Translate

martedì 4 ottobre 2011

Meredith... una vita spezzata!!!

C'era una volta una ragazza, Meredith Susanna Cara Kercher, aveva 22 anni quando studentessa presso l'Università di Leeds aveva aderito al programma Erasmus, e così era giunta finalmente in Italia...
Sono tanti i ragazzi che attraverso questo progetto denominato Erasmus, hanno la possibilità di studiare o di effettuare un tirocinio in un paese all'interno della Comunità Europea...
Il progetto è così denominato in onore del famoso dall'umanista e teologo olandese Erasmo da Rotterdam, che nel corso della propria vita, viaggiò in tutta l'Europa per comprenderne le differenti culture...
Meredith, divideva il proprio appartamento a Perugia insieme ad altre ragazze, due italiane ed un'americana, e tra la notte del 1-2 Novembre 2007, viene assassinata precisamente tra le 22:00 e la mezzanotte del giorno dopo...
La mattina seguente un'anziana signora, vicina dell'abitazione in cui è stato ritrovato il cadavere, chiamò la polizia, in quanto aveva ritrovato due cellulari all'interno della sua proprietà...
Le informazioni portarono verso la casa di Meredith Kercher; al loro arrivo però i poliziotti trovarono fuori della casa, Amanda Knox, ( coinquilina di Meredith ) ed il suo fidanzato Raffaele Sollecito. I due giovani dichiararono di aver chiamato e quindi di essere in attesa dell'arrivo dei carabinieri perché, avendo trovato il vetro di una finestra rotto e la porta di casa aperta, sospettavano di un furto.
Le affermazioni però non trovarono riscontro con le indagini, in quanto collocano l'arrivo della Polizia alle ore 12:35 e la telefonata di Sollecito ai Carabinieri soltanto tra le 12:51 e le 12:54.
Vengono arrestati Raffaele Sollecito, Amanda Knox, e Rudy Hermann Guede, il quale si dichiara sin da subito colpevole e ottiene dal giudice per l'udienza preliminare la concessione del rito abbreviato...
Nel caso era stato anche coinvolto anche il Sig. Patrick Lumumba, proprietario di un locale dove lavorava Amanda Knox, che secondo la testimonianza di quest'ultima si sarebbe trovato nel luogo del delitto la sera dell'omicidio..., accuse quest'ultime successivamente rivelate infondate: i rapporti tra i due non erano buoni, infatti Amanda era stata licenziata per comportamento un po' troppo disinvolto con la clientela..., Patrick Lumumba viene quindi rilasciato e prosciolto da ogni accusa...
In primo grado, Amanda, Raffaele e Rudy, sono rispettivamente condannati a 26, 25 e 16 anni di reclusione. Rudi Guede che ha optato per il rito abbreviato viene definitivamente condannato per concorso in omicidio e violenza sessuale con sentenza della Corte di Cassazione, in data 16 dicembre 2010.
Gli altri due, ricorrono in appello e proprio ieri è stata emessa la sentenza definitiva!!!
Ora secondo la ricostruzione Knox e Sollecito, la sera dell'omicidio, hanno dato appuntamento a Rudy  Guede, conoscente della Knox, il quale decide di unirsi a loro per la serata; i tre si recano nella casa della studentessa, dove è presente la sua coinquilina Meredith Kercher.
Knox e Sollecito cominciano quindi a scambiarsi effusioni intime, Guede probabilmente eccitato dalle effusioni tra Sollecito e la Knox, entra nella camera della Kercher per tentare un approccio, ma di fronte al suo rifiuto avrebbe tentato di violentarla...
A quel punto, secondo la procura, la Knox e Sollecito si sarebbero uniti a Guede nell'azione criminosa, in quella che avrebbero trovato una "situazione eccitante", tentando così di immobilizzarla con la minaccia di un coltello. Le perizie sulle ferite inferte evidenzia che l'arma debba essere stata un coltello da cucina, successivamente ritrovato e sul quale sono state trovate le tracce genetiche della Knox e quelle della Kercher.
La situazione degenerata per la resistenza della Kercher, ha portato la Knox ha colpire con il coltello al collo  la vittima, ferendola mortalmente, anche se il decesso si avrà dopo una lunga agonia.
Quindi, presi dal panico e per evitare che qualcuno chiamasse, le sottraggono i cellulari, poi ritrovati in una scarpata distante poche centinaia di metri...
I tre quindi si dividono, Guede in una Discoteca, la Knox a casa di Sollecito.
La mattina seguente i due ritornano nell'appartamento e tentano di cancellare le tracce del delitto ed infine  per inscenare un finto furto, rompono una finestra dell'abitazione per depistare le indagini...
Ieri, giorno 3 ottobre 2011, il secondo grado di giudizio condanna Amanda a 3 anni ed il pagamento di circa 22.000 euro, per calunnia nei confronti di Patrick Lumumba (nel frattempo già scontati), ma scagiona entrambi gli imputati dalle accuse di omicidio e di violenza per non aver commesso il fatto e ne dispone la scarcerazione immediata...
Ovviamente come da immaginarsi, la Knox ha provveduto a lasciare subito il nostro paese e forse chissà non sarà la sola...; non è la prima volta infatti, che le indagini, a seguito di nuovi indizi/prove possano riprendere e quindi e sempre meglio farsi trovarsi in quei paesi, dove una eventuale richiesta di estradizione, possa sicuramente non essere accettata...
Qualcuno doveva pagare e non sta a me dire chi, certamente qualcuno colpevole, ed oggi purtroppo la nostra procura, con il lavoro d'indagine svolto dai periti tecnici, ( aggiungerei svolto male, viste le lacune su cui poi gli avvocati hanno potuto contare per la difesa dei propri assistiti... ), non ci danno risposte, se non l'ammissione di un teste, che forse oggi ( anche perché extracomunitario ed ovviamente difeso da avvocati non certo di famosi come gli altri due ),  paga da solo ( le indagini hanno sempre detto che c'erano nella stanza più persone...) l'omicidio!!!
Io mi auguro, che comunque i colpevoli prima o poi vengano trovati, come ritengo corretto che coloro che ingiustamente sono stati finora incriminati, possano riprendersi nuovamente la propria vita...
Ma sono altrettanto certo che chiunque abbia potuto commettere questo atroce delitto, non sconterà i giorni della propria vita in maniera tranquilla... e chissà forse un giorno inseguito da quel continuo rimorso, possa finalmente decidere di recuperare, dichiarando quanto accaduto quel giorno, ed iniziando ad espiare la propria pena!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo