Translate

mercoledì 6 febbraio 2013

Il... legittimo impedimento...


Sentiamo da un po' di tempo parlare di legittimo impedimento, cioè di quanto il nostro diritto processuale permette ad un imputato, di giustificare la propria assenza in aula. 
Andrebbe distinto, se si tratta della prima udienza o di una successiva, ma a me interessa poco entrare nei particolari del procedimento o delle sue conseguenza, mi interessa valutare meglio la volontarietà di un imputato, di presentarsi all'eventuale udienza...
Le disposizioni in materia di impedimento a comparire in udienza, permettono ad ogni cittadino di poter far spostare un'udienza, se il cosiddetto " impedimento è effettivo ed assoluto..., per esempio un caso potrebbe essere la malattia...
Il tribunale che riceve la richiesta dell’imputato, è tenuto a rinviare il processo a udienza, in un periodo non superiore ai sei mesi..., ma la decisione sulla corretta interpretazione e sulla sua legittimità resta ancora a discrezione dei giudici...
Ovviamente questa legge creata ad hoc, permette alle due cariche più alte dello Stato e cioè al Presidente della Repubblica ed al presidente del Consiglio, di poter rinviare l'udienza per qualsivoglia impegno istituzionale...
Quindi, conoscendo in anticipo il giorno dell'udienza, basta fissare un nuovo impegno e l'udienza viene fatta slittare..., ma per non sbagliare, basterebbe programmare la propria agenda in modo tale che ogni giorno, si abbia un impegno, che debba richiederne la presenza, ed il gioco è fatto...
E' evidente a tutti, che se per esigenze personali è necessario non presentarsi in aula , questa legge..., può essere applicata e direi sfruttata, anche da quei soggetti, che possiedono quelle cariche istituzionali necessarie, per godere di riflesso di una legge, divenuta ormai " ad personam ".
La verità e che nel nostro paese esistono dei cittadini che hanno dei privilegi che sono al di sopra degli altri cittadini..., sembra di essere tornati ai tempi delle monarchie e delle loro classi sociali..., violazione palese del principio di eguaglianza tra i cittadini sancito dalla nostra Costituzione all’Articolo 3 dove tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.
Che poi questa fosse stata parzialmente bocciata dalla Consulta è servito a poco, fin quando continua ad esistere e soprattutto ad essere utilizzata in questa maniera...
Qualcuno sperava che questa norma transitoria ( varata per un periodo prestabilito di 18 mesi), sarebbe divenuta entro quei mesi, provvedimento costituzionale, ma come sempre avviene... non arrivò mai al Parlamento e la limitazione venne così di fatto cancellata, così doveva essere e così è stato!!!
La verità in parole povere è che in Italia, i cittadini, non sono tutti uguali davanti alla legge...
Già, per alcuni c'è sempre la possibilità di non presentarsi quando chiamati alle udienze e di godere di un privilegio, volgarmente chiamato legittimo, che permette loro, di poter bloccare la nostra giustizia, grazie ad un volontario e ricercato... impedimento!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo