Translate

venerdì 4 luglio 2014

A.N.C.E.: Sicilia, i debiti delle PA con le imprese


Sono anni che vado riportando in questo mio Blog, delle problematiche cui l’indotto delle Infrastrutture e delle Costruzioni  nella nostra regione, a seguito di procedure errate è ahimè giunto...
Livelli ormai inquietanti sono stati toccati, evidenziati in particolare da tutta una serie di fattori che, sicuramente non sono soltanto da ricercare nei mancati pagamenti delle PA, ma bisogna tentare d’investigare su quant'altro si possa celare dietro la gestione delle imprese di costruzioni, tale da aver influito a determinare questa situazione drammatica.
Abbiamo in questi anni assistito a cosa può succedere a quelle imprese che non vengono pagate ed a causa di ciò… falliscono, ma la cosa assurda è che falliscono proprio per colpa dello Stato.
Ma non solo loro, perché in questo dissesto, crolla tutto un sistema, infatti: 
- Molti dei dipendenti vengono licenziati e quelli restanti vengono posti in C.I.G.
- I loro fornitori subiscono eguale sorta, mentre i clienti di altre commesse pubbliche/private, si ritrovano a dover subire indirettamente questa nuova problematica aziendale, pur avendo essi, ottemperato a tutti i pagamenti dovuti ed ora, malgrado ciò, debbono gestire un problema che non li riguarda ma che sta creando ritardi che sui lavori in corso e sul loro possibile proseguo;
- Le imprese sub-appaltatrici, che nella stra-maggioranza delle volte sono quelle che realmente hanno portano a compimento i lavori, alla fine pagano totalmente – essendo i più deboli - il prezzo di questo dissesto finanziario; 
- Le banche, impegnate a comprare titoli di Stato sul mercato internazionale, non concedono più crediti alle aziende ed i debiti e gli interessi finanziari verso Istituti e/o Banche aumentano, con il risultato di una crisi di liquidità, che non deriva soltanto dal fatto che non danno più soldi, ma principalmente perché questi stessi Istituti, hanno già emesso anticipazioni durante i lavori ed ora sono in attesa di ricevere indietro i  soldi “lavorati”, che però lo Stato non paga;
- Le imprese sono sempre più strangolate da tasse più alte dell'area UE e da interessi che le società di riscossioni applicano, quando non si riesce più a far fronte ai pagamenti; 
- Iniziano così tutte una serie di cause giuridiche, con costi legali esosi da dover sostenere e con procedimenti lunghissimi che legati ai tempi della giustizia, non trovano mai celere soluzione ;
A ciò bisogna aggiungere che proprio a causa di quanto sopra, s’instaura un effetto economico recessivo, di cui l’imprenditore non ha colpa, ma che a causa dei comportamenti della pubblica amministrazione è alla fine costretto a soccombere!
Molti ns. imprenditori stanchi di questo anomalo paese del “Gattopardo” con un sistema feudale basato sulla illegalità e da tutte quelle procedure collusive interposte ai vari livelli, ecco che decidono di lasciare il ns. Paese per altri certamente più civili, come la Slovenia, la Romania, la Svizzera, paesi nei quali il sistema “imposte” risulta più equo ed i servizi – a differenza dei nostri - funzionano alla perfezione.
La verità infatti è che il nostro Paese, in tutti questi anni ha dimostrato di essere specialista nel farsi male da solo… perché  è ormai evidente a tutti, che i suoi interlocutori, sono dei semplici burattini, attori di un teatrino politico, incapaci di far funzionare perfettamente quelle semplici regole di correttezza morale e professionale, in uso negli altri paesi europei, inettitudine perennemente evidenziata attraverso l’apertura da parte della Commissione Europea, di procedure d’infrazione contro il ns. Paese, per le violazione sulla direttiva europea nei ritardi di pagamento della PA – dimostrando così per l’ennesima volta -  in quale modo “ridicolo” l’Europa consideri noi. 
Bisogna aggiungere inoltre che diverse Regioni, non si mostrano all'altezza di pagare neanche quando lo Stato dà loro i fondi per farlo, in particolare proprio la nostra Sicilia che è risultata essere la peggiore!!! Infatti da sola, non è stata capace di usare il miliardo ad essa assegnatole per il pagamento dei debiti; la seguono in ordine Campania, Calabria, Sardegna e Molise.
Dicevo prima che, il problema dei mancati pagamenti rappresenta certamente uno dei motivi che ha condotto al fallimento del sistema impresa, ma ne esiste un altro - i cui media in questo periodo non fanno altro che darne il giusto risalto – e mi riferisco principalmente a quelle politiche di corruzione/clientelari, dove la principale regola e la distrazione illecita di denaro, per finanziare ed accomodare quanti tra, politici, imprenditori, assessori, amministratori, professionisti, tecnici e dipendenti pubblici, possano prestare il loro contributo, per far si che opere ( per lo più inutili ) possano ricevere successivamente, quelle necessarie autorizzazioni per far sì che certi progetti possano ricevere i “giusti” finanziamenti…
Progetti che alla fine, verranno realizzati dalle solite imprese “amiche”, importanti nomi di costruttori a livello nazionale ed internazionale, che utilizzando anche compartecipazioni in project finance, mutano la loro principale essenza d’impresa di costruzione, divenendo nello stesso tempo progettazione e direzione lavori. 
Controllori e controllati nello stesso progetto, con lavori che mancando di una corretta progettazione di partenza, vedono lievitare i budget dell’amministrazione ed i prezzi dell’appalto, in quanto basati su dati non reali e quindi soggetti ad incrementarsi man mano che i lavori vanno definendosi e poi purtroppo lo Stato ( che in molti dimenticano siamo noi ), per ovvie ragioni, sarà costretto a pagare più e più volte, lo stesso appalto, attraverso i soliti stratagemmi - perizie di varianti e suppletive / riserve / ecc... - che generano solitamente un aumento dei costi e mai comunque un reale beneficio qualitativo dei lavori realizzati. 
Ovviamente non dico nulla di nuovo, in fondo se il problema della corruzione in particolare nella ns. regione non fosse così reale, non ci sarebbe stato negli ultimi anni, quella naturale escalation d’interesse a cui giornalmente andiamo assistendo, da parte della Procura Nazionale Antimafia…
Per cui, fintanto che molte delle nostre imprese, non saranno in grado di modificare questo loro fuorviante percorso, condizionato principalmente dal solo interesse finanziario, ecco che allora, difficilmente potremmo vedere queste imprese sopravvivere alla concorrenza ed alle politiche di rigore, che certamente sopraggiungeranno nei prossimi anni a venire...

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo