Translate

martedì 29 maggio 2012

IRAQ nuova frontiera...

L'IRAQ diventa per le imprese italiane, un nuovo rilancio allo sviluppo economico...
A differenza infatti di altri paesi, colpiti di recente da movimenti nazionalisti, da guerre civili, dalla presenza di dittatori da cacciare e/o uccisi..., ecco che, dove ancora esistono queste condizioni incerte, l'Iraq diventa oggi per le nostre imprese, un nuovo punto di partenza...
Rischiare trasferendo le proprie capacità, tecnici,   attrezzature e macchinari, provare ad investire in uno dei posti che da sempre è stato crocevia di culture millenarie, può oggi divenire, in questo  momento stagnante della nostra economia, una vera evoluzione...
Oggi infatti le nostre imprese si imbattono con le difficoltà d’accedere al credito..., con la mancanza di incentivi fiscali, che contrariamente vengono sostituiti da nuove tassazioni e da aliquote sempre più alte, integrate anche da quei rallentamenti, causati da procedure burocratiche ed amministrative inefficienti...
Ancora peggiore è la fotografia degli investimenti nei lavori pubblici, dove vengono permessi ribassi impossibili e dove i certificati di pagamento, sono sempre prorogati ed in ritardo, creando ulteriori disagi alle nostre imprese..., ma ciò che preoccupa maggiormente è non vedere alcuna prospettiva di miglioramento...
Non dimentichiamoci, che proprio il nostro paese è leader per alcune tipologie di opere, quali infrastrutture ferroviarie e stradali, opere idrauliche, impianti idroelettrici, aeroporti, porti, metropolitane, centrali solari ed eoliche, impianti di dissalazione e impianti chimici..., che per paesi come l'Iraq,  che hanno intrapreso il bivio dello sviluppo, diventano di fondamentale importanza...
Tralasciando quindi, qualche paese Europeo, posto negli anni scorsi sotto la sfera dell'ex Unione Sovietica, oggi restano soltanto in pochi quelli che, possono rappresentare quel sogno tanto desiderato dai nostri imprenditori Italiani... e quindi escludendo l'altra contendente Kazakistan e la sua capitale Astana, l'IRAQ diventa fondamentale per tutte quella moltitudine di grandi e medie imprese che vogliono dare una nuova possibilità di ripresa ed una nuovo accesa speranza di quel coraggio imprenditoriale che nel corso di questi ultimi anni si è andato affievolendo ed in molti casi spegnendo...
Diventa basilare imprimere un’accelerazione, programmare il proprio sviluppo, utilizzare quei percorsi d'intesa che possano garantirsi la partecipazione ad appalti pubblici, dove i contratti vengono rispettati dai reciproci Governi, dalla Banca Mondiale e dove il supporto dell'Ufficio ICE e quanto svolto dalle Associazioni e dalle Camere di Commercio, possono certamente agevolare e migliorare la permanenza in questo paese...
Oggi l'Iraq è impegnato in una grande opera di ricostruzione del proprio sistema economico a tutti livelli, impegnando le più cospicue risorse provenienti dagli introiti petroliferi, per la realizzazione di queste opere, a dimostrazione di ciò infatti, sono ormai centinaia le imprese Italiane a vario titolo presenti nel paese ed ancora l'ufficio Ice e l'Ambasciata d'Italia a Baghdad ricevono continuamente richieste di imprese italiane che si offrono per eseguire grandi opere oppure per fornire impianti nei diversi settori...
Qualcuno è già partito, proprio come un gruppo di Imprese Siciliane ( della Provincia di Catania ), che sta operando nella realizzazione di una autostrada che dal Kuwait porta fin dentro l'IRAQ, tracciando oggi quelle linee guida, per quelle imprese che ora vogliono accodarsi, intrecciando percorsi e collaborazioni, che porteranno a nuovi e importanti sviluppi... 
La pianificazione in questi casi è fondamentale! Creare una nuova attività all'estero non è semplice, prevede molti passaggi, ad iniziare da quello normativo e fiscale, proseguendo con le normative sugli appalti e sui contratti di lavoro, su quanto previsto in legislazioni bancaria e sulle movimentazioni di valuta estera...; prepararsi scrupolosamente, eviterà di dover commettere errori e di incappare successivamente in problemi.
I confini per le nostre imprese oggi sono stati abbattuti, esportare ed internazionalizzare la propria impresa, diventa l'unica strada percorribile, per non dover soccombere, ad uno stato di fatto, che non permette almeno in tempi brevi, alcuna possibilità di ripresa...


Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo