Translate

martedì 17 giugno 2014

Il Paese degli orrori...

In quale paese viviamo???
Un paese nel quale ogni giorno stiamo ad ascoltare avvenimenti di cronaca nera, che definirli illogici è limitativo perché non fanno parte di quei contesti meglio inquadrati con gli squilibri psichici, un tempo associati a comportamenti dissociativi, di alienazione, demenza, pazzia, qui la contraddizione è data nel aver a che fare con soggetti che all'apparenza sono come ognuno di noi....
Vivono la loro vita in modo semplice, possiedono un discreto lavoro, sono impegnati nel sociale, vanno a messa la Domenica, hanno una bella famiglia, dei figli e tutto sembra procedere per il meglio... ed invece qualcosa scatta, come una molla ci si trasforma in Mister Hyde, senza alcun apparente motivo...
Sicuramente nell'inconscio della propria personalità qualcosa non funziona..., come un virus che si annida all'interno di una cellula ed aspetta il momento per scatenarsi... e chissà, se proprio in questo particolare momento in cui scrivo, soggetti esperti tra, psichiatri, psicologi, medici, operatori sociali, non stiano cercando di capire quali motivi hanno giustificato tali orrori... 
Ora, nelle varie trasmissioni televisive e nelle riviste settimanali,  si cercherà di capire cosa possa aver indotto persone definite da tutti " perbene " a macchiarsi di questi infamia ed a continuare a sopravvivere all'orrore commesso, come nulla fosse...
Si è superato quel limite di razionalità e si diventa dei mostri, si diventa un essere atrocemente indegno della stessa dignità umana, malvagio sul piano morale e diabolico su quello individuale...
Non c'è amore in questi uomini... ma soltanto la disumana freddezza che li contraddistingue, che li porta a compiere questi delitti, come una qualsivoglia azione quotidiana, fatti con parsimonia, la stessa semplicità che ha avuto negli scorsi giorni quel " marito/padre ", nel festeggiare i gol dell'Italia, quando soltanto pochi minuti prima aveva sgozzato l'intera famiglia... senza alcuna logica ragione!!!
Cosa dire, qui ora ci fanno vedere le foto di ragazzi felici, di pubblicazioni allegre, di momenti allegri con la propria  famiglia, di commenti gioiosi su Facebook, di sposi sorridenti... ed invece si nascondono dietro a quei volti esultanti, degli assassini sadici, dei  mostri carnefici del proprio sangue...
Gli esami del Dna hanno dato un volto al presunto assassino di una ragazzina di 13 anni... che nulla aveva fatto di male in questo mondo se non sorridere allegra ad un'avvenire che si mostrava pieno di luce e speranza... una desiderio di vita distrutto da un orco, che auguro a nessuno di dover mai incontrare, sperando - per gli insegnamenti ricevuti di perdono e misericordia avuti ai tempi dei salesiani - che possano "finire presto " nel completo oblio la propria esistenza all'interno dei ns. penitenziari...
Già, mi auguro che almeno in questo la "natura" faccia il suo corso... che almeno essa contro-bilanci quella giustizia divina a volte troppo permissiva e non sempre corrispondente a quei corretti parametri di equità, sarà colpa di quel libero arbitrio o chissà di qualche altro motivo e non sta a me capirlo...., ma se a tutto ciò, aggiungiamo anche una macchinosa e lenta burocrazia giudiziaria, ecco che, sperare di ascoltare dai media, dell'improvvisa scomparsa naturale di questi soggetti, io, ma credo siano in tanti a condividere questo pensiero, non ci rattristeremo certamente...
Qui, non si tratta di casualità, di momenti irragionevoli, di follia istintiva, di momentanea perdita di pensiero, qui non c'è casualità, ma un preciso schema assassino, programmato e progettato in maniera lucida, razionale, che presuppone una freddezza d'animo ed una malvagità interiore...
A nessuno è permesso di perdonare questi soggetti... non può esistere alcun perdono... dopotutto come si può in genere perdonare loro, se essi stessi dicono di non sapere ciò che hanno fatto??? 
Non si ha proprio niente quindi da perdonare....
Ma poi, sa mai un uomo pienamente ciò che fa??? 
E se in questo rimane perlomeno un dubbio, allora gli uomini non hanno mai qualcosa da perdonarsi, e essere clemente è, per il più ragionevole, una cosa impossibile... 
In ultimo, se pur i criminali avessero veramente saputo ciò che facevano – noi avremmo avuto comunque il diritto di perdonare, solo e soltanto se, avessimo avuto il diritto di accusa e di punizione... 
Ma questo Noi... non l’abbiamo!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo