Translate

mercoledì 20 luglio 2011

Fermiamo l’Italia!!! Sciegliamo un giorno dal 19 al 25 Settembre per fermarci tutti…

Per quanto ancora vogliamo assistere IMMOBILI…??? 
Vi rendete conto che ormai il nostro paese è allo sfascio ed i nostri politici continuano soltanto a parlare…e a prenderci in giro??? 
Siete coscienti, che ciò che non facciamo oggi, sta già ricadendo sui nostri figli??? 
Credete forse che il debito pubblico personale, cui ogni bambino appena nato riceve, circa 30.000 euro, possa con questo stato di fatto abbassarsi e migliorare??? 
Auspicate ancora in un intervento... chissà forse avete fiducia in quello divino??? 
E’ una vergogna continuare a pensare ed a illudersi, che con il tempo qualcosa possa cambiare.
In questa condizione vile, in cui ognuno di noi si ritrova, credere che le nostre istituzioni, possano modificare l’attuale situazione è diventare complici con questo sistema… 
Certo, domandare oggi, a coloro che in un qualche modo, stanno bene e/o sopravvivono perché godono di un lavoro a tempo indeterminato, perché hanno potuto realizzare quel minimo assetto economico che gli ha permesso di avere una propria abitazione, di concretizzare il sogno di avere una famiglia e soprattutto mantenerla questa, ecco che certamente, pretendere di barattare questa comodità a cui si è giunti, diventa difficile, rivendicare di lottare per coloro che il lavoro non c’è l’hanno, per coloro che non possono oggi sognare anche le cose più comuni, agognare che tutti possano avere in maniera dignitosa, quanto un paese civile debba poter offrire, lo capisco diventa quanto mai difficile e forse anche troppo idealista… 
Ma io non mi rivolgo ai nostri politici o ai loro familiari, non parlo a coloro che vivono con le pensioni d’oro, non mi rivolgo a nessuno di quei raccomandati che oggi godono di un posto pubblico e dove giorno per giorno " rubano " quello stipendio ricevuto a scapito di altri che l’avrebbero ben più meritato, non parlo a coloro che svolgono funzioni d'ordine poiché questi beneficiano già di così troppi vantaggi, che chiedere di rinunciarvi è da folli...
Non posso rivolgermi a coloro che appartengono alle caste, ed ancora non posso certo rivolgermi a coloro che sperano tramite questi, di ottenere in tempi brevi benefici personali ( quest’ultimi poi rappresentano la parte più marcia, fracida del nostro paese e sono purtroppo la maggioranza ). 
Vi state allora chiedendo, togliendo tutti quelli di cui sopra e capisco che purtroppo sono tantissimi, a chi mi sto rivolgendo??? 
Ecco il mio urlo e rivolto alle persone per bene..., a quei giovani ed a tutte quelle persone che sono quotidianamente a lottare con il proprio lavoro, con la propria dignità, per salvare un Paese, il nostro, che ormai sta affondando… 
Io sono pronto a mettere in gioco la mia stabilità, quella della mia famiglia, pur di cambiare questo stato di fatto… sono pronto nelle giornate sopra segnate ad andare a protestare questo mio disgusto per quanti oggi a Roma, mi rappresentano e niente fanno! 
Non mi interessa quanti saranno coloro che verranno, non aspetterò nessuno, andrò a protestare in maniera civile, con la fascia a lutto portata sul braccio starò seduto, ed urlerò in silenzio la mia rabbia, tanto nessuno lì è disponibile a sentirmi, nessuno ascolta i problemi della gente...; l’unico vero problema è spartirsi il potere, riuscire così ad ottenere vantaggi personali per sé, per le proprie società, per i propri cari e per quegli amici intimi… 
Ovviamente, non porterò alcuna bandiera, nessun colore politico mi rappresenterà...
Pianterò accanto a me, soltanto il nostro tricolore, ed ancora non ho bisogno di alcun assistenza da parte di organizzazioni laiche e religiose, di sindacati e sarebbe auspicabile, ma non deve sembrare una imposizione, che i nostri politici quel giorno stiano a casa o meglio se vengono debbono venire come semplici cittadini e per quel giorno stare zitti...
Non voglio soprattutto movimenti politici estremisti, stiano a casa loro, non mi interessano, anche perché credo che questi si muovono sempre e soltanto quando ricevono ordini e disposizioni per farlo… 
La mia è una protesta si, ma una protesta non-violenta, non dobbiamo fare la guerra a noi stessi, dobbiamo soltanto riuscire a ristabilire in maniera democratica, un ordine da troppo tempo dimenticato...
L'obbiettivo non è cacciare coloro che in maniera indegna ci rappresentano, almeno non tutti, qualcuno potrà anche restare, ma dovrà rimettersi in gioco, con nuove regole e condizioni...
Chi vorrà fare politica, la potrà fare realmente, senza dover però gravare sui cittadini… 
Si comincino ad abbassare i costi pubblici, il numero dei deputati e dei senatori, riduciamo al minimo i ministeri, abbassiamo gli stipendi in maniera corretta, riconoscendo le giuste indennità di trasferta, eliminiamo i benefici di auto blu, viaggi, assistenti, segretari ecc… 

Lo Stato chiede NOI sacrifici, cominci esso per primo a risparmiare, spendiamo quello che serve ed aboliamo quanto superfluo, non necessario, realizziamo opere e strutture fondamentali e non quelle inutili per accontentare imprese amiche, togliamo quanto erroneamente e generosamente dato in precedenza, rimettiamo in discussione le pensioni d'oro, come si può chiedere di lavorare noi fino a 65 anni, quando altri invece con pochi giorni di legislatura… riceve oggi la pensione... da folli!!!
Bisogna ritornare ad investire nella cultura, nella ricerca universitaria, nei progetti giovanili, le Banche devo aprire il credito ai giovani e a coloro che vogliono creare impresa, migliorare la scuola ed i loro insegnanti, premiare coloro che rendono, investire nell'ambiente, nell'arte, migliorare i servizi pubblici e la qualità della vita, niente più sprechi!!!
Cominciamola questa lotta insieme, credere nei sogni, seguirli ciecamente, riuscire in maniera silenziosa a farci ascoltare, non è cosa impossibile: volere è potere!!!
Grandi uomini ci sono riusciti, hanno trasformato con la non-violenza i propri Paesi... 
Noi, piccoli uomini e donne, proviamo ad usare l'arte della pace, puntiamo sulla purezza dei nostri ideali, perché questa nostra meravigliosa terra, possa diventare nuovamente faro di civiltà e di democrazia...
Proviamo a crescere tutti insieme...       

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo