Translate

lunedì 25 novembre 2013

Squadra Antimafia...


Finalmente è finita... almeno questa 5° serie e per quanto ho sentito dire, ne dovremmo patire altre sette, si perché la serie prevista è composta da 12 e forse perché, prevedono ottimisticamente di debellare per allora (almeno nello fiction...) definitivamente questa piaga...
Capisco inoltre, quanto importante sia fare audience e forse è per questo motivo che si è tentato di aggiungere ad una improvvisata sceneggiatura, quante più traccie possibili ( se pur marginali dal contesto principale) relegate all'interno di quelle vicende personali, tra amori e passioni, il tutto incernierato con le vicende criminali piene di violenza, omicidi, ecc...   
Come sempre, su questa nostra meravigliosa isola, abbiamo potuto assistere.., sia a quanto di bello ci viene offerto gratuitamente in paesaggi e scorci naturalistici amplificato dalle bellezze storico/architettoniche uniche al mondo, il tutto purtroppo "condito" dalle grossolane sparatorie a modello western, ripetute a dismisura nelle varie puntate...
Cosa dire inoltre di quelle circostanze (più o meno similari alle reali vicende giudiziarie in corso ) tra chi aspira a governare la Sicilia, da una mafia Russa che sorprendentemente, vuole espandere i propri tentacoli qui da noi..., quando difatti il business è altrove...
Ed ancora, come descrivere questa squadra antimafia, composta da quel esiguo numero ( mi sembra siano cinque), che trasferiti da Palermo a Catania, iniziano una lotta impari...
Una battaglia fatta di ritardi, di confusione, di mancanza di collaborazione e fiducia tra colleghi, inaffidabilità totale e irresponsabilità nei modi di condurre le indagini, svolte queste in particolare dal vicequestore, in maniera del tutto arbitrarie e senza alcun rispetto delle regole o dei superiori, capacità professionali legate a momenti " tarantolati " del personaggio casanova, imitato in questa sua esuberante "capacità" anche dai colleghi di grado inferiore!!! 
La storia, grossolanamente riadattata da certe sceneggiature di più alto livello, tocca molti degli argomenti di cronaca di questi giorni, come le discariche abusive, il narcotraffico, l'abuso edilizio, i rapporti con uomini di Stato, il solito giro di denaro a cui non si sa resistere...
In questo immaginario "concetto" di mafia, anche la famiglia decade...
Assistiamo a figli che combattono i genitori, a fratelli/sorelle che si tradiscono per opposti valori, preferendo così al proprio sangue... quello estraneo.
Ma di quale mafia si sta parlano scusate???
Da sempre è risaputo che la mafia, basa il proprio potere, su quel vincolo legato alla parentela, stirpe, consanguineità, comparati e dove soltanto se si appartiene a questa ristretta comunità, si può entrare... altrimenti si viene esclusi!!!
Ora, capisco che si tratta di una fiction, ma almeno nel riprodurre gli avvenimenti, si potrebbe tentare di rimanere all'interno del tema e non generalizzare con fantasiose riproduzioni, certamente di vita quotidiana, ma che non appartengo ad alcun contesto con l'ambiente mafia...
A vedere questo sceneggiato, viene veramente da piangere..., ed ora capisco il motivo su quanto veniva riportato nel 2011, quando alla produzione, sembra sia stato imposto da parte di alcuni "personaggi"  locali, di affidare ad essi, il service per reclutamento di comparse, per la fornitura dei pasti o per le location..., incrediiiii...bile!!!
Difatti, la stessa mafia, per non vedere sul proprio territorio,  le "sceneggiate" ( per non voler usare termini volgari ) riprodotte in questa fiction, ha preferito chiedere loro ( in maniera... cortese ) di cambiare città...
Ed eccoli quindi a girare a Catania, chissà con quale "permesso" particolare..., anche se forse in questo caso, avendo avuto modo di vedere la leggerezza della sceneggiatura, "qualcuno" potrebbe aver pensato di far sorridere i proprie nipoti, con questa nuova commedia all'italiana...
Già, come non ridere, dinnanzi ad un bacio dato in mezzo ad una piazza cosparsa di morti e feriti tra il vicequestore e la collega nella piazza di Pedara  ( una cittadina che è stata definita nello sceneggiato un villaggio sperduto di poche anime... peccato che possiede una popolazione di circa 12.000 persone e che d'Estate, essendo meta turistica, diventano il doppio... e infatti l'errore del regista, sempre nella stessa scena riprendendo dall'alto, inquadra una folla di spettatori ad osservare dietro le transenne...), e cosa dire di quel poliziotto " sciancato..." che non si regge in piedi ma che tenta sempre e ovunque di fare il proprio dovere o di quei fucili d'assalto "Kalašnikov", che non forano minimamente neanche le lamiera di un pulmino ( a proposito caro regista, ma che fine a fatto poi l'autista del pulmino... ) e quella mafiosa di Rosy Abate, che girovaga tranquillamente come turista per il centro di Catania, ma che stranamente nessuno riesce ad individuare, quelle forze dell'ordine che giungono sempre, quasi fosse una consuetudine in ritardo...
Si, forse di questo sceneggiato si salvano soltanto in due: Giulia Michelini, l'unica che riesce ad interpretare oltre che il proprio ruolo anche quello della pazza in maniera convincente e quel Filippo De Silva (interpretato da Paolo Pierobon ), che dovrebbe rientrare nella sesta serie...
Comunque, non riuscirò mai a capire perché, con tante storie che potremmo raccontare su quei grandi uomini o su avvenimenti storici di cui la nostra terra è stata piena, ci si promuove sempre nel mondo con queste idiozie...
Una patria della cultura e della civiltà, un'isola che ha dato i natali a filosofi, scultori, poeti e scrittori dalla fama indiscussa, patrimonio culturale, non solo artistico, ma che ha saputo dare prestigio a questa terra, siciliani illustri raccontati da chi ha amato la Sicilia, da chi ha voluto contribuire con il proprio dovere a tenere alto il valore di questa terra...
Ecco quindi perché non capirò mai, a cosa o a chi..., possa servire voler riprodurre sempre queste vicende, questo volersi ad ogni costo soffermare su situazioni, che nulla centrano con noi siciliani e che servono soltanto a degradare questa nostra terra, con mediocri interpretazioni scontate, basate su valori che certamente non ci appartengono...

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo