Translate

lunedì 13 ottobre 2014

Inefficienza efficiente...


In un paese qual è quello nostro, nel quale l'efficienza purtroppo non è mai sinonimo di redditività, perfezione, ma soprattutto di rendimento, tra scandali di assenteisti remunerati e presenti svogliati, ecco, in questo marasma generalizzato, tra uffici nei quali si fa poco e quel poco si cerca di farlo fare agli altri, ritroviamo all'improvviso dei soggetti che, si contrappongono a quanti vengono definiti scansafatiche...
Già..., nella pubblica amministrazione, nel bel mezzo di un deserto... come un'oasi..., ci sono dipendenti modello, che esulano dai soliti contesti generalizzati, divenendo essi stessi, sistema trasversale di una macchina operativa, nella quale "volutamente" inseriti, si dimostrano del tutto "efficienti"... 
Ovviamente non è una macchina che risponde ai bisogni collettivi e neanche tenta di risolvere i problemi della società... ma riesce a spaziare, in quell'ambito "particolare" nel quale viene richiesto il proprio contributo ed in particolare di quella improvvisa celere operatività...    
Non si tratta di individuare una inefficienza presente, ma bensì d'individuare procedure non conformi che attraverso modalità proprie e del tutto arbitrarie, danno luogo ad improvvise efficienze, stabilendo nuovi modus operanti, non lineari che in breve tempo, trasformano procedure irregolari in qualcosa di preciso e per di più chiaro e coerente...
Ed allora ecco che si può divenire, grazie proprio a questi "particolari" soggetti, limpidi o torbidi a seconda delle circostanze...
E' come quando eravamo a scuola, precisamente alle elementari...
Vi ricordate..., quando la maestra alla lavagna tracciava quella linea di demarcazione e scriveva da un lato i buoni e dall'altro i cattivi... ecco almeno in quell'oscuro sfondo, risaltava bene... in bianco... la posizione di ognuno di noi, veniva sin d'allora definita la collocazione che poi da grandi avremmo avuto...
Ecco, almeno lì... sapevo dove stavo, quasi sempre nel lato dei cosiddetti "cattivi"... già non perché io fossi realmente così... ma chissà, sarà stato per quel mio modo d'essere, nel non voler rispettare quelle regole prestabilite, molte volte errate, per non voler sottostare a strane direttive che cozzavano con le mie idee, il che ovviamente conduceva ad antipatie, oppure a evidenti scontri con le maestre... 
Allora come oggi..., già da piccoli s'intravvede dove ognuno vuole stare, cosa voleva divenire, quanto era disposto a sopportare e soprattutto quanto è deciso nel non farsi soccombere dalle ingiustizie o dalle prevaricazioni...
Purtroppo oggi in molti, hanno deciso di non schierarsi... restano lì appesi a quella linea di demarcazione, ne buoni ne cattivi, già lì... come burattini, appesi a qual filo bianco... rappresentando così perfettamente quel proprio essere, vere e proprie banderuole che sventolano a seconda delle circostanze, da una parte all'altra..., girando a seconda del vento o delle situazioni, una volta di qua ed una volta di là...
Non vi sono parametri di giudizio o di strategia, non ne hanno, per loro, l'unico obbiettivo è rappresentato nel voler ricercare il risultato più rapido,  se pur questo, possa poi risultare...,alla luce dei fatti, inferiore o negativo alle stesse aspettative, in quanto non si è voluti seguire la logica della migliore efficienza e dell'alta redditività, ma si è puntato principalmente a raggiungere quel minimo beneficio indispensabile...
Vero... il risultato a volte è stato raggiunto..., sì, con poche e semplici alchimie... adesso però la difficoltà è quello di poterlo mantenere...
Mi chiedo spesso se... il danno provocato dall'inefficienza degli efficienti... non risulti successivamente più dannoso dello stesso beneficio...

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo