Translate

mercoledì 17 settembre 2014

Anti-corruzione...

Raffaele Cantone, Presidente dell'Authority A.N.AC ( Autorità Nazionale Anticorruzione ) durante un convegno a Cernobbio, ha chiesto alla Confindustria di applicare la stessa metodologia utilizzata nella regione Sicilia e cioè che - venga realizzata la stessa battaglia che e' stata fatta per la mafia...
Infatti in Sicilia, Confindustria ha deciso di espellere gli imprenditori collusi!!!
C'è sempre la convinzione da parte di tanti che, soltanto attraverso l'autorità giudiziaria si possano superare le difficoltà create da quel meccanismo perverso creato con le famose tangenti...
Bisogna iniziare a ripulire innanzitutto la pubblica amministrazione, colpire con pene severe, quei dipendenti infedeli che si lasciano travolgere dalle mazzette e che mancano di operare quei necessari controlli, ma che partecipano attivamente perché quel sistema corruttivo possa continuare indisturbato...
E' cosa dire di tutti quei meravigliosi consulenti "oxfordiani" che interpretano, leggi, regolamenti e norme vigenti, in modo del tutto arbitrario e soprattutto nel momento in cui, iniziano a farsi emergere - da qualcuno estraneo - responsabilità dirette e personali, allora ecco che tentano di difendersi, attaccando essi stessi, quanti proprio a quel sistema non desiderano appartenere e/o non vogliono partecipare...
E' evidente comunque che in nessun caso, il perseguimento dell’interesse pubblico o societario può giustificare una eventuale condotta disonesta.
Gli Enti Pubblici, debbono non solo iniziare a redigere un Piano di Prevenzione della Corruzione, ma soprattutto di quel piano iniziare a condividerne le norme e le azioni, demandando così a tutti, dal segretario generale, ai dirigenti, fino agli impiegati, l’osservanza di quelle direttive, volte a prevenire la corruttela ed in particolare le infiltrazioni mafiose nella gestione dell’attività posta in essere, ognuna di esse, nel rispetto del proprio settore di competenza.
Ora c'è chi parla di applicare il Codice Etico... ma quello ha senso soltanto quando i soggetti rappresentanti d'imprese, organizzazioni o singoli operatori, applicano nella propria condotta, quei comportamenti etici, evitando di appropriarsi di benefici, sfruttando la propria posizioni di forza.
Ovviamente il codice è improntato ad un ideale sinergico in vista di una possibile e reciproca collaborazione, un vantaggio per ciascuna delle parti coinvolte, nel rispetto del ruolo di ognuno, in modo che ciascuno agisca secondo principi e regole ispirate ad un'analoga idea di condotta etica...
Secondo l'Anticorruzione s'intende indirizzare le strategie future sul controllo delle PA, per cui chiarisce il Presidente Cantone, ho si adottano di un codice etico o presentano un piano di trasparenza, in attesa del decreto organizzativo che dovrebbe giungere entro l'anno...
Certamente si auspica di allargare la collaborazione anche a Confindustria, perché è stato dimostrato che in questo ns. paese ( purtroppo... ) non tutti gli imprenditori hanno quella corretta "cultura di legalità" anzi il più delle volte sono essi stessi ( o chi per essi... ) i primi a commetterne i reati...
Ovviamente bisogna garantire l'imprenditore onesto, colui che denuncia, anche coloro che presentandosi in veste di pubblici ufficiali, richiedono per chiudere un'occhio, la consegna di somme di denaro...
E' ovvio che adesso, a seguito della denuncia presentata, quell'imprenditore onesto, si ritroverà esso stesso sotto mira, proprio di quei "sostituti" colleghi che ovviamente - ligi al proprio dovere - sapranno ricercare ogni possibile condotta illegale tra quelle carte ( ora visionate in modo professionale... ), dalle quali ora emergono movimenti - più o meno chiari - che portano a sanzionare ( in maniera sicuramente feroce... ) il malcapitato imprenditore onesto!!!
Sì... l'obiettivo dichiarato è quello di non perdere tempo, di valutare le fasi di un appalto impiegando al massimo dai sette ai quindici giorni, però, se a giudicare saranno gli stessi uomini, sottoposti oggi ad indagini o a possibili condanne, è ovvio che allora... quanto sperato di certo non potrà funzionare...
Diceva Giorgio Bocca: sono certo che morirò avendo fallito il mio programma di vita: non vedrò l’emancipazione civile dell’Italia.
Sono passato per alcuni innamoramenti, la Resistenza, Mattei, il miracolo economico, il centro-sinistra. 
Non è che allora la politica fosse entusiasmante, però c’erano principi riconosciuti: i giudici fanno giustizia, gli imprenditori impresa. Invece mi trovo un paese in condominio con la mafia. 
E il successo di chi elogia i vizi, i tipi alla Briatore... 

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo