Translate

venerdì 18 maggio 2018

Sono per la legalità e contro il pizzo!!!

Già... con questa frase l'ex presidente di Confindustria, si presentava sul fronte dell’antimafia con iniziative mirate... 
L’aspetto che emerge oggi in maniera inquietante, è diverso da quello di un uomo a suo tempo considerato da molti miei conterranei, quale "simbolo" dell'antimafia...
Un presidente di Confindustria Sicilia, che aveva voluto dare una svolta, premiando in particolare tutti quegli imprenditori siciliani (pochissimi... ma meglio di niente...) che si erano voluto ribellare al racket. 
Certo... assistere ora, in quali modi egli sia giunto a seguito dell'inchiesta per mafia (con cinque pentiti che lo accusano, parlando delle sue frequentazioni "pericolose”) e per quanto evidenziato in questi giorni dalla Procura nissena, attraverso un presumibile sistema di spionaggio, nel quale sono coinvolti uomini delle Istituzioni, fa pensare che forse, quel sistema di legalità, abbia nei fatti... letteralmente fallito!!! 
Cosicché... riesaminando alcune dichiarazioni espresse alcuni anni fa da alcuni noti personaggi di primo piano, sia della nostra imprenditoria che della politica regionale, viene da chiedersi, quanto quelle frasi allora fossero fondate o espresse esclusivamente per perorare una causa, sulla cui motivazione, vi erano interessi personali... 
Ricordo ad esempio il Presidente di Confindustria  Giorgio Squinzi, che disse all'indomani del suo arresto: “Sono sorpreso dalle anticipazioni a mezzo stampa, è sempre stato contro i clan“... oppure del Governatore della regione Sicilia, Rosario Crocetta, che manifesto il proprio sostegno: "Conosco la sua storia personale e professionale, per me è persona impegnata contro la mafia"....
Ora però, esaminando le inchieste di questi giorni, viene da chiedersi se quelle frasi, avessero realmente una loro valenza, oppure servivano a difendere in quel caso, l'amico di turno... 
L'hanno chiamata "Antimafia", sì... quel nome è suggestivo, direi quasi emozionante, perché da un senso di lotta, di giustizia, di vittoria...
Ma quanto poi andiamo ad analizzare i fatti, scopriamo come in questa terra nulla sia cambiato e quelle lotte (mai fatte...) si dimostrano vane...
Basti vedere ad esempio quella mala-gestio dei beni sequestrati alla mafia, i conflitti d'interessi alla Regione, l'irregolarità riscontrate sull'utilizzo dei fondi europei, la corruzione e la privatizzazione all'interno degli aeroporti, gli appalti concessi illecitamente alle imprese amiche o a quei comitati d'affari, passando ad una politica venduta o a quanti la finanziano e le procurano i necessari consensi, per finire con tutti quegli uomini e donne delle Istituzioni, dedite al malaffare, alle tangenti, ad un sistema criminale e corruttivo...
Ed allora viene da chiedersi, chi potrà mai difenderci da tutto questo???
Basterà quale ultimo baluardo la sola Magistratura (ovviamente... quella leale e incorruttibile) in difesa della nostra legalità?  
Come si è potuto riconoscere personaggi che a parole, si sono proclamati "anti-mafiosi e/o paladini della legalità"senza aver mai presentato in vita loro, una sola denuncia???
O forse dovrei ricordare quel automezzo incendiato (chissà... non è che forse è stato un marito incazzato o un ex dipendente licenziato...???) o anche l'aver ricevuto una minaccia telefonica (poi stranamente mai appurata nei tabulati telefonici...), oppure perché a suo dire, è stato minacciato... avendo ricevuto una busta anonima, con all'interno un proiettile (che avrebbe tranquillamente potuto spedirsi da solo...)!!!
Per favore, se sono questi gli uomini con cui si contrasta la mafia, possiamo stare freschi... d'altronde ritengo, che questa mia considerazione, la stiano facendo anche ai piani alti di quell'associazione criminale!!!
Peraltro, basti vedere in quali modi questi individui dimenticano spesso e volentieri (attraverso quelle loro associazioni...) di costituirsi parte civile oppure quando abbandonano di perseguire quelle gravi collusioni emerse tra i propri iscritti, nelle quali ahimè sono presenti proprio quei loro amici (legati chissà proprio ad egli, attraverso quel comitato di affari...) o forse debbo pensare che sono talmente ricattabili, che non possono fare più nulla, se non adeguarsi alle richieste di cosa nostra, ma nel frattempo, tanto per impressionare tutti, gridano a squarciagola: La mafia è una montagna di merda!!! 

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Se mi vuoi seguire, inserisci qui la tua email:

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo