Translate

lunedì 16 aprile 2012

Un suicidio ogni 4 giorni...

In pochi lo sanno, anche perché poco se ne parla e cioè che in Italia muore suicida uno ogni quattro giorni...
Si, avete letto bene, purtroppo sono tanti, ma quello di cui poco si parla è che molti di questi sono piccoli e medi imprenditori, che non riescono a superare la crisi economica e che presi dai debiti e dai problemi, ormai irrisolvibili, preferiscono uccidersi che continuare questa loro vita...
Sono già 23 in questo inizio anno, che ci hanno lasciati ed i numeri Istat parlano di circa 200 persone l'anno...
Tra tasse e burocrazia, con le Banche che non erogano liquidità e quando lo fanno applicano tassi da usura ed ancora, quella forte concorrenza straniera, che costringe molti imprenditori, a chiudere entro i cinque anni d'esercizio...
Da un lato si vogliono incentivare i giovani a creare impresa, proprio di questi giorni infatti, la riforma del Professore Monti, per la costituzione di una Società giovanile ( entro i 35 anni ) a responsabilità limitata ( S.r.l. ) con soltanto un euro e senza spese di Notaio... ( che già di soldi se ne prendono abbastanza...), ma senza che poi, a questi giovani, venga offerta la possibilità di crescere, in quanto, non avendo essi stessi sufficienti capacità economiche, pur godendo di nuove idee innovative e  grazie anche alla propria preparazione, pur avendo quelle qualità necessarie adeguate, vanno poi a scontrasi con quel sistema e/o quei  gruppi già collaudati ( finanziati con i soldi dei papà ), finendo quindi ancor prima di aver iniziato...
Ho sentito che sta nascendo una associazione familiari degli imprenditori suicidi..., ma pochi per non dire nessuno ne parla; si vogliono evitare di creare allarmismi ed anche in questo, il nostro Stato, raccogliendo l'indicazione ed il pensiero espresso dalla nostra religione si chiude nel più completo silenzio, come sappiamo infatti, per la nostra Chiesa, " il suicidio contraddice l’inclinazione naturale dell’essere umano di preservare e perpetuare la sua vita ed è gravemente contrario al giusto amore di sé". 
" E' lo stesso che offendere l’amore del prossimo perché spezza ingiustamente i legami di solidarietà con la famiglia, la nazione e le altre società umane nei confronti dei quali continuiamo ad avere degli obblighi. Il suicidio è contrario all’amore per il Dio vivente", anzi fino a pochi anni fa, la persona che commetteva suicidio era considerata anche poco sana di mente... 
Intanto la morsa creditizia, l'aumento dei debiti, i ritardi negli incassi, le cataste dei pagamenti accumulati, gli interessi di mora e le spese legali per rispondere a tutti quei decreti ingiuntivi, creano quel complesso di emozioni e situazioni, che a parte penalizzare l'impresa, diventano per l'imprenditore, gesto di ribellione contro questo sistema completamente cinico, nel non voler percepire l'importanza della situazione.
Inoltre a questi imprenditori suicidi, bisogna pure aggiungere tutti coloro che per protesta, gettano lo spettro di nuovi casi di disperazione, legati questi alla ricerca di un lavoro ed ancor peggio per chi la trovato, alla mancata riscossione dei propri stipendi, giungendo anche a darsi fuoco, davanti ai nostri Municipi..
Sono urla di proteste questi, segnali preoccupanti di tragedie, che ormai vanno sempre più spegnendosi... 
Ultimo grido di speranza di quella fiammella, che sta ormai per affievolirsi, nella più completa solitudine ed indifferenza...










Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo