Translate

martedì 7 agosto 2018

Già... è proprio la verità a fare paura nei delitti di mafia!!!

Secondo il pentito Salvatore Facella, l'omicidio del procuratore di Palermo, Gaetano Costa (6 agosto 1980), non sarebbe stato deciso dalla commissione di Cosa nostra, ma su ordine di due uomini d'onore, zio e nipote, Salvatore Inzerillo e suo zio Balduccio Di Maggio... 
Secondo il Facella infatti, un affiliato di nome Ciccio Intile, gli aveva raccontato che il Di Maggio durante una riunione, si vantava che il nipote (Inzerillo) aveva ucciso il procuratore Costa...
Purtroppo per quell'omicidio a distanza di quasi 38 anni... non sono stati individuati i colpevoli... 
Infatti l'unico processo celebrato nella città etnea, si è concluso nel '92 con l' assoluzione, diventata poi definitiva, nei confronti dell'unico imputato, per l'appunto Salvatore Inzerillo, accusato in quel processo di essere stato il palo del commando...
Ha detto bene in questi giorni il figlio del procuratore Michele Costa: "Si è avuto paura di cercare la verità", aggiungendo inoltre che, a suo giudizio, "si sarebbe dovuto approfondire con maggiore determinazione le cause e le responsabilità dell'agguato"... 
Ma si sa... da noi, in questo paese ingrato, ci si ricorda delle vittime della mafia soltanto nei giorni di commemorazione, si davanti alle lapidi poste in ricordo di quelle uccisioni, poi per il resto, ci si dimentica di tutto.in particolare di quegli uomini e donne che hanno dato alla loro vita per questa terra!!!
Amareggiato, Michele Costa ha dichiarato: "Ci siamo battuti all'inverosimile, ma la memoria di mio padre è stata cancellata. L'assassinio ha tutti i caratteri di un 'omicidio strategico'. Mio padre lo ha scritto prima di morire. Esiste per questi delitti una precisa esigenza: che si sappia qual è la scaturigine, la causa, ma non si sappia mai perché!!! Difatti, il vecchio pg di Caltanissetta (Sergio Lari, ndr) mi ha quasi insultato perché avevo ipotizzato, peraltro con garbo, che si avesse paura a scoprire la verità"...
Perché il vero problema non era tanto quello di identificare l'esecutore materiale di quell'omicidio, ma accertare chi fossero i mandanti di quel delitto!!!
Nella sentenza della corte d'assise di Catania, si è parlato d'interessi che andavano cercati altrove... in quella "zona grigia", fra malaffare e criminalità organizzata, dove probabilmente era maturata la decisione di assassinare quel Procuratore, capace di firmare in totale solitudine - in quel palazzo dei veleni -  gli arresti di quei mafiosi legati alla cosca Spatola-Inzerillo!!!
Non va dimenticato come quest'uomo, Gaetano Costa, pur essendo l'unico magistrato a Palermo al quale erano state assegnate un’auto blindata ed una scorta, non ne usufruiva,  in quanto riteneva che la sua protezione avrebbe messo in pericolo altri e che lui era uno di quelli che “aveva il dovere di avere coraggio”!!!
Ed oggi, ancor più di ieri, si comprendono meglio le parole pronunciate dalla moglie Rita Bartoli a  vent'anni dell'omicidio del marito: “In tutti questi lunghi, amari anni ho preferito tacere su quanto mi bruciava dentro, gelosa dei miei sentimenti e della appartenenza del mio dolore, delle mie emozioni: i sentimenti e le reazioni ho pensato appartenessero solo a me stessa e non potevano essere oggetto né di commiserazione dai parte dei probi, né di soddisfazione da parte dei reprobi”.
Si... perché in fondo: "E' proprio la verità a fare paura nei delitti di mafia".

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Se mi vuoi seguire, inserisci qui la tua email:

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo