Translate

giovedì 2 luglio 2015

Urlano tutti...si... ma a bassa voce!!!


Come diceva il nostro Sciascia... questi sono i nuovi professionisti dell'antimafia!!!
Già, in questi anni, tra associazioni, istituzioni, fondazioni, forum, comitati, e via discorrendo... il fenomeno delle associazioni per la legalità è cresciuto in modo esponenziale...
Prendendo infatti a modello, quelle associazioni "autorevoli" come Libera di Don Ciotti, le Agende Rosse, Addiopizzo, daSud, e qualche altra che non sto quì ad elencare..., ecco che, l'aver dato origine ad un qualcosa che possa divenire punto d'incontro per parlare di contrasto alla criminalità organizzata, diventa il primo passo fondamentale, per iniziare a fare concretamente numeri..., perché dopotutto..., di questo si tratta, di una semplice raccolta di nomi e  di firme!!!
Infatti, queste "pseudo" associazioni, sono astute... si muovono in punta di piedi...
Grazie ai soci fondatori che rappresentano coloro che sin dall'inizio ispirano e sovvenzionano l'associazione, si comincia ad essere accreditati in quei modelli onlus ( senza cioè alcun fine di lucro ) e dove il principale obbiettivo risulta essere quello del contrasto alla illegalità ed alla corruzione, volgendo ispirazione per quei valori naturali, andati ormai perduti, quali il rispetto, la moralità e la correttezza!!!
All'inizio, ci si rivolge a parenti ed amici, una forma d'incontro, nato a modello di circolo ricreativo, poi, pian piano, migliorando la struttura e l'organigramma, si da inizio alla raccolta di piccoli contributi, quasi sempre volontari, che con il tempo, possono ufficializzarsi, attraverso il 5 per mille dei contributi Irpef...
Si consegna una tessera personale, si passa alla ricerca di nuovi membri e nel contempo, si pubblica su carta stampata o su pagina web, quanto si ha intenzione di proporre in manifestazioni e scambi culturali...
Tutte belle iniziative che però nascondono il vero fine..., e cioè, fare in modo che il consenso possa, sempre più... aumentare!!!
Quindi stabilite le regole ed avendo proceduto alla realizzazione di un modello di statuto con il quale determinare quali necessarie direttive servono per l'organizzazione del gruppo, ecco, che si procede a depositare il contratto dell'associazione e dare finalmente inizio a quanto si desiderava realizzare...
La speranza, e quella che con il passar del tempo, il numero degli iscritti aumenti... e quando finalmente ci si accorge che, il proprio consenso è divenuto importante, quando si ha un forte visibilità, ecco che quello può rappresentare il momento dell'evoluzione..., quel cambiamento che sonda, se l'interesse maturato, può essere apprezzato e/o barattato da qualche esponente rappresentativo, preferibilmente istituzionale, che hanno un particolare interesse, a candidarsi nel mondo della politica...
Sembrerà assurdo, ma quanto avviene all'interno di queste associazioni è off-limit...  nessuno infatti, è nelle condizioni di poter confermare, se all'interno di queste associazioni, si celino personaggi che hanno interessi con le attività criminali...
Ormai, come possiamo osservare, nelle nostre città..., è difficile trovare quelle vecchie segreterie di partito..., queste non esistono più, non solo perché sostenerle, aveva dei costi proibitivi, tra affitti, utenze, dipendenti e spese varie, ma soprattutto perché necessitavano quotidianamente della presenza illustre della figura politica, che da alcuni anni, preferisce non mostrarsi, continuare con la propria professione e quando eventualmente disponibile, dedicarsi alla presenza di quelle sedute pubbliche a cui deve presenziare, per godere di quel famoso gettone di presenza..., ma soprattutto,  poiché quelle segreterie partitocratiche erano diventate totalmente inutile... in quanto sono rimasti in pochi, quelli che ancora, ci si rivolgevano, sperando appunto, nei loro buoni propositi...
Ed allora ecco che i ns. politici...  hanno alzato l'ingegno, sono nate, a sostituzione proprio di quelle segreterie, nuove associazioni; le chiamano culturali (ma non ci troverete neppure un libro... ), di volontariato, ambientaliste, per i consumatori, ricreative, ed ovviamente quelle più rappresentative... contro la mafia... tutti con nomi di grande interesse, importanti, a modelli #hastag, dove il riconoscimento immediato del nome deve costituire il modello e l'indirizzo a cui l'attività associativa si è ispirata...
Eccoli, sono i nuovi paladini..., alcuni hanno scelto nomi illustri che attraverso la lotta alla mafia hanno fatto grande il nostro paese, ma quasi sempre, dietro queste associazioni non vi è neppure un loro parente..., altri, usano la tecnica di copiare termini omonimi o nomi similari a quelli di associazioni autorizzate, inviando direttamente a casa, una richiesta economica a sostegno della stessa, su bollettini di c/c precompilati, senza poter conoscere, ne dove andranno a finire i soldi inviati e soprattutto chi è il reale beneficiario...
Se poi analizziamo concretamente cosa fanno..., quali lotte vanno combattendo, quante denunce presentano, quali dibattiti organizzano, in che modo fanno sentire la loro voce... , con quale foglio di giornale, rivista, pagina web contrastano la lotta alla mafia..., come URLANOOO a gran voce..., lo schifo che li circonda... ecco, ci si accorge, che tutto è fatto a bassissima voce... quasi in silenzio... per non disturbare... per non fare quei nomi e cognomi sconvenienti..., per non risultare fastidiosi agli occhi di tutti, in particolare proprio di quei soggetti malavitosi o con i colletti bianchi... dopotutto, vanno ripetendo: perché denunciare noi... lo farà qualcun altro..., le lotte dobbiamo sempre iniziarle noi con la nostra associazione e gli altri invece cosa fanno... dov'è lo Stato, i suoi uomini, che siamo essi a farle quelle lotte..., dopotutto loro... sono pagati anche per questo...noi no!!!
La verità è che alla fine, la lotta, la fanno sempre gli altri, quelli invisibili, quelli a cui le medaglia non verranno mai date...
La maggior parte... sta nell'ombra, anzi, grazie a queste associazioni si riciclano, sono quegli stessi personaggi che allontanati per varie vicissitudini dalla politica, ora, attraverso queste associazioni, tentano di riavvicinarsi alle poltrone perdute, grazie all'Antimafia. 
Soggetti con la doppia identità, che, protetti ora dallo stendardo dell'antimafia ( dopo essere stati a fianco di personaggi collusi con la criminalità organizzata oppure aver ricevuto contributi economici per la propria sede associativa, da quelle figure oscure, ora rimosse da quegli incarichi in quanto condannati per abuso di ufficio, concussione, corruzione, ecc..., ecco che, come se nulla fosse, sfilano in prima fila, in quelle marce per la legalità, al fianco di chi, quotidianamente, la combatte la mafia, come le istituzioni, le forse dell'ordine e quei pochi cittadini onesti...
Ormai il sistema è stato svelato, l'immagine pubblica di certi personaggi è stata smascherata, denunciata, rinviata a giudizio..., per truffa, peculato, malversazione o ancor peggio... per infiltrazione mafiosa...
Personaggi politici, che di giorno sfilavano nei cortei, ma che di notte cenavano insieme agli "amici" per decidere quali accordi elettorali proporre..., personaggi che attraverso quei propri movimenti e quelle fondazioni antimafia, hanno letteralmente intascato fiumi di denaro pubblico, investiti poi in attività commerciali proprie, personaggi infami che presentandosi come paladini della giustizia, hanno foraggiato queste attività fraudolenti...
Si mettono - come si diceva una volta - i vestiti buoni della domenica per andar in chiesa..., per mostrare quelle loro facce, a modello ispirazioni di sani principi, ma che nascondono di fatto, il loro vero volto, tra falsità e ambiguità...
Un sistema creato ad hoc, che tenta di sostituirsi ai vecchi ladri, sperando così di ricevere "gratuitamente" i beni di quelle aziende confiscate dallo Stato, dove, attraverso la costituzione di ipotetiche cooperative o associazioni, si ci trova coinvolti, nel gestire patrimoni milionari, ottenute a costo zero e soprattutto foraggiate, in quanto accreditate in quella lotta contro la criminalità...
Perché vestirsi di antimafia era diventato un business... ma oggi lo è ancora di più...
Un nuovo modo astuto, per ripulire la propria immagine...., quasi si trattasse d'immergere se stessi, in un cosiddetto bagno "purificatore"...

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo