Translate

martedì 13 aprile 2010

Ma quali beni confiscati...

Si lo Stato finalmente riesce a combattere le attività criminali... confisca i loro beni e li restituisce all'utilizzo dei cittadini...
Quante belle parole, ma le cose stanno veramente così???
Innanzitutto bisogna procedere per gradi e cioè:
Coloro che avviano una attività imprenditoriale, sia che possa essere di natura lecita o mafiosa... questa per operare ha bisogno di operare attraverso il credito bancario, ovviamente maggiore è il giro d'affari, maggiore risulta in crescita  l'investimento da effettuare e quindi la necessità di ottenere prestiti...
A questo punto interviene la Banca che naturalmente previe tutte le necessarie garanzie ed assicurazioni sia personali che societarie, interviene nel rilasciare il credito richiesto.
Ora vi starete chiedendo ma cosa centra tutto ciò, con la confisca dei beni...??? 
E' ovvio...se i beni sono stati dati in garanzia alle Banche, queste hanno prelazione... in quanto sia perchè "privilegiate", ma soprattutto quali detentori delle ipoteche e quindi sono loro i reali proprietari... infatti a dimostrazione di quanto sopra soltanto il 35% dei beni confiscati non sono da parte dello Stato utilizzati, perchè sono sotto ipotecati dalle Banche...

Ahhhh....che ridere...infatti i mutui o i prestiti concessi sono leggittimi, ed è con il consenso dello Stato che questi vengono concessi ( le informazioni per i provcedimenti sono controllati dai ns. organi di vigilanza...) i quali solo e soltanto dopo il benestare placido concedono quanto richiesto...( ai mafiosi e/o ai loro prestanomi...) e quindi ora come si fà a toglierli alle Banche???
Inoltre oggi le Banche, perdendo di fiducia a seguito di tutti i provvedimenti di sequestro e confisca che lo Stato sta adottando...comincia a limitare la concessione al prestito, riducendo così l'apporto finanziario richiesto alle nuove società ( in particolare se queste trovasi nel territorio dell'Italia insulare...), impedendo così l'eventuale rinascita di attività e di sviluppo, tanto necessarie in queste Regioni...
Infine, risulta ovvio che si portano a fallire sia le società confiscate, sia quelle che stanno operando nel mercato ed anche quelle che appena costituite, non riescono in mancanza di credito bancario, a prendere quota...
Le imprese infatti tolte ai clan mafiosi...non hanno futuro...è sono destinate a chiudere, piccole o grandi che siano... ed ancora tutti coloro che gravitavano intorno a tali società, vedasi fornitori, clienti, operatori economici, consulenti, ecc... dopo tali sequestri si ritrovano a non poter più collaborare e quindi a svolgere il proprio lavoro con esse, nessun proseguio d'affari, anzi d'ora in poi, questo rapporto verrà indagato, controllato, intercettato, verificato ed ispezionato anche in maniera personale per poterne garantire l'assoluta estraneità da eventuali partecipazioni e  coinvolgimenti sia societari che personali.
Alla fine sembrerà un paradosso...ma lo Stato oggi toglie anche quel po' di lavoro che restava... quindi niente credito e niente lavoro... qualcuno esagera dicendo che sembrerà scandaloso che lo Stato oggi produce disoccupazione... ma purtroppo questa è la realta!!!
La Sicilia infatti oggi con con il 42,9% è tra le dieci regioni europee con il più alto tasso di disoccupazione giovanile. Lo dice Eurostat, l’ufficio europeo di statistica, in un rapporto sulla situazione occupazionale nelle regioni dell’Ue-25.
Anche se a livello nazionale è di nuovo la Sicilia ad avere il maggior numero di disoccupati (17,2%), mentre spetta alla provincia autonoma di Bolzano il primo posto per la più bassa percentuale di senza lavoro (2,7%). Dopo un drammatico crollo degli investimenti in questo triennio gli investimenti sono cresciuti, infatti diverse importanti aziende italiane e straniere, attirate dagli incentivi fiscali e contributivi e dalla disponibilità di manodopera qualificata a costi contenuti e soprattutto grazie agli sgravi concessi sulle nuove assunzioni vedasi lg. 407/90, queste hanno negli ultimi anni effettuato ingenti investimenti nelle provincie Siciliane... ma questi sono semplici palliativi...per procurare qualche voto di scambio a qualche onorevole di turno, ma soprattutto servono alle Imprese del Nord Italia del caro " amico " Bossi... di ottenere finanziamenti Europei e Nazionali ma soprattutto utili economici che nella cosiddetta Padania non avrebbero...
Infatti grazie agli incentivi di cui sopra per esempio...il televisiore ( quasi sempre di un modello ormai per prestazioni superato) ha utili superiori del 40% sulla stessa vendita fatta in Nord Italia dalla stesso Centro Commerciale, questo grazie alle defiscalizzazioni, agli incentivi, al costo della manodopera gravato di contribuzione inferiore rispetto a quello Nazionale... e poi comunque dobbiamo sempre ringraziare del sostegno che ci danno...
Provate a creare una società che per qualità, tecnica, prestazione, sicurezza...ecc.. sia capace di poter lottare con quelle appartenenti alla cosiddetta casta... provateci soltanto che verrete in maniera precisa e chirurgica eliminati; o si sta sotto di " Loro " e quindi sotto il loro potere occulto, questo ovviamente ben oleato dalle forze politiche, dalla magistratura, da pubblici fficiali e via discorrendo e quindi  potrete raccogliere l'eventuali briciole che verranno lasciate... oppure non ci sarà mai sviluppo per le vostre società...
Ci troviamo di fronte ad un bivio... scegliete voi quale strada voler contuinare a percorrere!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo