Translate

lunedì 27 luglio 2015

Quel "Centro Commerciale" incompiuto di San Gregorio...

Dopo quasi 8 anni, mi è stato chiesto dall'Amministratore della società per la quale opero, di verificare un appalto di movimenti terra, realizzato nel lontano 2007/08...
Trattasi, di un progetto di proprietà della società Virco Spa, per la realizzazione di un centro commerciale, a cui (se non ricordo male), sembrava  essere interessata “Carrefour”...
L'appalto fu affidato alla società Edilizia Industriale e Commerciale Spa ( dello stesso gruppo di aziende “Virlinzi”), la quale, incaricò per i lavori di movimenti terra (preparazione area di cantiere, scavo di sbancamento e trasporto del materiale presso discarica autorizzata... ) la F.lli Basilotta Spa, oggi, IN.CO.TER. S.P.A.
I lavori furono completati, ma non si poté dare inizio alle opere civili, in quanto, proprio in quel periodo, iniziò una forte protesta da parte delle associazioni ambientaliste, che costrinse ad un intervento diretto da parte della Soprintendenza...
Secondo gli ambientalisti..., la zona insisteva su un’area boschiva che, a causa proprio di quegli interventi di sbancamento, erano stati distrutti... (io per quanto mi ricordi... non era esattamente così... potevano esserci quattro alberi di olivi incendiati ed alcune piante di oleandri e ginestre selvatiche cresciute sullo strato di lava... le stesse che oggi, recandovi sui luoghi, trovate adiacenti lo scavo... e comunque con tutto il rispetto - se pur ambientalista - farle passare per macchia mediterranea... c'è ne vuole...
Comunque, i problemi sopraggiunti, smorzarono l'interesse della catena commerciale francese, considerato inoltre che, di lì a poco... furono realizzati nuovi Centri Commerciali: Katanè (Gravina di Catania), Porte di Catania (S.S. Gelso Bianco - uscita Zia Lisa), Centro Sicilia Shopping (Misterbianco - uscita S. Giorgio) senza dimenticare il già noto Etnapolis di Belpasso ( tutti lavori che - ad esclusione del Centro Sicilia - sono stati realizzati in gran parte dalla In.Co.Ter Spa..., la stessa che nel contempo aveva portato a termine il MAAS - Mercato Agro Alimentare di Bicocca - e dire... che alla fine, i meriti di tutti quei lavori, sono andati ai soliti General Contractor, con sedi in Nord Italia..., Cmc, Maltauro, Immobiliareuropea, ecc... ). 
La cosa assurda è che su molti di questi lavori svolti, la società Incoter è ancora in attesa di ricevere (dopo tutti questi anni) le somme relative al saldo dello svicolo delle ritenute... che ammontavano a centinaia e centinaia, di migliaia di euro... e per fortuna che almeno quest'anno - attraverso le solite... procedure legali (realizzate da parte dell'Amministratore nominato dal Tribunale) - si è potuti giungere a recuperare una consistente parte delle somme, ma c'è chi ancora deve pagare, quelle somme trattenute poste a garanzia... ( ma ho la convinzione che a breve chissà - forse rileggendo tra le righe di questo mio post - qualcuno, possa, come si dice... "passarsi la mano sulla coscienza" e decidere di trovare quella giusta ed equa soluzione.... ( anche perché come diceva un mio caro amico del Nord, Renzo, quando si litiga... si perde entrambi...).   
Oggi l’area di lottizzazione, appare desolata, abbandonata a se stessa, un'enorme sbancamento che debbo aggiungere - in qualità di esperto in sicurezza ( Coordinatore, Rspp e quant'altro...) - non mi sembra perfettamente adeguata su quanto prevede il D.Lgs. 81/08 e s.m.i. ( in particolare mi riferisco alle misure di prevenzione, sui possibili rischi da cadute dall'alto, fosse, scivolamento, buche, seppellimento per franamento delle pareti di scavo, mancata recinzione dell'area, ecc... ).
Un'area, che si trova all'interno di due strade, quella ripida di Via Catania e quella che da Trappeto giunge fino all'attuale rotonda, bivio di collegamento per chi giunge dall'autostrada ME-CT per proseguire in direzione di S. Gregorio... Strategicamente, era un punto interessante, con migliaia di auto che l'attraversavano quotidianamente, posta al di sotto, di quella famosa “Collina del disonore”. nota per quelle antenne e parabole (televisive e telefoniche) istallate sulle proprie alture...
Certo, all'inizio dei lavori (e mi riferisco anche a quelli successivamente realizzati per il Centro d'Intrattenimento, posto un po' più in alto), i vicini confinanti con queste aree, cominciarono a lamentarsi per l'eventuale aumento dei visitatori, del traffico veicolare e del deprezzamento paesaggistico a cui le loro proprietà - a causa l'impatto ambientale derivante dalla costruzione di questi centri - sarebbero dovuti andare incontro..., ma, da quando è stata aperta l'uscita "Paesi Etnei", molti di loro si saranno sicuramente pentiti di quelle continue lamentele..., poiché, come si è successivamente costatato... questa strada, ha perso molto di quel valore intrinseco, lo si può costatare osservando quanto ora sia poco transitata!!!
Cosa aggiungere, mi auguro presto, di veder quest'area convertita, non più con enormi casermoni di Centri commerciali, che se non fosse in questo periodo per per quell'area condizionata al loro interno... ( vista la cocente temperatura dell'esterno...), credo che non verrebbero neppure visitati; basti notare infatti, come questi stiano per implodere... (lo si vede osservando il numero sempre più numeroso delle botteghe vuote - coperte da quelle insegne -nuova apertura- a cui, nemmeno le procedure di salvaguardia adottate - come per esempio la riduzioni del canone d'affitto - siano servite  a contrastarne il fenomeno di rescissione dei contratti...
Dopotutto... le persone, preferiscono comprare nei negozi..., un ritorno al centro storico, e soprattutto, quegli stessi supermercati presenti da sempre all'interno di questi centri commerciali - che avevano quale obbiettivo di assicurare un costante numero di clienti - ora, a causa dell'apertura di nuovi e più competiti hard-discount, vede allontanare tutti quei potenziali clienti verso queste realtà...
Comunque per dimostrare come basterebbe poco per cambiare quest'area, propongo due soluzioni a tema..., con la speranza che chissà... forse un giorno, queste possano diventare una concreta realtà!!!
       

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo