Translate

martedì 10 giugno 2014

Italia: alzati e cammina!!!


Italia, ormai non hai più scuse: alzati e cammina!!! 
Sono finite le parole e non ci sono più giustificazioni che tengono...
Il governo Renzi, adesso si deve dare una mossa... i voti dei cittadini li ha presi e non ci sono alibi che possono essere portati a giustificazione - tra qualche anno - di un eventuale fallimento!!!
Non ne accettiamo più di cazzate... ne abbiamo sentite troppe e non permettiamo più errori, anzi gli errori si pagano e pensare di continuare a gestire per come si è fatto finora. perché potrebbe rappresentare per noi tutti un grave rischio!!!
A breve, grazie anche ai Mondiali di calcio, il ns. Paese si ricompatterà, dimenticherà in quei brevi 90' i problemi da cui è sommersa, il popolo di ogni ceto e cultura si compatterà, tutti uniti per gridare ad alta voce... ITALIA...ITALIA...ITALIA...  
Un'entusiasmo direttamente proporzionale alla scalata della nazionale, più vincerà e meno si penserà ai problemi, tutti discuteranno di pallone, di strategie, di uomini che debbono scendere in campo, tutti professori e allenatori di calcio...
L'Inno di Mameli si sentirà ovunque, si dimenticheranno i fischi e lo sdegno per i ns. governanti, ci sentiremo fieri di appartenere a questa nazione, si andrà a lavorare contenti di fare il proprio dovere, saremo capaci di dare il meglio di noi in questi giorni....
Un Paese rinnovato nello spirito ci sarà in questi giorni, che lascerà in attesa le riforme per guardare una partita...
Ci sarà un momento di stasi... una completa paralisi aleggerà sui ns. decrepiti governanti,  una classe dirigente che viaggia ormai verso l'aldilà e che finora dimostrato soltanto il peggio di se, ladra, truffaldina, corruttibile, ma soprattutto incapace, già una completa inadeguatezza nel saper portare avanti questo paese e nel non vedere oltre...
Non si è capaci di cambiarlo questo stato di cose, perché occorre una riforma globale del sistema, dalla pubblica amministrazione, all'istruzione, dal fisco alla giustizia, dalla salute al lavoro, ecc...
Tutti debbono fare la propria parte, ed è giusto anche poter chiedere agli italiani un ulteriore sostegno... ma il primo cambiamento debbono impegnarsi a farlo proprio loro!!!
Non si può chiedere continuamente noi di stringere la cintura, quando i costi della politica sono alle stelle... quando i privilegi e gli sprechi sono pagati da noi.
Non è possibile vedere questo continuo stato di cose e nel contempo sperare che la ricostruzione passi dalle ns. braccia e soprattutto dalle ns. tasche.
La ripresa è lontana e non è vero quanto ci vogliono raccontano sulla possibilità che a breve qualcosa cambierà... non lo dicono i mercati, non lo dice lo finanza internazionale, non lo dicono le banche, e nemmeno l'Europa....
E' soltanto l'espressione di una presunzione, il desiderio rinnovato di voler sperare che all'improvviso, senza alcuna motivazione, le cose cambino, quasi ci fosse una volontà divina... che ci sostenga... già...Alzati Italia!!!
Adesso in questo esclusivo momento in cui saremo uniti, ognuno di noi può fare molto per gli altri e chissà se, iniziando proprio da questa peculiare sensazione momentanea, si provasse ad impegnare se stessi in modo serio, svolgendo con passione la propria professione - pur nella consapevolezza dei pochi euro ricevuti - ma con la convinzione di essere non soltanto d'esempio per gli altri, ma in particolare per dare speranza alle future generazioni, che possano così riconoscersi in questo paese non soltanto attraverso una squadra di calcio, ma per valori ben più alti...
E' giusto sperare e credersi i miglioro del mondo... come si dice... Campioni del Mondo, ma bisogna anche saper riconoscere i propri limiti e gli errori finora fatti!!!
Ed è proprio a quelli che bisogna dare rimedio, senza continuare ad errare attraverso comportamenti infami, che hanno permesso di dimostrare alle persone a voi vicine, quella evidente mediocrità ed al Paese che dite ovunque d'amare, con l'aver condizionato in modo negativo il proprio naturale percorso, proprio grazie al supporto dato dalla vostra inadeguata professionalità.

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo