Eyes” e alla “Edmund Burke”).
  • Nicolas Sarkozy (classe 1955, politico, presidente della Repubblica francese dal 2007 al 2012, affiliato alla “Edmund Burke”, alla “Geburah”, alla “Atlantis-Aletheia”, alla “Pan-Europa” e alla “Hathor Pentelpha”).
  • Manuel Valls (classe 1962, già primo ministro francese, iniziato a suo tempo nel Grand Orient de France e poi affiliato alla “Edmund Burke”, alla “Compass Star-Rose/Rosa-Stella Ventorum” e alla “Der Ring”).
  • Christian Noyer (classe 1950, banchiere, attuale governatore della Banca di Francia, affiliato alla “Pan-Europa”, e alla “Compass Star-Rose/Rosa-Stella Ventorum”).
  • Mark Rutte (classe 1967, primo ministro dei Paesi Bassi dal 2010, affiliato alla “Three Eyes” e alla “Pan-Europa”).
  • Ben van Beurden (classe 1958, top manager olandese, ceo della Royal Dutch Shell, affiliato alla “Geburah” e alla “Der Ring”).
  • Wolfgang Schäuble (classe 1942, Massoni, il libropolitico, attuale ministro delle finanze tedesco, attuale maestro venerabile della “Der Ring”, affiliato alla “Joseph de Maistre”).
  • Peter Voser (classe 1958, top manager olandese e ceo della Royal Dutch Shell, affiliato alla “Pan-Europa”).
  • Bill Gates (classe 1955, imprenditore statunitense fondatore della Microsoft, affiliato alla “Compass Star-Rose/Rosa-Stella Ventorum”). Fonte – tratto da Stopeuro

mercoledì 25 luglio 2018

Confessione di un commissario di polizia al procuratore della repubblica...

Ieri sera... mentre cercavo un film da vedere in streaming, ne ho trovato uno degli anni '70, del regista Damiano Damiani, con un titolo interessante...
La circostanza assurda è che il film a quarant'anni di distanza, riproduce in un qualche modo, quanto ancora oggi accade nella nostra amata terra, dove troviamo ogni giorno commissari di polizia e sostituti procuratori della Repubblica, impegnati nella lotta contro la mafia e la criminalità organizzata... 
Ed anche in questa storia c'è da un lato un Commissario (Bonavia)  esasperato da anni di insuccessi e ormai convinto di non poter sgominare la delinquenza in Sicilia, dall'altro, vi è un giovane procuratore pieno di ideali (Traini)- convinto che la legge debba essere inflessibile e non debba mai adattarsi alle circostanze.... 
Ma purtroppo, anch'egli alla fine comprende che i mezzi legali di cui dispone per lottare contro quel crimine organizzato sono di per se limitati e soprattutto, quando sembra essere riuscito nell'intento di colpire quei criminali, c'è sempre qualcosa che stravolge completamente i suoi piani... 
Ed allora: 
Siamo a Palermo...
Il commissario Bonavia, induce sotto la minaccia di un ricatto, a dimettere dal manicomio della città il pregiudicato Michele Li Puma; il commissario è al corrente di un antico rancore di Li Puma nei confronti di Ferdinando Lomunno, un noto imprenditore, stimato nella comunità e legato ad amicizie politiche influenti, ma nasconde in realtà un'intensa attività di carattere mafioso, che però il commissario non è mai riuscito a dimostrare... 
Bonavia confida che, una volta uscito Li Puma cercherà di rivalersi nei confronti di Lomunno, che lo aveva fatto rinchiudere con la complicità della sorella Serena, al tempo amante dell'imprenditore...
Ed infatti il giorno dopo egli, travestito da poliziotto, fa irruzione nel suo studio sparando ed uccidendo tre sicari incaricati da Lomunno, nel frattempo avvertito di aspettarlo, trovando a sua volta però la morte.
Delle indagini viene incaricato, oltre al Commissario Bonavia, il Sostituto Procuratore della Repubblica Traini, il quale viene messo immediatamente al corrente dal commissario dei rapporti intercorrenti tra Li Puma e l'imprenditore e le amicizie che quest'ultimo ha in seno alla politica e alla pubblica amministrazione. 
Traini il giorno dopo riceve la visita dell'avvocato Canistraro che riferisce che Lomunno, resosi irreperibile, è disponibile a rispondere alle domande del Sostituto Procuratore, ma solo a condizione che questi si rechi da lui, paventando un suo pericolo di vita nel caso di una fuga di notizie, a causa dell'ostilità della polizia ed in particolare del commissario...
Traini naturalmente informa a sua volta il procuratore della Repubblica, il Dott. Malta, che lo autorizza ad incontrare Lomunno all'insaputa di Bonavia...
Durante il colloquio Lomunno lascia capire che non teme il commissario, ritenendosi viceversa preoccupato dei suoi "concorrenti"...
Ma una volta che il magistrato ha lasciato il luogo dell'incontro, viene raggiunto immediatamente dal proprio avvocato, da un parlamentare e da un consigliere comunale che gli chiedono spiegazioni sul suo comportamento, facendogli intuire che nel caso in cui le cose dovessero complicarsi o far emergere elementi che porterebbero alla luce le connivenze sul nuovo piano regolatore, questi lo avrebbero scaricato!!!
Lomunno, a queste minacce reagisce con forza, lasciando intendere che gli appoggi e soprattutto i voti che finora ha dispensato loro, può farli benissimo pervenire ad altri amici... 
Inoltre spiega loro, che l'inganno perpetrato nei confronti del magistrato, serve a fare in modo che Egli (il Procuratore Traini) orienti quelle sue indagini verso il Bonavia, rifiutando di confidare ai propri "amici", il nome di colui che lo aveva avvertito dell'arrivo del pregiudicato Li Puma...
I due inquirenti cominciano quindi a studiarsi, diffidando reciprocamente l'uno dell'altro, arrivando anche ad intercettarsi le telefonate, fino a quando Bonavia rivela al Magistrato che la sua avversione nei confronti di Lomunno deriva dalla morte di un suo amico, il sindacalista Giampaolo Rizzo: un onesto rappresentante sindacale che in passato si era schierato apertamente contro il costruttore, subendo dapprima un attentato ed in seguito, accresciuta la sua popolarità, ucciso e sepolto in una cava dai sicari di Lomunno che, allo scopo di eliminare l'unico testimone, avevano ucciso anche un bambino che aveva assistito al delitto e che Bonavia aveva cercato di proteggere.
Traini lo accusa, anche se non formalmente, del tentato omicidio di Lomunno, ma Bonavia entra in contatto con Serena che, avendo capito che Lomunno intende ucciderla al fine di eliminare l'ultimo testimone, si rende disponibile a testimoniare contro di lui...
Il Magistrato nel contempo viene informato dai medici del manicomio, spaventati dopo il rapimento del figlio di uno di loro, che è stato proprio Bonavia ad indurli a fare uscire Li Puma dall'istituto, sotto la minaccia di incriminarli per la loro mala gestione. 
A quel punto gli eventi sembrano precipitare e Bonavia, dopo essere stato messo sotto accusa, uccide Lomunno in un ristorante, lasciando al Magistrato la sua confessione, scagionando l'agente Gammino che, per proteggere il commissario, si era auto accusato delle intercettazioni telefoniche a Traini.
Quest'ultimo quindi inizia a ricostruire le attività criminose di Lomunno e di quei politici a lui collegati e si mette a sua volta alla ricerca di Serena, la quale era venuta a sapere dalla televisione dell'arresto di Bonavia, ed aveva provato a contattare telefonicamente il magistrato, ma grazie ad una spiata, viene trovata dai sicari e quindi uccisa e sepolta in un pilone di cemento!!!
Così facendo, si è impedito a Traini di proseguire con le indagini...
Bonavia nel contempo in carcere, viene informato della sparizione di Serena e chiede allora al Magistrato su chi fosse presente, nel momento in cui ha ricevuto la telefonata e questi gli rispose: "il Procuratore Malta"!!!
Traini ovviamente rifiuta qualsivoglia l'illazione del commissario nei confronti dell'alto magistrato o di una sua possibile implicazione, ma viene persuaso a proseguire le indagini, in ogni direzione, non trascurando nessuno...
Dopo alcuni giorni anche Bonavia viene ucciso in carcere, durante una proiezione cinematografica e Traini, convinto quindi della connivenza di Malta lo incontra in Tribunale e fissandolo...
Mi dispiace ma se volete conoscere la "fine" della storia, dovrete guardarla in Tv... vedrete non vi pentirete del suggerimento!!!

martedì 24 luglio 2018

Dissesto finanziario al Comune di Catania!!! Da Scapagnini a Bianco: Altro che politica... qui ci vorrebbe il Generale Dalla Chiesa!!!

Che vergogna... che schifo, sono stato una giornata a parlare con alcuni amici del nord Italia, che non si spiegano come sia stato possibile realizzare un buco finanziario da 1,6 miliardi!!!
E' dal 2000 che sento parlare di bilanci in rosso ed oggi dopo 18 anni siamo ancora qui a parlare di conti...
La Corte dei Conti d'altronde ha deliberato per il nostro Comune di Catania, il dissesto finanziario. 
La cosa altrettanto assurda è che l’atto (deciso dalla sezione controllo di Palermo) è stato compiuto lo scorso 4 maggio, ed è stato notificato all'ente il 24 luglio.
Secondo i giudici contabili non ci sarebbe la sostenibilità finanziaria per gestire il debito... anche se il Comune, a detta del primo cittadino della città, Salvo Pogliese, presenterà entro 20 giorni ricorso, sperando che esistano le condizioni necessarie: "Cercheremo di fare tutto, anche l'impossibile, per evitare il dissesto. 
Leggeremo con attenzione le 70 pagine del provvedimento e valuteremo cosa fare. Ma è opportuno essere prudenti"
Certo con politiche come quelle compiute, con sperpero del denaro pubblico, con mancate politiche di sviluppo, con nessun controllo sui conti pubblici ed una totale assenza di rigore nella gestione della finanza pubblica locale... cosa si pensava che incassando un euro, potevamo pagarne mille???
Peraltro, se i nostri ex sindaci hanno pensato esclusivamente ad abbellire la città con proposte futili... ultima la fontana realizzata presso la circonvallazione, si comprende quanto fosse prevedibile, attendersi prima o poi il risultato ora all'evidenza a tutti!!!
Sì... la prima cosa che verrebbe in mente... è il: Commissariamento!!! Se soltanto servisse a qualcosa... 
Ma da noi, abbiamo visto come questo tipo di provvedimento, non fa altro che creare ancor più confusione, anche perché quei cosiddetti preposti commissari, non possiedono alcuna capacità, ne professionale e ancor meno manageriale, ma rappresentano gli abituali raccomandati del caz... posti lì da quella stessa politica che ha fallito e che ricerca in quel soggetto, la persona giusta a cui attribuire tutte le proprie responsabilità, permettendo di trovare nel contempo, una soluzione temporanea al problema, che non verrà risolto... ma solo traslato nel tempo...
Ecco quindi perché da noi ci vorrebbe una soluzione più drastica!!! 
Ad esempio, un manager preparato nel settore pubblico, investito di un'autorità forte, a modello Generale "Dalla Chiesa"... perché soltanto così, potremmo pensare di dare soluzioni definitive ad un problema così grave...
Altrimenti, ci ritroveremo (come solitamente avviene) a parlarne, a discuterne, si chiederà al governo nazionale d'intervenire celermente, riceveremo da Roma forse un po' di elemosina... ma per il resto, saremo nuovamente qui tra qualche anno... a scoprire di avere un debito raddoppiato!!!
Gira e rigira e sempre la stessa storia, non cambia mai e si ripete in maniera perenne... 
Nello scrivere questa mia ultima frase, incredibilmente mi è venuta in mente Sandra Mondaini e quella serie televisiva chiamata "Casa Vianello": Che barba, che noia. Che noia, che barba!

lunedì 23 luglio 2018

Ah... ??? Sentenze truccate a Messina??? Da non credere...

Lo scenario che si aperto è gravissimo e desolante al tempo stesso...
E' stato evidenziato che nel Tribunale di Messina, il Consiglio di Stato e il Consiglio di giustizia amministrativa sono stati fortemente condizionati dall'attivismo di un numero consistente di giudici a libro paga che avrebbero preso mazzette per favorire i clienti più importanti rappresentati dal loro studio legale...
Ecco allora scoperte sentenze amministrative comprate ed un’azione di dossieraggio per inquinare e depistare importanti inchieste penali!!!
L'avevo scritto ieri, ed ora per l'ennesima volta (purtroppo...), scopro di aver avuto un'impressione corretta...    
Ci sono più di venti magistrati iscritti per corruzione in atti giudiziari nel registro degli indagati delle procure di Messina, per un giro enorme di processi aggiustati nell'ambito della giustizia amministrativa...
L'hanno definita una vera e propria associazione a delinquere, magistrati che per anni avrebbero messo a disposizione la loro funzione giudiziale in cambio di soldi...
Gli stessi magistrati che si sono interessati dell'inchiesta contro i propri colleghi, hanno parlato di "mercificazione della funzione giudiziaria", aggiungendo, "sono state usare prerogative per curare interessi particolaristici e personali di terzi soggetti... dietro remunerazione"!!!
Da non crederci... già, dover scoprire come in un palazzo di giustizia qual'è quello di Messina, sia cresciuto a dismisura un fenomeno che a definirlo criminale non si fa peccato...
Tra i protagonisti, magistrati e avvocati...
C'era chi aggiustava sentenze in cambio di denaro, chi vendeva informazioni segrete e chi rallentava le udienze; ciascuno naturalmente ha fatto la sua parte!!!
I casi sotto la lente d'indagine sono in aumento esponenziale, tanto che gli esperti hanno iniziato a parlare di un nuovo settore illegale in forte espansione: la criminalità del giudiziario!!!
Sì... potremmo definirlo il nuovo business!!!
Scriveva nel 1935 il giurista Piero Calamandrei nel suo “Elogio dei giudici scritto da un avvocato”: "Ciò che può costituire reato per i magistrati non è la corruzione per denaro, ma il vero pericolo è un lento esaurimento interno delle coscienze, una crescente pigrizia morale"!!!
Sono passati più di ottant'anni da quella pubblicazione, ed oggi, paragonando quel messaggio con quanto stiamo assistendo, non possiamo che comprendere di come la situazione sia sicuramente peggiorata...
La corruzione nel nostro paese, sicuramente diffusa nella pubblica amministrazione, ha trasmesso ahimè quell'infezione anche nelle aule di giustizia, un tempo luoghi "sterili", in quanto deputati alla ricerca della verità e alla lotta contro il crimine e che ora si sono trasformate in luoghi "infetti", per compiere quei loro business "illegali"!!!
Speriamo quantomeno che la giustizia alla fine faccia il proprio dovere... e soprattutto che butti la chiave di quella cella, nella quale mi auguro verranno posti tutti quei magistrati, che si sono infettati di corruzione e che ormai possiamo definire... "contagiati"!!!  

domenica 22 luglio 2018

L'interpretazione della legge all'interno dei Tribunali??? Ho come l'impressione ( per non dire la certezza... ) di come taluni magistrati deviano appositamente, da quelle che sono le norme scritte del legislatore!!!

Ho l'impressione ultimamente che alcuni uomini dello Stato all'interno di quei Tribunali, nell'applicare la legge attribuiscano un senso diverso dal palese significato delle parole, secondo connessioni diverse da quelle che sono le reali intenzioni del legislatore...
Ad esempio la truffa... rappresenta il tipico reato che si concretizza non attraverso la cooperazione della vittima, in quanto manca di fatto il consenso, ma nasce dall'errore derivante dall'inganno perpetrato dal soggetto attivo del reato...
Di una cosa sono ormai certo e cioè sul diverso modo da parte dei giudici d'interpretare una norma giuridica e scoprire di come, nel nostro sistema giuridico, la stessa norma venga interpretata in “cento” modi diversi!!!
Certo, il numero indicato potrebbe sembrare un’esagerazione o un classico comune modo di dire, ma da qualche parte ricordo d'aver letto che esisterebbero “144 modi diversi d'interpretare una norma giuridica”...
Ciò che non riesco a comprendere e se ci sia da parte di quegli uomini di legge, la volontà a interpretare in modo corretto o del tutto arbitrario, quanto viene loro portato a conoscenza...
Non voglio entrare nel merito soggettivo, se pur in quest'ultimo periodo, abbiamo assistendo a pericolosi livelli di corruzione, compiuti proprio all'interno di quegli uffici, che hanno visto quali indagati, proprio alcuni di quei signori togati...   
Lungi naturalmente da me attribuire quelle decisioni quasi fossero valutazione inesperte o causa di una inadeguata preparazione, oppure di chi non sa vedere il testo della norma inserito in un sistema coordinato, ma quanto sopra lo ritengo impossibile, in quanto parliamo di soggetti che conoscono perfettamente le norme giuridiche...
Ecco perché ai giudici è assegnato il preciso ruolo di applicare la legge per risolvere le controversie sottoposte al loro giudizio, ma devono altresì non alterare... quel quadro d'insieme!!!
Spesso, pur essendo ogni giudice libero di interpretare la legge, prende solitamente in considerazione il “precedente orientamento”, sia per motivare le ragioni di una pronuncia non conforme o per aderirvi con locuzioni del tipo dottrinale, giurisprudenziale e autentica...
Può però accadere, che il magistrato, pur ricorrendo ai criteri sopra enunciati, non trovi una norma che disciplini o si adatti perfettamente al caso concreto, ed allora non potendosi sostituire, almeno nel nostro sistema al legislatore per creare una norma ad hoc, può applicare la disciplina legislativa prevista per fattispecie simili...
Teorie a parte, ciò che interessa comprendere è quale “logica razionale” segua il legislatore nell'ambito di quella sua discrezionalità, perché ultimamente ho come l'impressione che in alcuni Tribunali della nostra isola (ad esempio... Messina e/o Siracusa...), si segua una strada poco incline alla giustizia, ma bensì vi è la volontà ad assecondare o ancor peggio a insabbiare quei rapporti presentati che forse ormai da troppo tempo, sono rimasti lì inoperosi... a prendere polvere su quelle loro scrivanie.
E sì... sarebbe veramente increscioso doversi rivolgere altrove, ad esempio anticipare le notizie sui media, affinché si possa riuscire ad ottenere quel naturale impegno da parte di taluni "ambigui" magistrati... 
Ma quando c'è la necessita di far prevalere la "giustizia", qualunque strada deve essere intrapresa, perché può essere quella giusta per far emergere definitivamente quella spiacevole verità!!!
Diceva Aldo Moro: Quando si dice la verità non bisogna dolersi di averla detta. La verità è sempre illuminante e ci aiuta ad essere coraggiosi.

sabato 21 luglio 2018

Cosa nostra: Chi comanda in Sicilia???

Ecco la fotografia della Direzione Antimafia, nella sua ultima relazione al parlamento, che spiega con chiarezza quanto ancora forte sia il dominio territoriale delle cosche mafiose.
D'altronde pensare di dimenticare in quali modi "cosa nostra" abbia fondato il proprio potere (violenza e armi) è cosa folle... come d'altro canto, non voler tenere in considerazione un fattore altrettanto importante qual'e quello del controllo del voto elettorale, determina un giudizio sul fenomeno errato... 
Non si può comprendere la sua forza, la sua durata, la sua potenza, se il fenomeno non viene ricondotto ad una dimensione più estesa, qual'è quella nazionale, dove grazie a politiche di governo, si è potuti usufruire di finanziamenti a fondo perduto, senza alcun controllo sulla loro reale destinazione...
Quei comitati d'affari hanno gestito da Roma verso la Sicilia, decine e decine di miliardi, che in larga misura sono stati intercettati dalla criminalità organizzata, mentre le leggi sulle procedure di appalto e le relative deroghe hanno reso normale, ovvio, visibile e non sanzionabile, l’accaparramento mafioso del mercato delle Infrastrutture!!!
A quanto sopra, vanno sommate le politiche compiute dall'ARS in questi lunghi anni; centinaia di leggi regionali di spesa, contrattate fra maggioranza e opposizione, che hanno permesso stanziamenti straordinari per il Mezzogiorno, affinché quest'ultimi affluissero direttamente nelle casse della mafia, ingrassando di conseguenza quel regime politico-imprenditoriale-mafioso...
Il fatto che qualcosa in questi anni stia cambiando, non significa che la forza militare della mafia sia diminuita, farlo d'altronde significherebbe perdere l'unica occasione che ancora abbiamo di sconfiggere definitivamente la mafia....
Certo in questo periodo ci viene raccontato dai media ed anche dalle nostre istituzioni che la mafia si sta indebolendo ed il merito di quanto sta accadendo è il risultato di una attenta lotta da parte dello Stato...
Il sottoscritto ritiene però che se oggi la mafia è in difficoltà, ciò è dovuto non tanto all'accentuarsi della lotta dello Stato contro di essa, che senza alcun dubbio c'è, ma bensì a un indebolimento del sistema partitocratico nel nostro Paese, a causa della formazione di nuovi movimenti populisti come il M5Stelle e di partiti del nord come la Lega, lontani territorialmente, da non possedere quegli stretti legami presenti nella nostra isola, che hanno reso, mafia e partitocrazia, due facce della stessa medaglia!!!
Vedrete, se pur con mille difficoltà saranno questi i partiti che forse cambieranno le sorti di questa nostra regione, ancora così fortemente interconnessi ad alcuni nostri uomini politici, noti da sempre per essere stati in connubio con quella associazione malavitosa.
Ma i siciliani purtroppo sono lenti a cambiare le proprie abitudini e soprattutto mancano di quel coraggio mostrato loro da alcuni esigui conterranei, che viceversa, hanno saputo donare la loro vita per questa terra.
Ah... certo dimenticavo: Nel frattempo che si discute, i mandamenti, continuano comodamente a spartirsi gli affari di questa nostra isola...

venerdì 20 luglio 2018

SENTI DA CHE PULPITO VIENE LA PREDICA...

Ho letto un articolo http://catania.livesicilia.it/2018/07/19/inchiesta-sulloda-4-indagati-larcivescovo-accusato-di-peculato_467268/ a firma di Laura Distefano e Antonio Condorelli, sulla accusa di Peculato mossa all'Arcivescovo di Catania Salvatore Gristina e ad altre tre persone...
"Superbia, avarizia, lussuria, calunnia, pedofilia, omicidi, corruzione, sequestri, traffico di denaro sporco, ecco parte degli scandali e dei segreti, di cui finora la Chiesa cattolica deve rispondere"...
Avevo scritto alcuni anni fa un post: "Duemila anni di crimini compiuti sotto il nome di Cristo"!!!
Quindi ormai non mi meraviglio più di niente, soprattutto quando si parla della Chiesa Cattolica e di quei suoi uomini togati...
A proposito di Arcivescovi di Catania... vorrei raccontarvi una esperienza nella quale mi sono trovato casualmente parecchi anni fa...
Premetto che era un periodo nel quale, non esisteva neppure l'ombra dell'emergenza dei migranti...
Per cui, ero andato a trovare i miei genitori presso un Villaggio turistico chiamato "Madonna degli Ulivi", nel quale essi stavano pernottando... 
La sera, insieme all'allora mia fidanzata (oggi mia moglie...) e ai miei stessi genitori, ci siamo seduti al ristorante, quando improvvisamente si è notato come un trambusto...
Chi correva di qua, chi di là, tutti a sistemare celermente alcuni tavoli, per unirli e farne un intero a forma di U, per circa 30 persone...
Scherzando ho chiesto: Ma chi sta venendo il papa??? Ed un responsabile della sala nella concitazione mi ha risposto: "come se fosse"!!!
In quel momento così insolito, debbo dire che la curiosità aveva preso il sopravvento...
Ed ecco che all'improvviso abbiamo visto entrare un uomo massiccio, accompagnato da tutta una serie di uomini e donne, i primi vestiti con quegli abiti scuri talari, mentre le suore con quelle abituali tonache a modello "sister act" ed infine lui, sì lui... l'Arcivescovo, tutto agghindato in quel suo paramento dai fili d'oro... e di come si muoveva in quella sala, sembrava fosse Papa Woityla...
Comunque... non sto qui a raccontarvi tutta la serata, ma desideravo riprendere un passaggio e cioè quando hanno iniziato a parlare della fame nel mondo: Cause, conseguenze e possibili rimedi... 
Erano tutti li a manifestare i propri pensieri su quei poveri bambini denutriti, sulla eccessiva espansione demografica in quei paesi, sullo sfruttamento di quelle terre da parte dei paesi più ricchi e poi la corruzione e la mal distribuzione delle ricchezze e via discorrendo...   
Sentendo parlare di un argomento così grave... mi sono girato un istante a guardarli... ed ecco la sorpresa: Quel tavolo era così imbandito che sembrava di essere ad un matrimonio!!!
Minch... parlavano di fame, ma nel frattempo si stavano "mangiando la valle"... e a mangiare più di tutti, pensate un po' chi era... l'Arcivescovo!!!
Alla faccia della fame nel mondo, con quello che si erano mangiati quella sera, una famiglia africana sopravviveva un mese!!!
Era il classico esempio di chi predica bene e poi razzola male!!!
Quindi, sentir parlare oggi di peculato, lo ritengo quanto di più scontato avrei potuto prevedere... sapendo d'altro canto che si sta parlando d'individui legati allo Stato Vaticano...
D'altronde sono gli stessi uomini che proprio ieri hanno manifestato contro il governo in nome dei diritti dei migranti...
Ma poi dimenticano o fanno finta di scordare, che molte di quelle loro strutture, sarebbero perfette per essere utilizzate all'accoglienza dei migranti, ma disgraziatamente, quelle stesse, sono state in questi anni trasformate vergognosamente in B&B... oppure sono state concesse a note Università Private e Associazioni varie... il tutto ovviamente esentasse, eppure da quei locali si stanno realizzando profitti milionari!!! 
E dire che queste organizzazioni, fondazioni, strutture ecclesiastiche sono enti senza fine di lucro!!!
Alla faccia dell'evasione...
Al sottoscritto sembrano enti di riciclaggio, peraltro se pensate a tutti i soldi in contanti incassati quotidianamente dalle parrocchie... io stesso ad esempio, proprio alcuni minuti fa sono uscito da una Chiesa, avendo partecipato ad un funerale e di quella donazione (chiamata cartella... ) in contanti... non vi è alcuna traccia!!!    
Certo dispiace leggere di come il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Catania, coordinata dal Procuratore della Repubblica Carmelo Zuccaro e dal pm Fabio Regolo,  debba indagare sulla "governance" dell'ODA (Opera Diocesana Assistenza...), sulla quale avrei da raccontare una circostanza non molto gradevole, ai tempi in cui a dirigere l'Ente vi era un certo padre "C......a"!!! Chissà può essere pure che un giorno la racconterò...
Per quanto riguarda l'indagine, consiglio di leggere il link... d'altronde i due giornalisti d'inchiesta, sono professionalmente più preparati del sottoscritto e descrivono in maniera perfetta quanto accaduto...
Certo, è assurdo che proprio quei soggetti, posti solitamente da quel pulpito... predichino ogni giorno parole come onestà, morale, misericordia, povertà, rispetto e poi nella pratica si comportino come veri e propri delinquenti...
Viene da chiedersi: "Come è possibile che uomini di chiesa, possano adottare comportamenti così aberranti???".
Forse la verità e che essi sono uomini come tutti gli altri e peccano nella stessa maniera come ciascuno di noi... "scusate, ma in questo caso devo distaccarmi e usare un termine diverso "Voi" .
Si voi, perché ponete ciascuno di loro in un ruolo "elevato", come se in un qualche modo, potessero avere un rapporto diretto con il divino, mentre sono soltanto degli esseri umani, con le loro debolezze, tanto fragili da lasciarsi influenzare dal vile denaro...
Non credo nell'aldilà... ma se dovesse esistere spero solo che ci sia l'inferno!!!
Sì, affinché questi uomini miserabili, possano bruciare nel fuoco eterno!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Se mi vuoi seguire, inserisci qui la tua email:

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo