Translate

venerdì 29 giugno 2018

Le concessioni demaniali marittime e l'applicazione della direttiva "Bolkestein"...

Sabato sera ho accompagnato mia figlia ad un compleanno organizzato da una sua amica presso uno dei lidi ultimi della nostra Playa di Catania...
Ripercorrendo in maniera opposta quel tratto di strada, in direzione porto, osservavo le condizioni penose di quell'area, dalla mancanza di illuminazione, dei rifiuti gettati sui lati della carreggiata e nel contempo ripensavo a quelle tre spiagge pubbliche che proprio lo scorso anno, insieme alla mia amica Romj Bellante, avevamo descritto e immortalato in un video diventato virale sui social... 
Cosa dire "un vero schifo", no... questo è quasi un complimento, perché la situazione reale è ancor peggiore, anche se va detto che quei lidi... da sempre lì (almeno a mia memoria...), hanno migliorato il proprio aspetto interno, ma all'esterno tutto è andato peggiorando...
Ho scoperto inoltre che proprio all'ingresso di quell'area, è stato predisposto un campo rom, mentre la parte riguardante l'ex fiera è stata adibita a canile...
Tralascio ovviamente di parlare dei costanti incidenti, dei parcheggiatori abusivi, delle prostitute, delle aree adibite a luoghi d'incontro, e quant'altro ben visibile a chiunque di voi, a qualunque ora del giorno e della notte...
Ma come ripeto sempre, forse soltanto il sottoscritto si accorge di questo schifo... D'altronde il nostro ex sindaco ( per fortuna ex e speriamo di non rivederlo più, sia in quella veste che in nessun'altra...), ha dimostrato di non incidere su questa importante realtà turistica, difatti, si è visto solo ultimamente per chiedere a noi cittadini il proprio voto... e abbiamo visto con quale esito si sono concluse l'elezioni!!!
Su una cosa però voglio dargli merito: Premesso che il ponte sul Tondo Gioeni era fondamentale e non andava abbattuto, quella fontana osservata di notte, non è poi così malvagia...
Certo con quei soldi si poteva fare qualcosa di più utile, ma conoscendo i nostri politici e soprattutto la loro manifesta gestione amministrativa e la fine che fanno solitamente i nostri soldi pubblici, forse è stato meglio così!!!
Ritornando alla Playa, un'altra circostanza mi ha dato enormemente fastidio e cioè vedere come tra un lido ed un altro, non vi sia alcuna possibilità di giungere a mare!!!
Già, non esiste alcun percorso pedonale tra i vari lidi, che possa permettere a chiunque di giungere in adiacenza della battigia marina...
Già è come se quell'area prospiciente i lidi fosse di loro pertinenza, eppure tutti sanno che non è così, perché essa fa parte del demanio marittimo e non si comprende il motivo per cui quel passaggio è stato (da ciascuno di essi) interdetto, attraverso il posizionamento di recinzioni metalliche.
Vorrei ricordare che la disciplina circa il libero accesso alla battigia è prevista dall’Art. 3, comma 1, lettera e) del decreto legge 5 ottobre 1993 numero 400 e convertito in legge il 4/12/1993 con numero 494 sul quale vi è stato anche intervento della Corte Costituzionale circa la sua generale applicabilità.
Difatti, nei casi in cui non si possa accedere alla battigia, si può sempre chiedere - d'altronde la normativa è invocabile - di attraversare quei lidi privati, che sono lì grazie ad una concessione demaniale: per cui, il cittadino può in qualsiasi momento, chiedere gratuitamente di accedere alla battigia ed il gestore di quel lido o i suoi impiegati, sono obbligati a farlo passare o quantomeno ad accompagnarlo!!!
Anche perché l’eventuale diniego, costituisce di fatto un illecito!!! 
Chiunque si vede rifiutare l’ingresso o l’accesso alla battigia, può chiedere l’intervento delle forze dell’ordine (ovvero della Guardia Costiera più competente in questo caso) al fine di far ripristinare la legalità!!!
Peraltro, osservare questo scempio e avendo quale metro di paragone, Iesolo, Riccione, Forte dei Marmi, Lignano Sabbiadoro, Rimini, Viareggio, mi fa comprendere quanto ancora indietro sia questa nostra terra rispetto ad altre ben più organizzate, ma soprattutto più disponibili a salvaguardare i propri concittadini, senza imporre limiti strutturali o prevaricazioni personali, che precludano il godimento naturale di quella parte di spiaggia...
D'altronde per molti di loro il motto cui fanno riferimento è: "Cu spatti iavi a megghiu parti" e quindi di cosa ci meravigliamo...
Nessuno che s'interessa, nessuno che controlla, e i furbi... continuano a fare indisturbati i loro inganni!!!
Ecco perché leggere dell'indagine compiuta dalla Procura in collaborazione con la Capitaneria di Porto e la Guardia di Finanza (con l'obiettivo di verificare la quantificazione dei canoni demaniali che sembrerebbero essere stati sottostimati...) non mi sorprende affatto!!!
Già, non ci voleva mica un "premio nobel" per comprendere che forse dietro quei conti qualcosa non quadrava,  tanto che la mancata riscossione di quegli stessi canoni, sembra aver fatto ora emergere un “buco" di circa 250 milioni... 
Ma si sa... da noi tutto procede così!!!
Ciascuno si fa i caz... propri, d'altronde se i controllori avranno potuto beneficiare gratuitamente dell'ingresso in quelle strutture per se e/o per i propri familiari, che motivo avevano a far emergere quanto sapevano...
Certo, hanno preferito tacere e in quel silenzio generale, qualcun'altro certamente ci ha guadagnato...
Una vicenda rimasta oscura fino ad oggi, ma che forse ora - dopo tanti anni di unanime silenzio - potrà rivedere un po' di barlume e chissà se una parte di quel chiarore, possa finalmente illuminare quella penosa strada di Viale Kennedy, di cui (come avrete potuto comprendere) ho preferito non pubblicare neppure una foto!!! 

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Se mi vuoi seguire, inserisci qui la tua email:

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo