Translate

lunedì 16 luglio 2018

Perché la "Cosa pubblica"... è soprattutto "Cosa nostra"!!!


Sembra incredibile lo so... eppure a differenza di ciò che viene detto, la mafia ha dimostrato non solo di rimanere presente su tutto il territorio regionale, ma soprattutto ha saputo mettere in atto una opera d'infiltrazione in ogni settore dell'attività economica e finanziaria di questo paese...
Il fruttuoso reinvestimento dei proventi illeciti, le ha permesso inoltre d'inserirsi all'interno di quei meccanismi di funzionamento della Pubblica Amministrazione ed in particolare nell'ambito di quegli Enti Locali. 
Insomma, le cosche mafiose non sparano più... ma sono ben presenti, tanto da aver saputo infettare la "Cosa pubblica"!!! 
Dopo tutti quegli anni di "sommersione" (una strategia iniziata da Bernardo Provenzano e seguita dopo la sua cattura...), "cosa nostra" ha attraversato una fase di transizione, iniziando a individuare la figura di un nuovo leader, decisione che è stata presa, senza bisogno di dover dare il via, ad un conflitto violento tra le varie famiglie.
D'altronde la stessa figura del suo nuovo capo, Matteo Messina Denaro, si sa... non è stata mai "ufficializzata"!!!
Non per nulla quella figura, è stata più volte screditata proprio dal "Capo dei Capi", Totò Riina, che non ne ha mai riconosciuto l'investitura... 
Comunque, quella cosiddetta costituzione formale, ha permesso all'organizzazione di risollevarsi dalle ceneri e riprendere il posto che aveva all'interno della società... 
Ecco perché cosa nostra si presenta tuttora come un'organizzazione solida, fortemente strutturata nel territorio, riconosciuta per autorevolezza dai vari strati della popolazione, dotata ancora di risorse economiche sconfinate ed intatte, dunque più che mai in grado di esercitare un forte controllo sociale ed una presenza diffusa e pervasiva...
E' il motivo per cui a guidare ancora quei clan ci sono spesso esponenti storici di quelle cosche, che finita di scontare la pena tornano alle loro vecchie attività, reiterando in tal modo la capacità criminale propria e dell'organizzazione. 
Certo la speranza è quella di vedere riappropriare i Siciliani della propria coscienza, ciascuno di essi deve dimostrare una vera azione di contrasto nei confronti di quella associazione criminale e di tutti quei soggetti legati ad essa, siano essi politici, funzionari, imprenditori, mafiosi e via discorrendo... 
Sì... se si è tutti uniti, si potranno determinare quelle condizioni favorevoli, affinché il consenso, l'acquiescenza e la sudditanza di cui quella organizzazione ha goduto, in passato e ancora oggi, vengano definitivamente a mancare!!!
Se ci vogliamo riappropriare di ciò che è nostro, dobbiamo iniziare a sognare!!! 

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Se mi vuoi seguire, inserisci qui la tua email:

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo