Translate

martedì 6 gennaio 2015

Expo... in odor di mafia!!!


Ad oggi, le imprese escluse dai lavori dell'Expo, per infiltrazioni criminali, sono ben 68!!!
La prefettura di Milano ha disposto le cosiddette "interdittive" avendo verificato ben 368 aziende...
Quindi se si prova a fare due conti..., vedrete che quelle che non possedevano i requisiti di legalità sono più del 10% sul totale... e cioè che che le infiltrazioni mafiose hanno coinvolto circa una ditta sulle 9 tra quelle impegnate nei lavori dell'Esposizione Universale di Milano. 
Società che erano già state ammesse nelle cosiddette "white list", ma che successivamente sono state escluse... in particolare, per aver utilizzato mezzi d'opera non in regola poiché utilizzavano targhe clonate. 
Il sistema prevedeva, l'utilizzo di subappaltare i lavori a società poco "limpide" che per ingannare i controlli, utilizzavano targhe clonate (preventivamente autorizzate ) in automezzi diversi da quelli verificati...
Un altro caso ha visto l'allontanamento di una società amministrata dalla moglie, il cui marito era stato sottoposto ad interdizione per traffico internazionale di droga; la società è stata espulsa dai lavori, in quanto si è dimostrato che i movimenti economici, servivano per il mantenimento del familiare e delle spese legali necessarie...
Da un'ulteriore controllo, si è scoperto che un'altra impresa di Crotone, utilizzava esclusivamente personale originario della cittadina calabrese, che di fatto non costituisce di per se un problema... se non fosse che dagli accertamenti è emerso che, molti di essi erano pregiudicati o ancora peggio, legati ad associazioni malavitose...
Stessa situazione si è poi ripetuta per molte aziende a conduzione familiare, amministrate da prestanomi o parenti incensurati...
E' dire che il nostro paese, aveva convinto gli investitori stranieri, a puntare su quest'investimento... dichiarando che l'evento, sarebbe stato "mafia free"... 
Non vorrei comunque, che proprio questo modo "delicato" d'intendere la mafia è cioè in quel modo del tutto "libero", ha permesso che quanto oggi scoperto, derivi proprio da quel modo "inconsistente" di fare i controlli... e che consente ad ogni occasione, certi cosiddetti "imprenditori", di continuare ad operare in quelle grandi opere, permettendo - grazie ad uno Stato disimpegnato - di utilizzare quei soldi pubblici, che vanno non solo a ripulire, ma soprattutto a saziare, le casse di tutte quelle associazioni criminali, che di fatto, sin dall'inizio si volevano ( a parole ) contrastare!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo