Translate

lunedì 18 maggio 2015

Una provincia allo sfascio...

Mi riferisco alla mia provincia e cioè quella di Catania!!!
Che quadro desolante ci viene proposto, la disoccupazione ha superato di gran lunga, i record dei periodi sfavorevoli degli anni 90'; ma oggi, è ancora peggio, perché non è soltanto un settore, quello delle costruzioni, a soffrire, ma sono tutti a dover fare i conti con la crisi.
In molti si erano illusi, già si erano convinti che attraverso un nuovo rinnovamento politico, si potesse vedere un nuovo spiraglio di luce, una svolta definitiva di cambiamento che potesse invertire questa rotta negativa..., ma come si è visto... non è stato così.
Infatti, soltanto nei primi mesi del 2015, sono più di 60.000 le ore richieste di cassa integrazione per l'indotto edile, un sistema questo del ricorso alle Cig, che evidenzia da un lato, l'incapacità dei nostri governanti a trovare quelle giuste correzioni e dall'altro, la limitata personalità dei nostri imprenditori, di saper diversificare su più fronti i propri investimenti, puntando non soltanto sull'indotto "pubblico", ma valutando la possibilità, data loro dal privato e dalle nuove bio-tecnologie. 
Inoltre, se il ricorso alla cassa integrazione, porta di fatto a quel minimo sostegno salariale per le famiglie, di contro, produce un nuovo sfruttamento delle maestranze...
Infatti, molti imprenditori, sfruttando le politiche di sostegno del governo, utilizzano nelle proprie società ( vedasi i controlli degli ispettore proprio di questi giorni...) quella stessa manodopera professionale, data loro a basso costo, proprio da questo balordo sistema...
Difatti si crea un giro vizioso, poiché, le ditte non assumono e per non pagare i costo previsti dai contratti di categoria ( superiori in quanto omni-comprensivi di tutte quelle tasse ed oneri previste per la voce contribuzione), utilizza questa manodopera sottopagandola...
Certamente una parte di colpa è anche dovuto a quell'atteggiamento "servile" di molti operai, che si prestano a sottostare a quelle condizioni, sicuramente per migliorare quell'esiguo reddito, ma che di fatto crea quel cosiddetto "doppio lavoro"...
Inoltre, tra loro ci sono quanti, (questi si sentono più furbi... ) s'improvvisano nella forma ad imprese individuali (senza essere iscritti alle associazioni di categoria), operando nel privato, e ricevendo per i loro servizi quei  soliti pagamenti in contanti ( senza poter rilasciare alcuna fattura, alimentando così quel ormai concreto meccanismo del nero...
Ed ancora, non dimentichiamoci di tutti quegli ulteriori costi, che lo stato deve sopportare, quanto intervengono (proprio durante quelle sopraddette occultate prestazioni) possibili incidenti, a causa del mancato rispetto degli adempimenti sulla sicurezza (a volte questi sono anche anche mortali...) e che solitamente, quando cioè accadono, non vengono mai denunciati, anzi vengono dichiarati ai presidi del "Pronto Soccorso" come involontari e occorsi all'interno delle propria mura domestiche...
E' evidente che il sistema non funziona o meglio agisce perfettamente per creare le metodologie sopra descritte, abilità fuorvianti... che tutti sanno e che nessuno vuole dire...,  non per nulla in Germania, il sistema delle Cig è totalmente diverso, opposto al nostro, ma soprattutto viene controllato!!!
Comunque, ho letto in questi giorni di di alcuni grossi nominativi di società, che purtroppo hanno chiuso, di altri che stanno per farlo e di altri ancora, che hanno fatto ulteriore richiesta degli ammortizzatori sociali...
Mercatone Uno, Metro, Auchan, Almaviva, Coop Sicilia ( ex Aligroup ), Bingo, Stmicroelectronics, Acciaierie di Sicilia, Seasoft, Qè, La.Ra, sono soltanto alcuni nominativi..., ma potrei continuare per molte pagine, se mettessi insieme tutti i nomi di quelle imprese che in questo decennio hanno definitivamente chiuso... cosa dire... un fallimento totale!!!
Qui non si tratta più di uno stato di emergenza... siamo dinnanzi ad una disfatta, in tutti sensi, ad iniziarsi da politiche errate, alla mancanza di strategie, per giungere ad una lotta alla corruzione e criminalità esigua, fino a quelle sanzioni talmente "lievi" da lasciare quasi sempre impuniti i colpevoli...
Viene da chiedersi, non è che forse si vuole che questo sistema continui in questo modo, perché in assenza di regole certe, è più semplice controllare i propri concittadini ed intervenire con soluzioni con il "contagocce", operando cioè, di volta in volta, quelle decisioni che alla fine, sono soltanto utili, per far beneficiare quei gruppi dei soliti "noti", che avulsi da questa reale e problematica quotidianità, muovono le fila per condizionarne a godere i benefici???

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo