Translate

giovedì 8 luglio 2010

SS 640

PROTOCOLLO PER LA LEGALITÀ SUL RADDOPPIO DELLA STATALE SS 640

Dopo i clamorosi provvedimenti del protocollo per la legalità istituito a tutela dei lavori per il raddoppio della Strada Statale 640 Agrigento - Caltanissetta e dopo aver escluso e quindi strappato i contratti già stipulati, sia per quelle Ditte affidatarie che per gli eventuali fornitori,  in quanto si presumeva che questi potessero avere nel loro albero genealogico, eventuali parenti mafiosi,  ( verifica di controllo svolte dalla ns. inteligence attraverso controlli incrociati tra Carabinieri, Polizia, Guardia di Finanza, Dia e via discorrendo...);

Quindi dopo aver revocato i contratti ed avendo lo Stato dimostrato che con la lotta dura e attraverso la politica del bastone, si raggiungono gli obbiettivi prefissati; ecco che, realizzate tutte le misure preventive di controllo e di garanzia, e soprattutto avendo escluso l'eventuale possibilità d'infiltrazione mafiosa, i lavori iniziano!!!
Resta comunque "strano", che sono state sottratte ad alcune imprese gli appalti già acquisiti e che queste siano state date ad altre società...( ovviamente previo asseveramento degli organi di controlli di cui sopra...).
Ovviamente la situazione ormai incanalata nella direzione a suo tempo approntata, ha portato anche al vilipendio di queste società e ad essere esposti alla gogna, oltraggiati e lesi sia personalmente che familiarmente... 
Come si sa, i lavori relativi al primi lotto sono già in corso.
La consortile Empedocle, di cui fa parte la ditta CMC e le altre imprese impegnate in subappalto,  stanno lavorando, ma non avendo il cronoprogramma davanti, non posso dire se in rispetto dei tempi previsti, anche se questo per il momento interessa poco... la conclusione comunque dei lavori é prevista per l’estate del 2012, staremo a vedere...già comunque come si può leggere nel particolare del giornale allegato che ...si parla del 2013. 
Sono già visibili, tra Favara e Racalmuto, due basi dei giganteschi piloni che dovranno sorreggere i viadotti in costruzione. I lavori riguardano il tratto che va da Agrigento ( km 9,8, appena fuori dalla zona archeologica) a Grottarossa ( km 44,4, confine con la provincia di Caltanissetta). In tutto saranno realizzati venti viadotti, tre gallerie e otto svincoli. A lavori ultimati la strada, che attualmente comprende un’unica carreggiata con una corsia per ogni senso di marcia, diventerà a doppia carreggiata, con due corsie per senso di marcia separate da uno spartitraffico, garantendo in tal modo una maggiore sicurezza. L’investimento complessivo è di circa 500 milioni di euro, di cui 435 milioni per i lavori principali e per gli espropri e altre attività necessarie al cantiere. Una parte consistente dell’opera, per un importo di 365 milioni di euro, è stata finanziata utilizzando i Fas mentre la restante quota è a carico dell’Anas.
Nel frattempo uomini tra carabinieri, poliziotti, finanzieri e agenti della Dia hanno controllato le undici ditte presenti ed all’opera lungo la statale 640. Controlli previsti nel quadro del cosiddetto "protocollo di legalità", stipulato un anno addietro tra la Prefettura, le forze dell’ordine e le ditte che si aggiudicarono l'appalto del raddoppio.Ovviamente è stato concesso un tempo ragionevole, per poter sistemare quanto oggi sia in sicurezza che sotto l'aspetto amministrativo non andava ( anzi la pubblicità "occulta" svolta dai media in maniera puntuale, evidenzia come tutto sia in perfetta regola ed al massimo dell'efficienza, sempre ovviamente nella massima trasparenza), ed anzi per evitare a tali imprese eventuali sanzioni cui già avrebbero dovuto adempiere... gli si viene concessa una ulteriore proroga, a dispensa di quanto oggi non trovato in regola.

Ma come sappiamo in Italia ci sono sempre " due pesi e due misure... " e poi conoscendo il rispettoso silenzio, cui parte dei nostri funzionari pubblici, designati ad autorita di controllo,  sono certo che ancor prima della visita ispettiva, nel riserbo assoluto, TUTTI sapevano l'ora ed il giorno, di quell'improvviso, ma forse confidenziale controllo...

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo