Translate

venerdì 27 settembre 2013

La "lieve" lotta dello Stato contro la criminalità organizzata...

Già, un eufemismo, il termine "lotta alla criminalità", che ormai quotidianamente andiamo sentendo...
Si tratta soltanto di parole che gettate al vento, trovano conforto e motivo di esistere in particolare occasioni, quali durante l'avvicinarsi a competizioni elettorali o nel voler annunciare meriti e riconoscenze ad alcuni soggetti, che in tal modo, beneficeranno di quelle attenzioni e gratifiche, da parte dei mass-media, affermazioni che hanno con l'unico scopo quello di affermare e rendere popolare, il "beneamato" di turno...    
Della sicurezza dei cittadini non interessa a nessuno!!! 
Ogni giorno infatti assistiamo a notizie su rapine, furti, anziani derubati, donne violentate, scippi, spaccio di droga, prostituzione, sequestri di persona, estorsioni, evasioni fiscali, danneggiamenti, mercato nero, ecc..., circostanze continuamente ripetute che in questi anni... non sono diminuite, anzi, vanno sempre più aumentando... 
Ma allora mi chiedo dov'è lo Stato...??? Già questo Stato che dovrebbe garantire e garantirci... dov'è???
Sentiamo sempre dire che non bisogna generalizzare, che si tratta di un falso problema, in quanto lo Stato è presente e, attraverso i suoi uomini, combatte ogni forma di criminalità e che quanto viene erroneamente detto è frutto di giudizi affrettati e molto personali...   
Peccato però che le statistiche dicano il contrario!!! 
Il ragionamento è basato su prove concrete se si considera che il nostro paese, dal dopoguerra ad oggi, ha avuto una crescita vertiginosa, in ricchezza e produzione di beni di uso comune...
Ognuno di noi, soltanto camminando per strada, non deve preoccuparsi del portafoglio che porta e del denaro in esso contenuto, perché questo rappresenta la minima parte trasportata, pensate infatti ai cellulari ( Iphone - Smartphone €. 700/1000 ), ai tablet dentro le borse ( 500-2000 €.), agli orologi firmati non di grande valore  ( €. 1.000-5.000 ) a quegli oggetti d'oro ( a rischio scippi - tra le €. 150-1.000 ) ed ancora borse firmate ( Louis Vitton - Gucci, ecc... tra €, 2.000 -5.000 ), ecco a guardarci, soltanto per strada siamo delle gioiellerie ambulanti, una vera manna per tutti i ladri in circolazione!!!
Certo dopo il periodo stragista e le lotte intraprese dallo " Stato " per dimostrare e imporre la propria forza e quanto richiesto a gran voce dai cittadini, ecco che quella lotta è andata pian piano scemando, ed anche la criminalità ( vista la negativa esperienza precedente), si è trasformata cambiando metodi organizzativi e puntando direttamente sul grande business, tralasciando così quelle microcriminalità che comportavano aggressioni, omicidi, estorsioni che determinavano un decadimento per la stessa economia, manifestava con la chiusura delle attività lavorative, del personale licenziato, del trasferimento dei cittadini verso il nord del paese, realizzando così quell'aumento di povertà, di cui nessuno si giovava, in particolare proprio la criminalità...
Ciò che manca da parte dello "Stato" è l'impegno deciso di combatterla questa criminalità e di reprimerla ancor prima che essa si manifesti...
Come si dice: prevenire e meglio che curare...
Combattere la criminalità significa quindi adoperarsi a livello personale, familiare e sociale.
Iniziare, contattando le famiglie povere e disagiate attraverso i servizi sociali, andare nelle scuole per far conoscere ai ragazzini i rischi ed i pericoli nel voler seguire certe particolari strade...  
Combattere la disoccupazione e la mancanza di prospettive, con interventi mirati e seri, tali da creare quelle giuste aspettative, che attraverso il lavoro si possono compiere.    
Bisogna coinvolgere tutte quelle figure fondamentali alla crescita individuale, dagli insegnanti, agli assistenti sociali, alle forze dell'ordine, e soprattutto bisogna contrastare con pene certe e definitive, gli autori dei reati e/o dei crimini..
La Giustizia deve fare il suo corso e lo deve fare in maniera spedita, celere, senza ritardi e/o escamotage che "avvocati di grido" utilizzano per ritardarne i giudizi o le pene...
Bisogna e non soltanto a parole, ripristinare quel concetto fondamentale chiamato "legalità" di cui in molti ormai si lavano la bocca... ma che poi, nei fatti, grazie a complicità e favoreggiamenti, usano per proprie finalità , diventando essi stessi parte di quel sistema, che sfugge ad ogni adempimento!!!
Proprio quest'ultimo punto, rappresenta il più infame!!!
Ho infatti l'impressione che esistono dei " soggetti ", che, attraverso cariche istituzionali prestigiose, per nome e conto di Associazioni, Assessorati, Comuni, ecc..., dissimulano dietro quelle loro innocenti facciate, quanto di più disonorevole un'uomo possa rappresentare nel compiere e nello svolgere il proprio mandato...
Ed è grazie proprio a quelle "esclusive" collocazioni, che ancora oggi possono permettersi di attuare "ambigue strategie", per far si che questo sistema, seguiti a restare inalterato, prolungando così il loro mandato e facendo in modo che questa attuale e consapevole situazione, possa perdurare nel tempo.

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo