Translate

martedì 5 marzo 2013

Il Bag O'Nails...

Una strada di Londra... Carnaby Street, un locale famoso... il Bag O'Nails, ha riaperto i battenti...
Da pochi giorni, precisamente dal 1 Marzo..., una delle strade più famosa degli anni 60' e 70', sta per riprendere nuovamente vita!!!
Una strada ed un locale, che è stato dapprima culla di quel modernism, subcultura giovanile di un modern jazz che iniziava a farsi sentire e quindi sostituito da quelle tendenze dinamiche e culturali di una Londra in pieno fermento....
Una rivoluzione culturale improntata all'ottimismo ed all'edonismo, che riguardò la moda, la fotografia, il cinema, le arti, ma soprattutto la musica, quel pop suonato proprio in questo locale che iniziava a dominare l'industria discografica mondiale...
I suoi simboli principali furono personaggi come Hendrix, Beatles ed i Rolling Stones, seguiti poi dagli Who...
Nasce pure la moda per le minigonne, dei capelloni e dei punk..., per giungere ad un radicale cambiamento alla fine degli anni 70', sostituiti da quel nuovo modello denominato " hippie o figli dei fiori"..., che ereditari proprio di quei valori nati con la Beat Generation, creano ora una controcultura, con proprie comunità ed ascoltando rock psichedelico, abbracciano la rivoluzione sessuale e l'uso di stupefacenti, come allucinogeni e cannabis, alla ricerca di un nuovo stato di coscienza....
Un periodo quello di grande trasformazione e chissà forse volendo riprendere quel periodo, oggi, si cerca in questo periodo di crisi, in particolare quella culturale, di realizzare un nuovo messaggio di cambiamento...
All'ingresso la " Blue Plaque", la targa ufficiale che è stata apposta all'edificio ci dice molto...
Vi è incisa la frase: "Qui suonò la Jimi Hendrix Experience il 25 novembre 1966". 
Ma c'è di più, i Beatles usavano questo locale come seconda casa..., qui Paul McCartney conobbe Linda Eastman sua futura consorte...
Il palco è ancora quello originale, non è stato cambiato e certamente entrare al numero 8 di Kingly Street, darà certamente quei particolari brividi, nel sentirsi ancora circondati da odori e suoni che sono ancora profumati di quel periodo...
Comunque questo non è il solo locale riaperto dopo tanti anni, infatti a Liverpool nel 2011 è stato riportato in vita l'Eric's, tempio punk e della new-wave in cui suonarono, ed inoltre a Londra, nel 2012 è rinato lo Scotch of St James, al 13 di Masons Yard, Westminster, un locale che ospitò la prima esibizione britannica di Hendrix nel 24 settembre del 1966 e fu inoltre il ritrovo dei Moody Blues, dello Spencer Davis Group ed era tra i preferiti anche di Paul McCartney e Ron Wood. 
Si tratta di rivivere una sorta di viaggio nel tempo, una specie di ritorno al passato, ascoltando nuovamente, purtroppo in playback la musica di quei cosiddetti " mostri sacri "... 
Comunque se volete avere maggior informazioni sul Bag O'Nails, potete visitare il sito:  www.bag-o-nails.com, attraverso il quale potrete rivivere cliccando nella voce Club Heritage, quel periodo che va dal 1960 al 1970, nel quale sono ancora presenti foto e personaggi che hanno fatto la storia della musica...
Dimenticavo, proprio in questo locale altri famosi personaggi facevano la loro comparsa... a cominciare da quel Tom Jones,  che era solito frequentare "The Bag", così come affettuosamente veniva chiamato a volte il locale... ed ancora si trovava lì, Jeff Beck, Jimmy Page, Lulu e Mike Jagger, che erano soliti banchettare con bistecca del club, patatine e piselli fino a tarda notte. 
Molti altri nomi erano attirati in questo luogo, non soltanto famosi, come artisti e attori, ma gente comune, che attraverso questo posto inn, sperava di fare vedere insieme a quei personaggi famosi, poterci bere un drink insieme, farsi qualche foto ricordo, ma soprattutto erano lì per poterli ascoltare, dal vivo...
Per quanti hanno avuto la fortuna di esserci stati in quei giorni, ora, quella passata esperienza potranno riviverla, raccontandola ai propri nipoti, descrivendo l'emozione che hanno provato e dicendo loro... io c'ero!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo