Translate

giovedì 18 giugno 2015

Si alzano muri contro l'immigrazione...


La verità è che non li vuole nessuno!!! 
Purtroppo, l’opinione pubblica corre spesso il rischio di avere una visione distolta del fenomeno dell’immigrazione, in quanto si tende a parlare di immigrati, solamente quando accadono gravi fatti che attentano all'ordine pubblica; infatti si parla di immigrati collegandoli sempre alla criminalità organizzata, ed è per questo principale motivo, che il fenomeno viene trattato come un problema.
Non bisogna dimenticare però, che il fenomeno dell’immigrazione è fatto sostanzialmente dagli uomini, dalle loro storie, speranze, paure e debolezze che s’incrociano, diritti ricercati e desiderio di costruire qualcosa di nuovo per se e per i loro cari.
L’immigrazione spesso viene trascurata, anche da quanti vedono in essa una risorsa, ma che poi nel mettere in pratica ciò ( a causa di mancanza dei controlli ), calpestano e offendono, quell'intima dimensione umana. 
Alla fine questi migranti, clandestini, rom, ecc... sono visti da tutti come un problema...
Per alcuni portano malattie, per altri creano disoccupazione, per altri ancora aumentano la povertà nel nostro paese, poi ci sono quelli (fortemente integralisti) religiosi, che vedono in ognuno di essi, il rischio imminente di un possibile terrorista ed allora eccoli prepararsi ad uno scontro di forza, modello guerra santa...
E' cosa dire, di quelle città da sempre blindate, chiuse nei loro confini, con quell'atteggiamento prettamente "xenofobo", dove gli stessi turisti vengono visti come qualcosa da dover subire temporaneamente, solo per quell'interesse chiamato business...
Ma questi non sono turisti, ecco, di questo flusso migratorio hanno fortemente paura e non li vogliono... se ne devono andare!!!, 
Il problema dell'immigrazione in quest'ultimo periodo sta diventando fonte di accesi dibattiti in tutta Europa, in quanto prima il problema era limitato esclusivamente al nostro paese, ma da qualche mese, le cose stanno cambiando...
Infatti, anche altri stati cominciano ad essere interessati da questi movimenti migratori e proprio alcuni di essi, si stanno trasformando da paesi di emigrazione, a paesi di immigrazione, iniziando a dover affrontare per la prima volta il problema dell’integrazione.
La Francia blocca i confini, l'Inghilterra non ne vuole sapere, la Svizzera manco a parlarne, la Germania apre un piccolo corridoio... ma dopo un po' li rispedisce a casa con il primo volo... e l'Italia paga per tutti!!!
Poi c'è chi come l'Ungheria che ha deciso di voler costruire una muro al confine con la Serbia, per fermare il flusso di questi migranti...
Lo ha annunciato in questi giorni il ministro degli Esteri ungherese, Peter Szijjarto, spiegando che l'immigrazione è oggi il più gravi problemi dell'Unione europea  e l'Ungheria non può permettersi di aspettare soluzioni che non vengono prese da parte dell'Ue.
Dopotutto come dargli torto... 
Dal 2014 l'Ungheria è il paese che ha accolto più rifugiati pro capite di qualsiasi altro, circa 45mila.
L'evidenza di questi giorni ci dice come l'immigrazione stia comportando dei seri problemi, in particolare nelle popolazioni locali, che a causa di ciò, si trovano oggi ad avere, problemi di carattere personali e sociali.
Tra i motivi di quanto sopra riportato ci sono: 
a) le cattive condizioni di vita degli immigrati, sia dal punto di vista del lavoro (attraverso bassi salari, sicurezza e diritti precari), sia nella ricerca dell'alloggio, che presenta, alti prezzi d'affitto e condizioni poco igieniche;
b) peggioramento delle condizioni di lavoro e di alloggio degli Italiani delle fasce più deboli, che entrano in competizione con gli immigrati;
c) scadimento di un sistema di protezione sociale gravato da troppi assistiti, con conseguenze negative per i cittadini che non hanno la possibilità di pagarsi tutele privatistiche; 
d) delinquenza degli immigrati senza lavoro, una condizione di cui questi immigrati possono essere parzialmente anche vittime, perché arrivano con speranze non realizzabili: vittime diventano anche i cittadini locali, soprattutto quelli dei quartieri dove si concentrano gli insediamenti di immigrati;
e) sfruttamento degli immigrati da parte della criminalità organizzata che gestisce i flussi migratori, che produce impoverimento di questi immigrati che al loro Paese avevano una condizione di vita dignitosa, spinti a vendere tutto per pagare il viaggio, ed ora, non vedono realizzabili quelle aspettative di vita, che erano state loro enfatizzate, da chi, li aveva incoraggiati a partire, sino a giungere allo schiavismo e alla tratta delle giovani donne, indotte a partire con la promessa di lavoro e poi costrette alla prostituzione; 
f) impoverimento di quei paesi di provenienza, adesso privati delle risorse umane più intraprendenti e certamente più pronte al sacrificio 
g) violenza sui soggetti deboli nelle comunità-ghetto di immigrati; 
h) conflitti sociali ed economici, soprattutto tra le classi deboli italiane e immigrate, la cosiddetta “guerra tra poveri”; 
i) conflitti politici e culturali per l’esistenza di differenze inconciliabili su principi di convivenza e diritti fondamentali: idea della laicità dello Stato, diritti delle donne e dei minori, diversa sensibilità sulla esigenza di isolare violenza e terrorismo, ecc. 
Ovviamente quanto sopra, nasce a causa di una immigrazione eccessiva e soprattutto non regolamentata; molti di questi problemi infatti, potrebbero essere evitati, se si ci sforzasse di gestire il fenomeno, beneficiando proprio delle risorse che provengono dalla immigrazione, quali l’utilizzo della manodopera nei settori in cui c’è carenza, la creatività e lo sviluppo economico derivata da nuove idee, l’apporto positivo alla stabilità sociale derivante dallo spirito laborioso e di sacrificio tipico degli emigranti, un reciproco miglioramento culturale, ma soprattutto quel dovere morale di solidarietà umana, pronto ad accogliere le persone, in condizione di bisogno.
Tutti fattori che oggi mancano!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo