Translate

sabato 18 ottobre 2014

Io... mi chiamo Giovanni Tizian!!!

Giovanni... non è un eroe e neppure un simbolo..., fa soltanto la sua parte in questa società civile..., mentre altri, in molti ormai..., da tempo... vi hanno rinunciato e come dice Lui... se non lo facciamo noi... chi dovrebbe farlo???
Ecco, con queste parole si presenta Giovanni Tizian, un giornalista che si occupa d'inchieste sulle mafie, costretto a vivere da anni sotto scorta...
Giovanni... figlio di Peppe Tizian, ucciso il 23 ottobre del 1989, vittima innocente di quella mafia calabrese... di quella cosiddetta "'ndrangheta".
E' nata una campagna per difendere il cronista militante dell'associazione DASUD, con la quale si tenta di fare in modo che non si abbassi mai l'attenzione su questa grave piaga sociale, su quegli affari finanziari poco puliti, sui quei procedimenti che tentano, proprio grazie ad una "voluta" disinformazione, di realizzare indisturbati i propri malaffari e soprattutto i mega profitti...
Già, sono pochi i giornalisti coraggiosi, che attraverso il loro lavoro fanno in modo che le inchieste possano diffondersi sul ns. territorio e sono ancor meno coloro che si mettono in gioco contro un sistema che li vuole - sotto tutti i punti di vista - distruggere, ecco Giovanni è uno di questi!!!
Non ha bisogno di testate giornalistiche i cui i cosiddetti "padroni", decidono quali notizie pubblicare e quali no, lo fa, con quella insita professionalità congenita, che da sempre lo contraddistingue, dedicandosi con passione - essenza di quella propria esperienza personale - ad un lavoro "precario" con cui documenta gli intrecci del malaffare, politica che con i suoi uomini esaudisce le richieste di quelle associazione criminali, vero connubio d'attività ben descritte in ogni minimo particolare, restando sempre obbiettivo nei fatti e senza mai farsi condizionare da quelle proprie esperienze o proprie interpretazioni personali...
Giovanni, descrive in modo dettagliato le connivenze di un sistema degenerato e malato...
E' per questo che analizza tutti quegli aspetti deviati, con cui la mafia si arricchisce, dai traffici di droga, alla prostituzione, dagli appalti pubblici all'usura, dal pizzo ai giochi d'azzardo, dalla compravendita d'armi ai trasferimenti di denaro verso i famosi paradisi fiscali, tutte situazioni "illegali" che trovano possibilità d'esistere in un paese come il nostro... che si dimostra ancora oggi  "debole" in quelle strategie di contrasto necessarie, un paese in cui "certi" soggetti non sono soltanto legati tra loro dalle famiglie, ma anche da quelle ambigue amicizie, unite esclusivamente da tornaconti economici, tipico modello di quel dare/avere... che trova proprio in questi soggetti, quella sicura e certa disponibilità - infatti, anche nei casi in cui questi non partecipano attivamente, restano di fatto, dei collaboratori esterni che in modo velato, infiltrandosi cioè sotto-copertura, fanno in modo, che con il loro operato, si riesca a condizionare ed occultare, tutte quelle procedure necessarie, per far sì che la verità alla fine possa emergere...  
La sfida è stata lanciata e Giovanni non può essere lasciato solo in una guerra che interesse tutti noi...
Puoi anche tu... fare parte della campagna “Io mi chiamo Giovanni Tizian” attraverso incontri, iniziative, presentazioni, dibattiti, campagne web e comunicazione...
Per aderire basta inviare una mail a iogiovannitizian@dasud.it

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo