Translate

martedì 19 dicembre 2017

L'attività estrattiva in Sicilia ed il ruolo fondamentale del Direttore Tecnico dei lavori...


Parlare di cave nella nostra regione, è voler tentare di aprire una crepa su un argomento  considerato da molti  "scomodo" ed è la ragione  per cui difficilmente, se ne sente parlare... 
Difatti, uno dei motivi per non parlarne è proprio perché alcune di queste cave, operano in maniera abusiva e/o risultano per lo più illegali, ma anche perché, gli introiti più consistenti, vengono assicurati dall'infiltrazione ai vari livelli su talune opere pubbliche nell'ambito d'importanti progetti in corso o prossimi dal realizzarsi... 
Un importante business si muove quindi dietro l'estrazione, a causa proprio della materia prima necessaria, per le piccole e le grandi opere pubbliche. 
Certo i controlli ci sono, ma si è visto come in questi trent'anni, in attesa di quel "Piano Cave", molte di queste, risultavano abusive o quantomeno mancavano di quei minimi requisiti di buona conduzione per l'attività estrattiva che come ben noto, presuppone che la stessa, progredisca in conformità alle normative generali vigenti, al progetto approvato e a quanto previsto sugli adempimenti della sicurezza...
Quante volte infatti, attraversando le strade della nostra regione, abbiamo visto vere e proprie montagne scomparse... divorate da mezzi meccanici e poi abbandonate così, senza che nessuno se ne sia più preoccupato...
D'altronde molte di quelle attività estrattive erano per lo più illegali in mano alla criminalità organizzata... ed è evidente che i controlli, sono stati compiuti in maniera certamente superficiale... per evitare forse possibili ritorsioni personali!!!
Una illegalità che è durata per anni e che ha fruttato non solo tanto denaro, ma soprattutto potere a quei gruppi affiliati... che grazie ad imprenditori collusi e a tecnici e/o funzionari compiacenti, si è giunti a questo disastro ambientale, visibile a noi tutti... 
Si, ogni tanto leggiamo di omissioni e abuso di atti d’ufficio, di sequestro di cave, di danni all'ambiente, ma di quei milioni di metri cubi estratti, di quella terra e roccia andata dispersa nell'ambiente, per realizzare quelle opere strutturali, ecco, ora che al loro posto ci sono soltanto voragini... come si pensa di ripristinare quelle aree???   
Ovviamente non entro nel merito dei progetti, delle planimetrie, molte delle quali opportunamente ritoccate per essere consegnate al momento della richiesta del rinnovo delle licenze... 
Analoga situazione andrebbe fatta per le autorizzazioni, per l'uso dell'esplosivo, per il ripristino di quei luoghi e quant'altro... ma come si è visto, molto è stato concordato e forse mascherato... 
Se si osservano le foto scattate e conservate dall'Istituto Geografico Militare in questi cinquant'anni, si potranno vedere le mutazione del nostro paesaggio, dove ettari di bosco e intere colline sono andate perdute e dove al posto, non resta nulla di quel territorio naturale bellissimo, ma vi è soltanto... un paesaggio lunare. 
L’allarme è risaputo, basta rileggersi quanto riporta la relazione sullo stato della sicurezza del Ministero dell’Interno e dei profitti che le associazioni criminali hanno nel partecipare agli appalti pubblici...
E' dire che esistono delle direttive e soprattutto delle precise raccomandazioni per i titolari delle attività estrattive, e soprattutto per il Direttore dei lavori di cava!!!  
Già, un ruolo importante, nella gestione della cava, dalla cui solerzia dipende certamente la corretta gestione della stessa. 
Non per nulla il legislatore, per confermare l’importanza che ha questo ruolo, ha previsto (Art. 13 della L.R.S. 127/80) che, l'Ing. Capo del Distretto Minerario, esprimesse parere di merito, con l'evidente ratio di filtrare i soggetti non ritenuti appropriati... 
Se quanto sopra viene correttamente oggi applicato... non sta a me dirlo, certamente l'impressione è che spesso questa figura sia sottovalutata dagli stessi esercenti, i quali tendono ad avere un Direttore dei lavori preferibilmente "ricattabile", attribuendo ad egli, un mero ruolo formale, che conduce spesso quel soggetto a convalidare condotte negligenti, compiute per l'appunto da altri individui  all'interno di quella cava...
Infatti, si e potuto constatare di come, la presenza di una figura del Direttore dei lavori appropriata e soprattutto libera "moralmente e professionalmente", dia  modo ai funzionari di quell'Ente -durante i controlli previsti- di trovare una condizione eccellente ed in ordine con le norme e con i progetti a suo tempo approvati....
Di contro, quando il Direttore Tecnico dimostra di essere negligente, insicuro o ancor peggio timoroso, ecco, in questi casi, è stato dimostrato che le attività estrattive presentano gravi problemi: difatti, nel primo caso, le ricadute negative, gravano inevitabilmente sull'esercente, costretto ad un'ulteriore lavoro di vigilanza e dando così scarsa importanza al ruolo stesso del Direttore tecnico dei lavori; mentre nel secondo caso, quando cioè il Direttore di cava e colluso con l'imprenditore, ecco che i problemi di danno, non saranno soltanto ambientali, ma anche fiscali e tributari... 
Diventa quindi fondamentale, la verifica da parte dei funzionari del Distretto, attraverso visite frequenti e possibilmente non programmate, compiute in modo inatteso, affinché si possa prendere atto della situazione sul momento... verificando tutti quegli adempimenti previsti e i documenti custoditi in cava... 
Ecco, se quanto sopra verrà fatto in maniera corretta, se tutti quei soggetti descritti sopra, controllati e controllori, adempieranno a quei loro ruoli, allora sicuramente tutto andrà alla perfezione... 
Altrimenti, osservando quanto sta avvenendo in altre realtà produttive della nostra regione, non mi meraviglierei di leggere tra qualche giorno, i nomi evidenziati di qualcuno di quegli addetti -di questo specifico settore- riportati come ormai consuetudine, su tutte quelle note testate d'inchiesta giornalistiche, a causa di nuovi provvedimenti giudiziari, compiuti dalle nostre "puntuali" Procure Nazionali...

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Se mi vuoi seguire, inserisci qui la tua email:

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo