Translate

domenica 25 aprile 2010

La libertà è la misura della maturità di un uomo e di una nazione...

La prima definizione di "politica" risale ad Aristotele ed è legata al termine "polis", che in greco significa la città; la politica, secondo il filosofo ateniese, significava l'amministrazione della "polis" per il bene di tutti...
Per Max Weber la politica non è che aspirazione al potere mentre per David Easton essa è la allocazione di valori imperativi (cioè di decisioni) nell'ambito di una comunità.
Ora diciamo che al di là delle definizioni più o meno interessanti, la politica in senso generale, riguarda "tutti" i soggetti facenti parte di una società e non soltanto chi fa politica attiva e quindi esclusiva di chi opera nelle strutture deputate a determinarla.
Per cui  "fa politica" anche chi, subendone ogni giorno gli effetti negativi ad opera di coloro che ne sono istituzionalmente investiti, riesce a scendere in piazza per protestare...
Quanti di Noi invece riteniamo che la politica non ci appartiene o che questa sia soltanto qualcosa di così lontano dalla nostra vita quotidiana, che soltanto quando veniamo chiamati al " voto " (quasi sempre richiestoci da qualche amico di turno, che poi appena eletto si dimentica di Noi...) ci ricordiamo di essa...
Ora il problema fondamentale è non come liberarci dalla politica ma da coloro che utilizzano questa, per farne i propri interessi personali...quindi credo che sia venuto il momento di prendere a calci in culo tutti coloro che sia in governo, che in opposizione, dimenticano dei reali bisogni cui il cittadino necessità!
Certamente ognuno di Noi pensa che tutto ciò è soltanto un'utopia...e poi cosa può fare un solo individuo in mezzo a questo mare " sporco " dove dal più semplice consigliere fino al più blasonato onorevole (che di onorevole non possiedono neppure il nome...) ed attorno tutti coloro che per vantaggi ricevuti o in attesa di riceverli sono lì a spingersi con la speranza di coglierne qualche beneficio...
Beh, io credo che ognuno di Noi può fare molto innanzitutto cominciando a strappare le proprie tessere di partito...poi continuando con quelle dei sindacati i quali vendono ad uno e all'altro i propri servizi a secondo i benefici personali cui possono attingere (si ergono a difensori e paladini... ma in realtà mediano per trovare scambi per posizioni superiori o assunzioni di favore...), ed ancora tutti quei consigli espressi nei quotidiani nelle televisioni, nei libri, ed ancora nelle scuole e nelle chiese...per influenzare la collettività con  pareri che seguono invece proprie ideologie...politiche, religiose, ecc...infatti quando io sono più debole di te, ti chiedo la libertà perché ciò è in accordo con i tuoi princìpi. Quando sono io più forte di te, ti tolgo la libertà perché ciò è in accordo con i miei princìpi. Frank Herbert (1920-1986), scrittore americano.
Quindi, soltanto ed esclusivamente attraverso " NOI ", passa l'unica strada per dare una svolta a questa situazione a cui tutti ormai si sono adeguati ...
credo quindi che sia venuto il momento di unirci, farci sentire, proporre nuove soluzioni, cominciando dal web a realizzare un movimento libero, senza nessuna ideologia partitica, ma con l'unica obbiettivo, quello di risollevare un Paese...
Un paese il nostro che ormai ha raggiunto una posizione da Terzo Mondo e dove un finto benessere fa credere a quei pochi di stare bene, mentre la maggioranza vive indebitata e sopravvive!!!
Non è tardi, almeno non per i nostri figli... se cominciamo a d unirsi, vedrete... tra qualche anno, qualcosa cambierà...
Perché si sa... la libertà non sta nello scegliere tra il bianco e nero, ma nel sottrarsi a questa scelta prescritta!!!
La libertà non è una cosa che si può dare... ma ognuno di noi la libertà se la deve guadagnare e prendendola ciascuno diventa libero per quanto lo voglia essere.
Sì... è come in quel film "Bravehearth" l'attore Mel Gibson... urlando ai suoi uomini pronuncia queste parole: " Ricordatevi che potranno toglierci la vita, ma non ci toglieranno mai la libertà!" 
Ah, libertà, libertà... persino un vago accenno, persino una debole speranza che essa sia possibile dà le ali all'anima!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Se mi vuoi seguire, inserisci qui la tua email:

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo