Translate

sabato 17 ottobre 2015

La donna araba...

Nella religione islamica la funzione materna della donna è vista come un principio fondamentale.
La donna infatti, viene rappresentata come simbolo di fertilità, sposa e madre, che assicura e garantisce la continuità della vita...
La donna islamica,  ha assunto nel corso dei secoli ed oggi, all'interno della società, assume una funzione importante, in quanto, rappresenta le fondamenta dell’istituzione familiare, protettrice di quel focolare domestico.
Purtroppo però il Corano, essendo difficile da interpretare, favorisce la nascita a diverse correnti di pensiero, ed è per questo motivo che, tra i vari paesi islamici, la posizione della donna viene a variare a seconda della condizione sociale e dell’ambiente in cui vive.
Il Corano viene decifrato in modo diverso dai modernisti, dai tradizionalisti (e/o fondamentalisti) ed è per ciò che i modernisti, vengono accusati di voler occidentalizzare la donna... 
Difatti, i tradizionalisti tendono ad affidarsi agli “hadith” (tradizioni) mentre i modernisti cercano di cogliere lo spirito profondo del Corano.
Attualmente, come sappiamo, le più importanti correnti religiose sono due e cioè, quella dei Sunniti e quella degli Sciiti: i primi non vogliono innovazioni che non siano presenti nella sharia, mentre i secondi, sono aperti alle innovazioni.
I tradizionalisti sostengono che la donna debba restare reclusa, mentre i modernisti pensano che questo valga solo per le donne del profeta ed anche per quanto riguarda la cosiddetta "poligamia", i tradizionalisti sostengono che l’uomo biologicamente ha bisogno di avere più mogli, mentre i modernisti credono che la poligamia sia vietata.
Analoga situazione viene a ripetersi (ma non entro nello specifico) per l’harem, per il divorzio, per l'eredità, per il velo, ecc... tutte condizioni, che a seconda delle posizioni, vengono di volta in volta ribattute...
Alcuni paesi, tra cui Albania, Turchia, Iraq, Iran, Egitto, Tunisia, Emirati Arabi, hanno cercato di cambiare molte di quelle leggi islamiche, ed è grazie a ciò, che il grado d’istruzione della donna è enormemente aumentato... di contro, in quei paese legati ai valori fortemente tradizionalisti, il tasso d'ignoranza della donna resta ancora molto alto, perché secondo loro, l’emancipazione femminile è una sconfitta nei confronti dell’Occidente.
Ogni Paese ovviamente ha le sue leggi e ogni gruppo religioso sostiene differenti posizioni, quindi diventa molto difficile poter arrivare ad un accordo, poiché ognuno interpreta il Corano in maniera differente, sta di fatto comunque, che in pochi, hanno il coraggio di sostenere qualcosa che non sia in accordo con il Corano, più per paura... che per reali motivazioni.
Non bisogna però dimenticare, che proprio la legge islamica, ha preceduto tutte le legislazioni di quei paesi oggi considerati moderni... proclamando l’uguaglianza della donna e dell’uomo, stabilendo la libertà e l'indipendenza della donna (quando ancora nel nostro paese... le veniva negato ogni diritto) ed ancora, le ha accordato gli stessi diritti dell’uomo e ne ha disposto una capacità legale per nulla inferiore a quella dell’uomo. 
Per cui, certe legislazioni occidentali, prima di potersi esprimere in giudizi, dovrebbero ricordare la propria storia passata... valutare quanto tempo è occorso per giungere all'uguaglianza, un rapporto quello tra uomo e donna, fatto si di obblighi... ma dove in fatto di diritti, ha sempre privilegiato gli uomini 
Oggi, se pur sono numerose le donne musulmane che accedono alle massime cariche politiche e amministrative, la condizione della donna comune resta comunque invariata...
In questo la Tunisia dimostra essere il paese di cultura islamica... con la legislazione più avanzata: infatti secondo le leggi tunisine è prevista la parità fra uomo e donna nel matrimonio e l’uomo è tenuto a pagare gli alimenti alla moglie in caso di divorzio, mentre la madre deve dare il suo consenso, in caso di matrimonio di una figlia minorenne. 
Ci sono molte donne che rivestono un ruolo importante nella politica ed altre che svolgono lavori, prima  eseguiti esclusivamente dagli uomini....
Certamente, per poter giudicare, bisogna sempre analizzare la realtà dall'interno, in quanto il più delle volte, i pregiudizi nascono, da quanto viene riportato dai mass media occidentali, mentre nella realtà, le situazioni possono essere certamente diverse.
E' certo comunque che, soltanto attraverso il proprio coraggio e la propria forza di volontà, che si possono cercare di superare quegli aspetti contraddittori, come l'essere all'interno di una comunità chiusa o dalla rigidità dell’osservanza, dal fanatismo messo in atto anche dai propri familiari...
Soltanto così la donna araba, può ottenere di giungere a quella libertà ricercata, una conquista che passa certamente dall'istruzione acquisita, diritto naturale che le permette di iniziare così, nuovi rapporti di amicizia e conoscenza, con altre donne, diverse da lei, con cui potersi confrontare su temi internazionali, culturali ed anche religiosi; solo così si superano le barriere di nazionalità, s’intrecciano usi e costumi, permettendo di giungere ad una completa indipendenza e integrazione.
Esistono oggi dei paesi in cui questo cambiamento è più visibile, per esempio in Libano, dove la donna libanese presenta un’immagine molto libera; sono infatti visibili tantissime ragazze in minigonna, ricoperte di trucco e con i tacchi alti, che vanno in discoteca e godono di una libertà inaspettata per un paese arabo, ma che poi nasconde tutte quelle regole e contraddizioni che ne limitano le decisioni, per esempio quando, non può dare la cittadinanza ai suoi bambini o non ha alcuna autorità ed è sempre il marito (e/o il proprio uomo o il padre) a decidere tutto!!!
Insomma, la storia femminile nel mondo arabo è molto varia ed è ancora piena di difficoltà, ma è altrettanto importante iniziare a premiare il ruolo della donna, anche in quanto cittadina delle attuali scelte politiche... 
Stiamo infatti assistendo proprio in questi giorni, ad una attiva e numerosa presenza di partecipazione delle ragazze e delle donne, sia nelle recenti rivolte in quei paesi arabi del nord-africa, ma soprattutto nel medio oriente, dove armate, combattono con altri uomini... una guerra, per quella ricercata speranza di democrazia, 
Un segnale importante, per la costruzione di quelle basi fondamentali, per l’inizio di un nuovo ruolo della donna, non solo in famiglia ma soprattutto nel mondo pubblico...

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo