Translate

giovedì 4 aprile 2013

I beni confiscati non rendono nulla!!!

Dando seguito a quanto alcuni giorni fa avevo scritto sulle società confiscate, un mio lettore, tramite email mi chiedeva la possibilità di pubblicare nel mio Blog, un bellissimo articolo scritto dal giornalista Attilio Bolzoni.
Essendo questo un tema speciale e di grande attualità, ho ritenuto appropriato assecondare la richiesta e pubblicare quanto ricevuto:
Quanto rendono i beni sequestrati alle mafie? Niente!!!
Le aziende che una volta erano dei boss non ce la fanno a sopravvivere e le eccezioni sono rare, rarissime.
Una di sicuro è quella di Pontecagnano, sulla litoranea che da Salerno scende verso sud.
È un albergo e lì, gli affari vanno sempre bene, come prima...
Quella "roba" strappata con tanta fatica a Corleonesi e Casalesi non produce quasi mai ricchezza, l'antimafia non riesce ancora a far soldi, anzi al contrario genera perdite..., sempre garantite.
Fino a quando è un capo della 'Ndrangheta a mandare avanti il business tutto va a gonfie vele, quando poi arriva lo Stato le imprese affogano nei debiti.
Un esempio? Il famoso Cafè de Paris di Via Veneto, a Roma.
Era affollatissimo al tempo degli Alvaro di Sinopoli, a due anni dalla confisca uno dei locali simbolo della Dolce Vita rischia la chiusura.
I numeri raccontano tutto.
Su 1663 società confiscate dal 1982 - anno primo della legislazione antimafia - solo 35 sono in attivo. E per un soffio. Praticamente soltanto il due per cento.
Troppa burocrazia, troppa indolenza, troppo disinteresse.
E troppo il tempo che passa dal sequestro di un bene alla confisca, dalla sua destinazione all'assegnazione definitiva.
Cinque anni, sette, anche nove anni.
Terreni che sono ormai abbandonati. 
Aziende finite inesorabilmente fuori mercato. Dipendenti a spasso. 
Con banche che revocano i fidi, assicurazioni che non assicurano più, fornitori che chiedono il rientro immediato dei loro crediti. È il fallimento italiano della (vera) lotta alla mafie.
Tutto funziona perfettamente se è nelle mani dei boss, tutto va in rovina se non ci sono loro.
È il crac delle confische, delle ricchezze portate via a uomini della Cupola o del Sistema, ristoranti, fabbriche, impianti minerari, fattorie, allevamenti di polli, supermercati, agriturismi, distributori di benzina, cantine, serre, trattorie, discoteche, residence, ottiche, gelaterie, società immobiliari, centri sportivi, pescherecci, stabilimenti balneari e anche castelli... 
La punta più alta di confische è in Sicilia: 621 le aziende espropriate ai boss.
In Campania sono 332 e 216 in quella Lombardia che, da qualche anno, si rivela la prima regione lontana dai tradizionali territori dei clan ad avere ricchezze sporche nel suo ventre.
Cosa si può fare per proteggere questo tesoro e far guadagnare le imprese non più di mafia?
"Tre cose", risponde Franco La Torre, presidente di Flare ( la rete europea di associazioni contro il crimine organizzato) e figlio di Pio, il deputato del Partito comunista italiano ucciso nell'aprile del 1982 giù a Palermo per la sua grande battaglia per una Sicilia libera dai boss, artefice di quella legislazione antimafia che porta il suo nome e che ancora oggi - dopo trent'anni - resta un esempio in tutto il mondo.
Quali sono le tre cose da fare? 
Franco La Torre:
1) la presenza di amministratori giudiziari competenti che siano in grado di fare il loro mestiere fino in fondo e di programmare piani a medio e a lungo termine per le aziende confiscate
2) sostenere la legge d'iniziativa popolare ( quella che ha lanciato il Sindacato della Cgil ) per la tutela di tutti i dipendenti delle aziende sotto confisca e per garantire loro gli stessi diritti di tutti gli altri lavoratori dei settori in crisi. 
3) utilizzare il contante sequestrato e reinvestirlo nelle attività dove si registrano le sofferenze.
L'elenco delle aziende che vanno o sono già andate in malora in pochi anni, o addirittura in pochi mesi, è infinito.
C'è una mappa dei disastri da una parte all'altra dell'Italia.
A Palermo c'è l'hotel San Paolo, in via Messina Marine, al confine fra Brancaccio e il porto di Sant'Erasmo, quasi difronte alla "camera della morte" dove in piena guerra di mafia i boss torturavano i loro nemici di cosca.
Costruito da Giovanni Ienna per conto dei fratelli Graviano (i due, Giuseppe e Filippo, si nascondevano nella suite prima delle stragi del 1992), quest'albergo è famoso per un ascensore esterno di vetro dove i genitori accompagnavano i figli per far vedere Palermo dall'alto e perché lì, nell'"ambiente" dell'hotel e degli amici dei Graviano - nel 1993 - è stato fondato il primo club di Forza Italia in Sicilia. L'albergo oggi accumula debiti spaventosi. Una voragine.
Stessa sorte per l'azienda agricola Suvignano di Monteroni D'Arbia, in provincia di Siena.
I vecchi proprietari erano i costruttori Piazza di Palermo.
Un'estensione di 713 ettari, campi coltivati a grano e a orzo, uliveti, un bosco, 13 case coloniche, un'antica fornace, una villa padronale, un agriturismo, una riserva di caccia, 200 capi di suini e duemila pecore. 
In rosso permanente anche gli 80 distributori di benzina sparsi fra il beneventano, l'avellinese, il casertano e il basso Lazio, tutti sequestrati ai Salzillo, quelli del "petrolio della camorra". E ancora, tanti altri beni-azienda in perdita totale. La Delfino Srl di Gioia Tauro, rottami e rifiuti nel regno dei Piromalli e dei Molè.
La Pio Center di Bovalino, un pezzo di sanità calabrese fra Locri e Reggio nelle grinfie dei Nirta.
E poi Villa Santa Teresa di Bagheria, sequestrata all'ingegnere Michele Aiello, il re Mida della Sanità privata in Sicilia, quello che è sospettato di aver fatto da prestanome al vecchio Bernardo Provenzano e che ha contributo a trascinare in un gorgo giudiziario e a Rebibbia il governatore della Sicilia Totò Cuffaro.
Uno dei casi più clamorosi resta sempre quello della Riela Group di Catania, all'epoca della confisca - nel 1999 - la quattordicesima azienda più florida di tutta la Sicilia con un fatturato di 30 milioni di euro.
Quando i titolari erano Lorenzo Riela e suo figlio Francesco (condannato all'ergastolo per omicidio), legati tutti e due ai Santapaola, i dipendenti erano 250. Oggi sono 12. I Riela hanno provato a riprendersi la loro società di trasporti con vari prestanome. E facevano tutto dal carcere con la complicità di amministratori giudiziari.
Come è possibile che una "famiglia" si possa riappropriare del bene che gli è stato sottratto dallo Stato?
"Questa della Riela Group è forse l'esempio più negativo in assoluto", dice Enrico Fontana, presidente di Libera Terra Mediterraneo, il consorzio delle cooperative che gestisce le proprietà agricole confiscate in Sicilia, Campania, Calabria e Puglia.
E spiega: Lo Stato ci deve mettere la faccia!!! 
Non basta sequestrare e poi gestire burocraticamente un bene, ma quel bene bisogna farlo diventare un buon esempio. 
La verità è che queste aziende che erano delle mafie non si possono considerare come tutte le altre, è necessario trattarle come aziende speciali. 
A parte le difficoltà di carattere finanziario - i lavoratori vengono messi in regola, si pagano i contributi arretrati ai dipendenti che i boss facevano lavorare al nero - queste imprese operano in contesti estremamente difficili. 
Dal sequestro in poi l'intervento su ognuna di queste aziende deve essere fatto con grande attenzione al mercato".
Ma come può un amministratore giudiziario nominato da un Tribunale fare impresa come un vero imprenditore?
Il più delle volte la gestione si rivela una sciagura. Di quelle 1663 aziende confiscate in via definitiva dal 1982 quasi la totalità sono destinate alla disfatta, alla liquidazione e alla cancellazione dai registri camerali e tributari. C'è da fare tanto. Lo Stato deve cambiare marcia. Non serve solo applicare la legge e poi abbandonare le aziende, lasciarle in mezzo ai guai economici, prigioniere degli istituti di credito, sotto ricatto, sotto minaccia della concorrenza della porta accanto, i boss ancora sul mercato.
L'anno scorso Unioncamere e Libera hanno sperimentano un sistema di governance delle aziende confiscate. Un monitoraggio per capire quali sono le emergenze più immediate e soprattutto capire come intervenire. La lista degli interventi necessari: istituire strumenti di finanza agevolata e di incentivazione fiscale, introdurre facilitazioni contributive per il mantenimento dei dipendenti, prevedere un welfare per ricollocare i lavoratori
in caso di chiusura dell'attività, sostenere con aiuti la nascita di cooperative, destinare una quota del Fondo nazionale di garanzie per le piccole e medie imprese anche alle associazioni che gestiscono beni confiscati alla criminalità. 
È proprio tutto nero (e in rosso) il mondo dell'imprenditoria dal passato mafioso?
"L'esperienza più virtuosa è quella della Calcestruzzi ericina", ricorda ancora Enrico Fontana mentre racconta "le perfette coincidenze" avvenute una decina e passa di anni fa a Trapani, dopo che avevano sequestrato l'impianto al capo mandamento della provincia Vincenzo Virga. Un prefetto attentissimo ( Fulvio Sodano ), un amministratore giudiziario molto preparato e appassionato, una cooperativa con soci capaci.
Ne è venuto fuori un piccolo grande miracolo. Tutto nasce nel 1996 quando al boss tolgono la Calcestruzzi e quattro anni dopo gliela confiscano.
Qualcuno ha provato a boicottarlo l'impianto, la mafia ha provato a riconquistarlo.
Ma poi le cose hanno preso un'altra piega. Per la prima volta - la vicenda non ha precedenti - l'Unipol ha concesso un mutuo ventennale di 700 mila euro senza garanzie e poi è cominciata l'avventura.
"Noi ci siamo ingranditi, è la prova che se tutti lavorano bene ce la possiamo fare", dice Giacomo Messina, il presidente della nuova Calcestruzzi. Quando era di Vincenzo Virga, i dipendenti erano 11, dopo tanto tempo e con l'antimafia i dipendenti sono diventati 14.
Hanno assunto un ingegnere ambientale, una donna per le pulizie, hanno assunto anche un nuovo autista.
Hanno allargato gli uffici e realizzato un nuovo stabilimento per il recupero degli scarti edilizi.
Un piccolo gioiello, già un'anomalia nel panorama dell'Italia che non vuole arricchirsi con i soldi della mafia.
Come quell'albergo confiscato alla camorra sulla strada che porta verso i templi di Paestum. Una clientela molto particolare. Quasi tutte coppie della zona. Molti impiegati, qualche professionista, ogni tanto si vede anche un pensionato. All'Hotel Mare ci vanno per fare l'amore. Nei dintorni di alberghi così - del genere daily use - ce ne sono almeno una dozzina. Ma l'Hotel Mare è l'unico sequestrato alla camorra. Non ci sono angosce a fine mese. Sempre in attivo.
"Così vincono loro, non vinciamo noi". E' l'allarme di don Luigi Ciotti, fondatore e presidente di Libera. "Così vincono loro", ripete mentre controlla i numeri sui beni confiscati in Italia dal 1982 e 1.663 Le aziende confiscate alle associazioni criminali al 1 luglio 2012, di cui solo 35 risultano in attivo o in pareggio 88 nel settore agricolo 164 alberghi e ristoranti 24 attività finanziarie 137 attività immobiliari, noleggio, informatica, servizi alle imprese 35 attività manifatturiere 462 commercio, riparazione veicoli, beni personali, casa 23 estrazioni minerali 15 pesca, pescicultura e servizi connessi 6 produzione e distribuzione energia elettrica, gas, acqua 19 assistenza sociale 60 trasporti, magazzinaggio I numeri delle confische quelli delle aziende in sofferenza perenne.
Don Luigi, cosa non ha funzionato?
I numeri parlano molto chiaro: sono soltanto pochissime imprese quelle che resistono e tutte le altre prima o poi muoiono, questa è una situazione che grida vendetta... 
Ma è lo Stato che non ha fatto quello che doveva fare in tutti questi anni?
"Dentro lo Stato ci sono stati anche uomini che si sono spesi e a volte anche strutture che hanno funzionato. Sono mancati gli strumenti giusti, è mancata in generale un'aggressione mirata alla questione dei beni confiscati. E poi ci sono state reti di complicità, ci sono stati ritardi, ci sono stati silenzi. E qualcuno che doveva metterci la testa su queste cose, la testa non ce l'ha messa. Per questo oggi è giusto dire che è una situazione che grida vendetta".
Quali interventi si sarebbero dovuti prevedere per non arrivare a questo fallimento?
"Si sarebbe dovuto seguire il modello delle cooperative che sono nate sui terreni confiscati con bando pubblico e con il coinvolgimento dei giovani del territorio. In questi casi è sempre stato riconsegnato il maltolto, i beni sottratti alle mafie sono stati restituiti all'uso sociale e alla collettività grazie alle reti economiche che si sono messe in gioco. Anche per le aziende bisogna inventare un nuovo meccanismo che porti a risultati.
Abbiamo bisogno di cose concrete, abbiamo bisogno di speranza".
Un articolo di Attilio Bolzoni

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo