Translate

lunedì 7 maggio 2012

Anticasta..., finalmente SI!!

La “ Sfida degli Anticasta” ( iniziata in Sardegna e speriamo si diffonda come un virus in tutte le Regioni d'Italia) è stata vinta: il referendum è valido, il quorum infatti, in bilico sino all'ultimo, è stato superato, avendo votato il 35,5% degli aventi diritto, due punti in più della soglia del 33,3% fissata per la validità della consultazione.
I dieci referendum, svolti soltanto nella giornata di Domenica ( i partiti, hanno cercato sino a l'ultimo di boicottare il voto, sapendo che i cittadini, non avendo di questi tempi, granchè desiderio della politica, avrebbero preferito trascorrere una giornata spensierata, preferibilmente al mare, che pensare ad un referendum…), infatti basti vedere, tutti coloro che oggi, sono andati a votare e si può vedere come si è passati da un 35-40% ad un 70%...,  il dato dimostra che in molti, hanno preferito sfruttare la propria giornata lavorativa, poter così utilizzare il permesso ed andare a votare... 
Coloro che si sono presentati al voto, hanno deciso di farlo, per votare soltanto un grande SI...!!!  
Dieci i quesiti proposti, i più attesi quelli per l'abrogazione delle quattro Province di recente istituzione come, Carbonia Iglesias, Medio Campidano, Olbia Tempio e Ogliastra, e per tagliare le indennità dei consiglieri regionali. Gli altri sono invece consultivi e si chiedeva agli elettori di abolire eventualmente anche le altre quattro Province storiche (Cagliari, Sassari, Nuoro e Oristano), portare inoltre da 80 a 50 il numero dei componenti del Parlamento Sardo, cancellare i consigli di amministrazione degli enti regionali, istituire un'Assemblea costituente per riscrivere lo Statuto Autonomo, ed infine poter eleggere direttamente il presidente della Regione attraverso le primarie.
Ovviamente l'Unione delle Province Sarde (Ups), ha provato di tutto, per evitare possibili cambiamenti, ma la cosa peggiore che si voglia evitare quanto richiesto dai propri cittadini...
Bisogna ringraziare invece chi come il governatore Ugo Cappellacci, dove con comunicati, spot in tv e nei giornali a chiesto di andare a votare...
Questo successo, dimostra se ancora c'è ne fosse bisogna, di quanto la politica sia ormai a tutti impopolare... e proprio in queste ore, si stanno conoscendo gli esiti elettorali, che evidenziano come ormai i partiti, con i loro segretari, stanno iniziando a morire...
Ormai come in tutta Europa, il popolo sovrano, riprende il proprio diritto e non vuole più tornare indietro..., un cambiamento ormai incontrollabile che porta tutti ad essere coinvolti, in questa pulizia generale...

La politica ormai può soltanto accodarsi alle scelte dei cittadini, e se vorranno ancora essere portavoce di questi, dovranno iniziare dando un taglio definitivo al passato, con quanto finora svolto, in maniera così poco dignitosa e soprattutto poca attenta alle vere esigenze dei cittadini e del proprio paese... 
Riepilogo comunque tutti i quesiti referendari ed i rispettivi risultati ormai completati...
1) Volete voi che sia abrogata la legge regionale sarda 2 gennaio 1997, n. 4 e successive integrazioni e modificazioni recante disposizioni in materia di «Riassetto generale delle Province e procedure ordinarie per l'istituzione di nuove Province e la modificazione delle circoscrizioni provinciali»?
Sì 97,00%;  
2) Volete voi che sia abrogata la legge regionale sarda 1 luglio 2002, n. 10 recante disposizioni in materia di «Adempimenti conseguenti alla istituzione di nuove Province, norme sugli amministratori locali e modifiche alla legge regionale 2 gennaio 1997, n. 4»? Sì 97,00%;  
3) Volete voi che sia abrogata la deliberazione del Consiglio regionale della Sardegna del 31 marzo 1999 (pubblicata sul Buras n. 11 del 9 aprile 1999) contenente «La previsione delle nuove circoscrizioni provinciali della Sardegna, ai sensi dell'art. 4 della legge regionale 2 gennaio 1997, n. 4?»
sezioni scrutinate Sì 97,00%; 
4) Volete voi che sia abrogata la legge regionale sarda 12 luglio 2001, n. 9 recante disposizioni in materia di «Istituzione delle Province di Carbonia-Iglesias, del Medio Campidano, dell'Ogliastra e di Olbia-Tempio»?) sezioni scrutinate Sì 97,00%; 
5) Siete voi favorevoli all'abolizione delle quattro province «storiche» della Sardegna, Cagliari, Sassari, Nuoro e Oristano? 
sezioni scrutinate Sì 69,00%; 
6) Siete voi favorevoli alla riscrittura dello Statuto della Regione Autonoma della Sardegna da parte di un' Assemblea Costituente eletta a suffragio universale da tutti i cittadini sardi?
sezioni scrutinate Sì 94,00%; 
7) Siete voi favorevoli all'elezione diretta del Presidente della Regione Autonoma della Sardegna, scelto attraverso elezioni primarie normate per legge? Sì 97,76; 
8) Volete voi che sia abrogato l'articolo 1 della legge regionale sarda 7 aprile 1966, n. 2 recante «Provvedimenti relativi al Consiglio regionale della Sardegna» e successive modificazioni? Sì 97,00%; 
9) Siete voi favorevoli all'abolizione dei consigli di amministrazione di tutti gli Enti strumentali e Agenzie della Regione Autonoma della Sardegna? sezioni scrutinate 26,12%- Sì 97,12; No 2,87. 
10) Siete voi favorevoli alla riduzione a cinquanta del numero dei componenti del Consiglio regionale della Regione Autonoma della Sardegna?) Sì 9800%; 
SI.....iiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo