Translate

giovedì 4 agosto 2016

Nella vita non bisogna mai rassegnarsi, arrendersi alla mediocrità, bensì uscire da quella “zona grigia” in cui tutto è abitudine e rassegnazione passiva...

Vi ricordate quel giudizio che veniva dato durante il proprio corso di studi???
"Mediocre"...
Stava ad indicare una preparazione tra il carente e la sufficienza, un giudizio che solitamente veniva inquadrato intorno al cinque!!!
Infatti, a fine anno, con quel voto "5"... non si era certi se si veniva promossi o rimandati, in molti restavano in attesa su quel limbo grigio, sperando soprattutto nella magnanimità degli insegnanti...
Crescendo... per ognuno di essi, non è cambiato nulla!!!
Sono rimasti legati a quel livello, in attesa sempre di un sostegno o meglio, di qualcuno che potesse reggerli durante questa loro mediocre vita... perché questi, non sono in grado di camminare da soli e vivono la loro vita di riflesso della luce altrui...     
Si dice che "le menti mediocri condannano abitualmente tutto ciò che è oltre la loro portata" o piuttosto tendono a negare anche la stessa evidenza!!!
E' difatti tipico di questi soggetti, cercare di non non prendere in considerazione un dato, un fatto assodato, l'altrui comportamento "coraggioso" che disturba loro, perché li mette in crisi da propri convincimenti, per i quali, alcune azioni non possono essere mai compiute... forse, perché loro per primi, non saprebbero realizzarle!!! 
In quel loro modo d'essere, sono sempre un passo dietro agli altri, dando di se - a chi li ha ben intesi - un’immagine di superficialità e pressappochismo... 
Gli effetti di questo comportamento sono particolarmente espressi in quegli atteggiamenti sottomessi e asserviti alle disposizioni, anche quando quelle decisioni, sono di per se errate...
Ma loro non alzeranno mai il dito... ma resteranno servili, proprio per evitare di contraddire l'altrui pensiero o di compromettere quella fedeltà dimostrata in tanti anni di rispettoso servizio...
Difficile vedere in loro manifestazioni litigiose o atteggiamenti da prode paladino...
E' difatti loro... lo scettro della mediocrità, per quel modo personale di vivere la vita e di vedere gli altri...
Basta poco per riconoscerli... si adattano in silenzio a tutte le situazioni, subendo inoltre passivamente, ogni tipo di condizionamento...
Il “mediocre” si adegua e non lotta, preferisce abbandonarsi al luogo comune, critica gli altri per come si comportano, ma egli per primo non si pone mai interrogativi e non ricerca in alcun modo la verità...
Egli fa in modo di sottomettersi a quanto viene richiesto, senza mai domandarsi il perché delle cose e soprattutto (chissà forse per paura), non va mai in fondo, ma resta, il più delle volte (a causa di quella codardia...) coinvolto in collusioni o truffe...
Sono soggetti infantili, che denotano un’estrema povertà interiore, bramano il successo e con quel loro modo meschino di prostrarsi, raggiungono a volte qualche obiettivo, convincendo se stessi, di aver raggiunto un prestigioso traguardo e di essere di conseguenza, qualcuno che vale... ma quanto sopra ovviamente, è una mera illusione!!!
Il "mediocre" illude se stesso, perché non riesce a comprendere come, il valore della nostra vita, non dipende da ciò che gli altri pensano di noi, ma da ciò che noi facciamo per gli altri!!!
Purtroppo e vi capisco... siamo condannati a vivere in questa nostra regione, circondati da un'ingombrante maggioranza, fatta di persone mediocri, che lasciano, in tutto e per tutto trasparire, non solo quella mancanza di professionalità, ma soprattutto di rispetto per le regole sociali e le norme dello Stato. 
Ormai ne sono convinto...
La maggior parte delle persone ha paura della mediocrità, anzi di più... li spaventa, perché di fatto rappresenta l'ombra stessa della loro proiezione sul mondo che li circonda e che ahimè, evidenzia concretamente... la loro stessa mediocrità!!!.

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo