Translate

lunedì 1 gennaio 2018

Ecco cosa ci ha lasciato il 2017: 10.000 indagati, 3.000 condannati in primo grado, ed altri 7.000, in attesa di giudizio...


La lista è naturalmente "provvisoria", poiché ogni giorno in continuo aumento...
Ovviamente tra quei nominativi, una grossa fetta è rappresentata dai nostri politici, ma anche da quanti fanno parte di quel apparato istituzionale...
Già, i nomi ci sono tutti...  e la cosa assurda, è che tra questi, troviamo anche alcuni Magistrati, arrestati, inquisiti o semplicemente sospettati... sì... una categoria quelle delle toghe, a volte amata ma il più delle volte odiata dagli stessi cittadini, a seconda dei periodi storici... 
I reati in genere a cui assistiamo sono diversi e vanno dalla corruzione, collusione con la criminalità organizzata, interesse privato in atti d'ufficio, associazione per delinquere, tangenti negli appalti, abuso d'ufficio, bustarelle varie, fino a giungere ai processi addomesticati per assolvere e/o scarcerare quegli uomini legati ad associazioni criminali... 
Ovviamente servono a poco i trasferimenti d'ufficio oppure i procedimento disciplinari, perché quando uno è marcio dentro... continuerà ad esserlo successivamente anche in altri uffici!!! 
Comunque, la parte più consistente, in particolare nella nostra regione, è rappresentata da coloro che fanno parte di quell'associazione mafiosa... cioè, da quanti promuovono, dirigono e organizzano quell'associazione stessa, da tutti coloro che facendone parte direttamente, si avvalgono di quel vincolo associativo, per poter usare quella forza coercitiva dell'intimidazione...
Poi c'è il resto dei soggetti, quelli che non fanno parte direttamente dell'organizzazione, ma che si sono assoggettata ad essa al solo scopo, di acquisire in modo diretto o indiretto la gestione degli appalti o comunque il controllo di quelle attività economiche, da cui si ottengono concessioni, autorizzazioni, e servizi pubblici, al fine di realizzare profitti o vantaggi, certamente ingiusti per sé o per altri...
D'altronde queste attività economiche, gestite dai soliti "prestanome" (e sì... peraltro come come far finta che ancora oggi, nel 2018, la maggior parte di queste, non sia di fatto, sotto il controllo di quel gruppo "tentacolare"...), intendono assumere il controllo del territorio, garantendo a differenza dello Stato, quei posti di lavoro ricercati dai cittadini, gli stessi che poi successivamente, garantiranno quel flusso di voti necessari, per gli amici politici proposti... certamente "corrotti"!!!
Inoltre, grazie a queste società "affiliate", si potranno ripulire tutte le somme ricevute dalle attività illecite, per finanziare, in tutto o in parte, sia le stesse, oppure per procedere a realizzarne di nuove, dall'apparenza  "limpide", ma ovviamente controllate dal gruppo "Cosa Nostra Spa"...
Si... qualcuno vorrà provare a illuderci elencando i provvedimenti messi in atto, dai sequestri alle confische, della decadenza dei diritti delle licenze di commercio all'ingrosso o al dettaglio, di quelle revocate concessioni e diritti d'utilizzo per opere o forniture...
Sì... ma come tutti sanno, per ovviare a quanto sopra, basterà aprire una nuova società, cambiarne i rappresentanti legali (con nuovi disponibili prestanome), bypassare tutte le vecchie commesse acquisite, obbligando quei loro clienti a scegliere ora questa nuova società, ed il gioco è fatto!!!
Già, sembra di trovarsi a quel "gioco dell'oca", l'avete presente, dove a volte, quando sì è giunti quasi alla fine,  si è costretti a ritornare nuovamente all'inizio: ecco qui è la stessa cosa, tutto dopo un po' ritorna come prima, con lo Stato che - ripartendo nuovamente da quella casella iniziale- si ritrova ahimè... sempre ad inseguire!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Se mi vuoi seguire, inserisci qui la tua email:

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo