Translate

venerdì 19 giugno 2015

Le imprese confiscate sono come barche che affondando...


Quante imprese sono state confiscate nel ns. territorio?
Una lista lunghissima...
Ma quante oggi di quelle imprese stanno operando... pochissime!!!
Sembra di assistere ad uno scempio, centinaia di società, migliaia di dipendenti ed altrettante famiglie...
Sono tutte barche che affondano... tra il sangue di quei poveri dipendenti!!!
La cosa assurda, permettetemi lo spiacevole paragone,  è che queste barche sono similari a quelle dei poveri immigrati...
Quelle barche però, se pur presentano inizialmente condizioni strutturali terribili ed instabilità tendente alla precarietà, conservano di contro, alcuni minimi vantaggi: per esempio l'aver a bordo un pilota - certamente un individuo criminale appartenente a quel gruppo infame dei cosiddetti scafisti - ma che riesce a condurre la barca sin dalla sua partenza, fino all'arrivo...
Possiamo individuare in ciò una vera e propria coerenza: vi è una partenza, un percorso, una fine... e soprattutto nei casi di estrema difficoltà, si può sempre richiedere l'intervento immediato dei soccorsi, garantiti questi dalle nostre pattuglie, guardia costiera ed esercito...
Certo a volte le condizione del tempo non permettono di procedere con i recuperi, e sono troppe le volte in cui, purtroppo, contiamo i numeri delle vittime, cifre divenute ormai immense!!!
Le nostre imprese - ecco qui il paragone - sono come quelle barche, prendono acqua da tutti i fori, ma soprattutto con l'intervento della confisca, ora sono senza alcun comandante, è dire che il timone è ancora lì, ma l'arrivo del nominato "schettino", non produce alcun cambiamento, nessuna direzione, la barca è sballottata dal vento e dalle onde...
Inoltre, un'orda di pirati tenta d'assalirla quella nave: c'è chi urla chiedendo pretese infondate, chi richiede dei beni non suoi, chi vorrebbe continuare a rubare, chi pretende d'impadronirsi di quanto ancora rimasto, chi manifesta offerte per comprarne degli oggetti ed infine c'è chi, tenta d'aggrapparsi, solo per potersi fare trasportare...
La cosa peggiore è che in questi anni, alcuni, erano stati addirittura invitati a salire...
Ora "casualmente" in maniera fugace, si sono dileguati, hanno difatti preferito buttarsi a mare, sottraendo per se, quelle poche scialuppe rimaste, ed alcuni tra essi, ultimi "falsi intrepidi", si sono appropriati anche di quei residui salvagenti, minimi espedienti di salvataggio, ma che hanno permesso loro comunque, di sopravvivere e proseguire indisturbati la propria professione...
Viceversa, qualcuno su quella barca vi è rimasto, contrariamente a tutti gli altri, ha tentato, per quanto possibile, di salvarla...
Ha chiuso le falle, provato a far ripartire quel motore andato, corretto l'inclinazione, si è quotidianamente inventato isolite strategie e inaspettate soluzioni, ha sperato fino alla fine... che qualcuno, sarebbe giunto ad assisterlo.
Si, grazie a quei soccorsi, si sarebbe riusciti a trasportarle quelle barche in riva...
Ma, ahimè... ad aiutare queste imprese non verrà nessuno...
Già, tutti i soccorritori sono rimasti a terra...
Gridano, urlano a gran voce, dichiarano che è giunto il momento d'agire, di dare avvio a quelle necessarie azione di sostegno, contrasto, rilancio, vere fonti di giustezza...
Sono lì... tutti in fila, ad incitare come sempre gli altri a compiere quelle loro le azioni...
Salgono e scendono a turno da quel palchetto d'onore improvvisato..., tentano come sempre dopotutto, di dare consigli e suggerimenti, ognuno di essi (immeritevolmente lì...) vorrebbero trasformare se stesso in eroe, paladino coraggioso, fresco mecenate... e nello scambiarsi di posizione con gli altri, non fa altro che promuovere soltanto se stesso...  
Sono eguali a quelle già sentite..., tutte belle parole, ma nel contempo... la barca continua ad affondare e qui purtroppo non si vede nessuno!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo