Translate

giovedì 7 luglio 2011

" S " ... come stronzate!!!

Esistono tanti news-magazine in Italia e molti di questi per gli effetti premeditati e devastanti che realizzano, somigliano a questi gruppi denominati Black bloc, dove le loro azioni sono caratterizzate dal voler creare, disordini, ma soprattutto alzare la tensione...
Ecco che tra questi mensili, quello nostro Siciliano " doc " è il più interessante, infatti a differenza degli altri più o meno black bloc, dove sono tante le volte in cui vanno in Black...Out, il nostro invece sembra avere il cervello in completo bloc..., vede solo e soltanto una cosa!!!
Leggere mensilmente di dossier che fanno tremare la Sicilia, individuare oscuri personaggi, su cui poter scrivere, ricercare connivenze politiche mafiose e/o raccomandazioni da parte di questi nella gestione del territorio, dei lavori, ricercare pizzini e lettere, che al momento opportuno, escono fuori come da un prestigiatore dal cilindro magico, collaboratori di giustizia che, dopo aver commesso i più atroci ed efferati reati, si ritrovano ad evitare il carcere duro, "pentendosi" ed iniziano a vivere una nuova opportunità di vita offerta a spese dello Stato... Ecco che Io, di tutto questo fango gettato addosso alla mia terra, sono stanco!!! 
Si, sono stanco..., perché ovunque per ragioni di lavoro io sia andato, mi hanno sempre " etichettato " ( conoscendo la mia provenienza... Siciliana ) quale " Mafioso "... sia quando mi sono trovavo nelle regioni delle cosiddette Padanie, sia quando ero in Nord o Est Europa ed ancora quando mi sono trovato in Africa..., il problema è sempre quello...Siciliano sei??? e allora...Mafioso sei!!!
Noi abbiamo esportato nel mondo, cultura, letteratura, arte, prodotti tipici e siamo invece famosi per quanto realizzato nel cinema, nelle televisioni, nei giornali, che trasmettono quotidianamente la parte peggiore del nostro meraviglioso ed unico Paese; ed ancora, continuiamo tramite questi cosiddetti giornalisti ( una categoria sulla quale si potrebbe scrivere un libro... e poi oggi dal potere inutile, serve a poco, non conta quasi nulla rispetto a quello politico, economico e giudiziario, e questo non lo dico io... ma è scritto nel libro " Carta straccia... il potere inutile dei giornalisti italiani ", del giornalista e scrittore Giampaolo Pansa.
Lo scrittore sottolinea la faziosità della politica, gli errori ripetuti, le interviste inventate o ruffiane, le vendette ed invidie tra colleghi e conclude dicendo che il giornalismo di oggi è ormai l’ombra di se stesso, ridotto in uno stato pietoso, dove i giornali sono, letteralmente a suo dire, strumenti di battaglia... più che di informazione, ed ancora con quale criterio questi siano scelti e soprattutto chi paga loro gli stipendi, sarebbero rilevazioni interessanti da scoprire...
Esiste da sempre una categoria, che incita il provocare di violenze psicologiche, promuove attraverso la carta stampata o le pagine del Web, situazioni che servono a destabilizzare l'opinione pubblica e creano i presupposti per infangare a secondo dei momenti, quei soggetti che a loro dire, debbono soccombere sotto la pressione mediatica...; anche taluni nostri professori nel 68' usavano attraverso le lezioni svolte nelle aule universitarie, una ripresa di recrudescenza, che poi diede inizio alle Brigate Rosse...
Oggi taluni nostri giornalisti sono peggiori di quelli che commettono violenze con le proprie mani e sono identici a quelli che mandano gli altri a commettere le violenze al posto loro, perché così essi dimostrano di essere contro la violenza fisica e nascondendosi vigliaccamente dietro i giornali, mandando i propri lettori ( ignoranti ed ingenui, per la stragrande maggioranza ), a colpire a sassate, coloro che si è deciso a tavolino voler distruggere... per poi fingere, attraverso quelle interviste ( già preparate e poste sempre con garbo e gentilezza, buttate lì in maniera ingenua, per strappare le risposte volute), che poi in seguito verranno opportunamente modificate, per fingere scritto l'articolo, di esserne completamente estranei...
Uno dei principi nel campo giornalistico è determinato da tre fattori fondamentali quali: il produrre una informazione visibile e rilevante; che questa sia economicamente remunerativa; ed infine che essa sia decisiva per la formazione dell'opinione pubblica.
Diventa quindi importante che la notizia, venga anche inventata...( il cosiddetto "scoop" ); non è importante che la notizia sia una verità, l'importante è che rappresenti una verità dei fatti... ciò di cui fa di un avvenimento una notizia è la relazione con il pubblico e quanto essi debbano percepire...
Le cosiddette fonti giornalistiche, essenziali per dare valore alla notizia, non sempre vengono prese in considerazione, anzi il rispetto della deadline, viene sempre a mancare, oppure viene elaborato invertendo e modificandone i tempi, i personaggi e le esatte presenze nel contesto della notizia; le fonti quasi sempre indirette, vengono prese per esatte, nessun vaglio, nessuna verifica o comparazione, diventando oggetto sacro, su cui poi impostare ( dal buio completo ), la cosiddetta notizia, senza alcun rispetto del principio di obbiettività...
La formula scelta oggi infatti dagli editori e direttori dei quotidiani è il giornale Omnibus, rappresentato cioè da notizie d'informazione sia Nazionali che Internazionali dove, politica, cultura, affari, finanza, cronaca nera, ecc..., si mescolano ad opinioni di costume, pettegolezzi, delinquenza, scandali, ecc..., diventando un tutt'uno, per cui situazioni e circostanze di altri, diventano proprie e viceversa, quasi da voler colpire, come un pugile il lettore, con una serie di colpi precisi e notizie sensazionali, che poi di sensazionale non hanno niente, ma hanno come unico scopo, quello di voler immolare il proprio nome a giornalista... dell'opinione pubblica!!! 
Mi sembra di assistere non a notizie, ma a fiction come quelle che ogni sera ci fanno vedere in televisione, soprattutto quando si tratta di dover mostrare le qualità della nostra bella Sicilia...
Parlare di Mafia, senza aver letto libri come " Il Boss è solo " di Enzo Biagi, " Le famiglie di cosa nostra " di Selwyn Raab, " Il Capo dei capi " di Bolzoni/D'Avanzo, " Cose di Cosa nostra " di Giovanni Falcone, " Oltre la Cupola " di Forgione/Mondani, " La Mafia ha vinto - Trent'anni di Mafia - Ho ucciso Giovanni Falcone " di Saverio Lodato, " L'Altra mafia " di Oliva/Palazzolo, " O mia bedda madonnina " di Buccini/Gomez, " La Mafia dentro " di Girolamo lo Verso, " Anni Ottanta...attacco della Mafia allo Stato " di G. Incandela, " Cosa Nostra " di John Dickie, " La Parola Mafia " di Natella Pasquale, ed ancora " Da cosa nasce cosa " di Alfio Caruso, " Storia della Mafia " di G.C.Marino, " 200 anni di Mafia " di M.R.Paterna, ma anche dai romanzi si può capire il fenomeno mafioso, basti leggere il " Gattopardo " di Giuseppe Tommasi di Lampedusa, " I Vicerè " di Federico de Roberto, " Il Padrino - Omertà - Il Siciliano " di M. Puzzo ed altri Autori come Sciascia con " Il giorno della civetta - A ciascuno il suo " o Andrea Camilleri con il suo " La gita a Tindari " e potrei continuare all'infinito...
Prima di scrivere di Mafia, bisognerebbe leggere, si cari giornalisti... leggere!!!
Bisogna conoscere la nostra Storia, rileggere quanto accaduto nel corso di questi 2 secoli, come questa cultura si sia sviluppata e radicata nel contesto della società e come si sia evoluta...
E' facile scrivere e riportare procedimenti penali in corso, pubblicare sui giornali il lavoro e le intercettazioni telefoniche svolte dagli inquirenti, ed è giusto il diritto dell’opinione pubblica ad essere informata sulle cronache giudiziarie, ma è altresì corretto, sempre ricercare, l'equilibrio tra la riservatezza delle indagini e la tutela dei diritti delle persone coinvolte...
In uno Stato di diritto in cui tutti applicano in maniera eguale le regole, diventa fondamentale che lo Stato sia presente ed affermi sempre i principi di libertà, democrazia ed uguaglianza....
Non è possibile che in Italia, esistano categoria che utilizzano, per fini ed interessi personali, la carta stampata ed i media; il linguaggio così espresso diventa Azione... e conduce inevitabilmente il perverso pubblico lettore, ad iniziare a lapidare e denigrare, coloro che vengono messi in pubblica piazza, ( cosa ancor più grave è il fatto di non averli mai conosciuti...); che vergogna, siamo tornati al Medioevo, dove i presunti colpevoli venivano messi alla gogna ed esposti al pubblico ludibrio!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo