Translate

mercoledì 1 aprile 2015

Ho fatto un sogno... è il I° Aprile!!!

Mi trovavo a passeggiare a Catania, precisamente in Via Etnea..., bellissima su quel disegno in pietra lavica, che quasi fosse un fiume, scorre su un tappeto ricamato: da un lato, vedo Piazza Duomo e dall'altro la maestosità dell'Etna... ancora innevata.
Mi dirigo verso il Bar Forzese di Corso Sicilia, la strada è libera... nessun "vucumprà", incredibilmente pulita, cestini ovunque, ci sono pure tre operatori ecologici, con tanto di divisa fosforescente e un aspiratore automatico posto sulle spalle...., aspirano quelle poche cicche rimaste a terra...
Nessuno abusivo, nessuna vendita... niente di niente, neppure un Dvd o Cd clonato, ne alcuna borsa firmata, niente scarpe sgargianti e colorate e soprattutto, non si avverte quella gradevole sensazione di un tempo, ricordi d'essenze profumate... falsi d'autori, spacciati per Tester...
Vedo l'inviato di striscia, Bombazza Brumotti, con quella sua strana bici, a far acrobazie e piroette..., salta da un marciapiede ad un altro.... corre su una ruota nello spartitraffico infiorato, fino a giungere lì in fondo, a Piazza della Repubblica... altre carambole... ancora giravolte... non lo vedo più...
Decido quindi di tornare indietro, scendo dalla Via Etnea per andare verso Piazza Università e mentre cammino, vedo tante persone, felici, sorridenti, sono tutte sotto la Prefettura..., è strano..., perché sì, di solito lì, vedo sempre polizia, dimostranti, gente con bandiere, cartelloni, manifestanti che chiedono la salvaguardia dei propri diritti...; attendono e sperano che qualcuno possa risolvere la loro critica situazione contrattuale..., persone che lottano per volere garantiti quel proprio diritto... unica speranza di sopravvivenza, che è rappresentata dal proprio posto di lavoro...
Ma oggi, di quelle persone, non c'è sono..., infatti, nel cercare di districarmi tra la folla... trovo gente che balla, che ride, contenta di stare sotto il sole... festeggiano per quel nuovo posto di lavoro ricevuto, quell'assunzione tanto ricercata e desiderata, la fine di quel precariato, che sembrava non finire mai e che per alcuni  di essi, è durato... una vita!!!  
Bene, sono contento..., proseguo ancora e nel giungere ai cosiddetti "Quattro canti", incrocio con la famosa Via di San Giuliano, mi vengono incontro tanti bambini zingari... ognuno di essi mi regala un fiore appena raccolto..., voglio lasciare loro una moneta..., ma scappano..., mi fanno segno che va bene così..., non vogliono nulla... non chiedono nulla... sono allegri, questo... è ciò che basta loro.
E' tutto così incredibile, giungo a Piazza Università e la strada - a differenza degli altri giorni - non è interrotta dal solito dissuasore mobile a scomparsa..., un'orribile marchingegno, che costringe dei dipendenti pubblici, a trascorrere interamente le loro giornate lavorative, lì... da soli, o meglio accompagnati da quel maledetto telecomando, per poi rientrare a casa e continuare così a trascorrere le poche ore che restano prima d'andar a dormire, utilizzandone un'altro... già, quello della Tv, quando si dice: "una vita telecomandata"
Piazza Università, la piazza della cultura, della formazione, della conoscenza, trasmissione dei veri valori, cardini fondamentali di civiltà e competenza, quella preparazione che viene trasferita dai professori agli alunni... ed oggi sono lì tutti abbracciati in un girotondo d'anime, uniti tutti in un unico leit-motiv, sensazioni che si sprigionano, nuove energie che si sviluppano, s'incontrano , si creano, si trasformano. 
E' finito il tempo degli scontri, dei cortei studenteschi, delle politiche per lo studio, di quelle manifestazioni contro la riforma della scuola, di quelle barricate e occupazioni, autogestione di quella protesta necessaria per una ricercata libertà dello studio...
Ma ora si è soltanto accomunati... c'è la meritocrazia che paga..., niente più raccomandazioni o figli di papà..., i professori esaminano con obbiettività e correttezza di giudizio, vanno avanti solo chi merita e non esistono più cortigiani servili o schiavetti portaborse... non servono più neppure le gonne strette o gli sguardi provocanti...
Sgattaiolo... tra quelle braccia calorose, per giungere a Piazza Duomo... e lì posto sotto "u liotru" osservo la maestosa cattedrale, porta Uzeda, il barocco di quei palazzi e a destra il nostro Municipio... 
Di solito, quando mi trovo qui nel mezzo della piazza, mi soffermo ad osservare le persone che entrano ed escono da quel palazzo municipale...
Vedo tanta gente, c'è chi corre e chi va piano,  un andirivieni di esseri umani, sicuramente penso "ci sarà un gran da fare li dentro..." dopotutto se dovranno risolvere tutti i nostri problemi, di questa grande città, appunto... come la nostra..., si... non vorrei mai trovarmi, al posto del Sindaco...
Mi chiedo come facciano a dare ascolto a tutti quei cittadini, ognuno con un problema diverso da risolvere, continue richieste, ma soprattutto tantissime recriminazioni...
Ma oggi non è tempo di lamentele, sono tutti felici appisolati, applaudono verso quella porta/finestra, sventola una bandiera rosso-azzurra del Catania con una grande A posta al centro... si vede comunque l'organizzazione, la pianificazione, le strategie adottate per risolvere i problemi quotidiani, vi ricordate come descriveva le tre piaghe... quel famoso zio a "Jonny", già... l'Etna, la Siccità e il Traffico...., ma ora, qui, nessuna di queste calamità ci può scoraggiare, perché noi siamo un popolo fortunato, viviamo nella più bella terra del mondo e niente, mai, ci può fare paura!!!
Ah... si... chi è... si, si, mi sto alzando...  ah... ecco perché... mi sembrava tutto così anormale: ho fatto un sogno... che strano casualità però... oggi, è il I° Aprile!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo