Translate

lunedì 14 luglio 2014

Governatori di quale Sicilia...


Agli inizia degli anni sessanta, la nostra Regione fu al centro di una rinascita imprenditoriale, era questa una fase politica che poneva al centro di tutto, accordi instaurati tra i partiti di allora. chiamati a gestire particolari iniziative industriali...
Tra queste vi era la Sofis, prima società finanziaria pubblica costituita in Italia, in cui la Regione Sicilia acquisiva quote ed azioni di società, fuori da naturali logiche d’investimento, poiché si trattava di aziende in grandi difficoltà economiche e fuori mercato, e che proprio attraverso questa, si vedevano erogati finanziamenti senza alcun controllo...
Nella stessa metà degli anni sessanta, si decise di istituire anche quattro enti economici regionali, quali, l'Ente Minerario Siciliano, l’Ente siciliano per la promozione industriale, l'AZASI e l'Ente di Sviluppo Agricolo…
Non dobbiamo inoltre dimenticare, che questi sono anche gli anni in cui si parla d’investimenti da parte dell’ENI in Sicilia tramite l’Ing. Enrico Mattei, che solo per ricordarlo, il 27 ottobre 1962, morì mentre era in volo su un jet privato, tornando a Milano proprio da Catania; l'aereo, precipitò nelle campagne di Bascapè e le indagini allora svolte dall'Aeronautica Militare Italiana e dalla Procura di Pavia - su una eventuale ipotesi d’attentato - si chiusero “ come sempre da noi “ con un'archiviazione perché “il fatto non sussisteva”; in seguito però, precisamente nel 1997, il ritrovamento di reperti, analizzati con nuove tecnologie, fecero riaprire le indagini giudiziarie, dalle quali emerse che l'aereo venne dolosamente abbattuto, attraverso la deflagrazione di una bomba stimata in 150 grammi di tritolo, posta dietro al cruscotto dell'apparecchio, che si sarebbe attivata proprio durante la fase iniziale di atterraggio, si pensò, a causa dall'accensione delle luci di atterraggio o dall'apertura del carrello.
Sono anni in cui i Presidenti della Regione vengono eletti direttamente dall’ARS e dove nomi eccelsi come il Presidente Piersanti Mattarella ( 1978-1980 ) uomo politico della Democrazia Cristiana – ma che certamente rappresentava qualcosa di scomodo per l'allora sistema, ecco che allora, il 6 gennaio del 1980, fu assassinato dalla mafia…
Sono anche gli anni della grande speculazioni edilizia, di una espansione insensata, promossa con il tacito accordo tra mafia e politica, nomi quali Ciancimino, Salvo Lima e l'emergente mafia corleonese di Toto Riina… daranno così inizio a quella escalation economica e criminale, che condurrà a quelle stragi eccellenti, che avranno come vittime il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa e i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino…
L’autonomia data alla ns. Regione, sarà sempre combattuta in vicende più o meno tacite e illecite, fino a giungere alla tangentopoli siciliana, che vedrà – siamo intorno agli anni 1992/1995 - inquisiti oltre la metà dei 90 deputati dell'Assemblea, tra cui il Presidente della DC in Sicilia, Rino Nicolosi e quello dell'Ars, Paolo Piccione …
Il periodo si sussegue con continui ribaltoni tra coalizioni di centrodestra e centrosinistra, fino a giungere nel 2001 alla prima elezione diretta del presidente della Regione, che vedrà quale nuovo presidente Salvatore Cuffaro; questo però nel 2006 viene rinviato a giudizio per favoreggiamento alla mafia - rieletto nuovamente in maniera discutibile - già, superando Rita Borsellino ( sorella del giudice Paolo assassinato dalla mafia ), durerà fino al 2008 quando, dovrà nuovamente dimettersi, per la condanna definitiva a sette anni di reclusione, per favoreggiamento aggravato a Cosa nostra e rivelazione di segreto istruttori; attualmente, sta scontando dal 2011 la pena nel carcere romano di Rebibbia. 
A Cuffaro, il 14 Aprile 2008 è seguito Raffaele Lombardo - 57° Presidente del governo della Regione - leader di quel partito “ormai scomparso” autonomista, l'MPA, quando ( e siamo nel luglio 2012), Lombardo si dimise dinanzi l'Assemblea regionale siciliana dalla carica di Presidente, con alcuni mesi di anticipo rispetto alla scadenza naturale del mandato prevista per l'aprile 2013.
Oggi è Indagato per concorso esterno e per voto di scambio politico-mafioso presso la Procura della Repubblica di Catania, per dei rapporti con alcuni esponenti di Cosa Nostra.
Il 19 febbraio 2014 il giudice dell'udienza preliminare di Catania lo ha condannato in primo grado a sei anni e otto mesi di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa, all'interdizione perpetua dai pubblici uffici ed a un anno di libertà vigilata. 
Ecco, siamo giunti infine all'ex “ dipendente ENI in aspettativa…”che proprio il 28 Ottobre 2012, venne eletto - con il 30 % dei voti - Rosario Crocetta del PD.
Cosa dire, da quanto sopra appare evidente la volontà da parte dei ns. Governatori di trattare questa nostra isola come terra di conquista e soprattutto di omertà, dove non si viene soltanto per villeggiare o per godere delle ns. bellezze naturali culturali e artistiche, ma si viene per investire e riciclare denaro, per infiltrare ed infiltrarsi, attraverso i propri uomini, in posti di comando, settori fondamentali strategici dell’economia e della politica.
Un legame ben strutturato, capace di stabilire e determinare le sorti della nostra economia ed in particolare dei suoi cittadini 
Sono d’accordo con chi dichiara di voler applicare una Royalty sull'estrazione del greggio dal nostro territorio, sicuramente cinque volte superiore a quella modesta attuale, come concordo sulla vicenda MUOS e ENI o sul PetrolChimico di Gela, che dimostra per l’ennesima volta, come il ns. territorio e stato “ usato “ da queste grandi compagnie per inquinarlo con una serie di “ brutture “ costruite in parchi e oasi, che hanno distrutto quel meraviglioso e incontaminato patrimonio naturale, che oggi, per essere ripristinato, avrà necessità oltre che di investimenti milionari, soprattutto di un periodo previsto tra i trenta ed i cinquant'anni…
Augusta, Milazzo, Termini Imerese, Gela, Melilli, e le varie piattaforme offshore a 12 miglia al largo di Pozzallo, sono soltanto alcuni esempi di scempi realizzati nella ns. terra, che soltanto ora, si stanno scoprendo essere causa di morti, per tumori e/o malformazioni genetiche. 
Il problema non è soltanto l’aria totalmente inquinata, ma soprattutto la matrice ambientale, cioè l’inquinamento delle falde acquifere, nei terreni, in cui sono presenti sostanze chimiche che hanno avvelenato non solo gli ortaggi ma anche il bestiame...
I morti per queste cause, non vengono volontariamente evidenziati - da parte dello Stato ed in particolare dal nostro Governo Regionale, proprio per non voler mettere in allarme le popolazioni attigue, che continuano ad essere ignare sui pericoli che hanno finora corso e su quelli cui quotidianamente vanno incontro, è non parlo delle attuali generazioni, ma di quelle che ancora dovranno venire…
Con la promessa di nuovi posti di lavoro e prosperità per l’intera comunità, si è potuto illudere quei poveri siciliani “ ignoranti “, a credere che attraverso quel consensuale baratto, si potesse ridare una svolta a questa terra, modifica epocale di una territorio che a quei tempi, soffriva di una profonda miseria e che certamente necessitava di sostegni celeri… 
Cosa dire abbiamo visto come il consenso politico dei cittadini, abbia permesso di nominare “soggetti” che dai fatti sopra riportati, nulla avevano con il desiderio e la volontà di far progredire e sviluppare questa nostra Regione…
Un consenso politicamente corrotto, che vede allora, come oggi, il prezzo di un pagamento troppo alto, espresso purtroppo in termini di vite umane, non soltanto le loro ( quelle di questi infami governanti e dei loro cari…), ma, disgraziatamente anche le nostre, dei nostri figli e chissà malauguratamente forse… dei nostri futuri nipoti!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo