Translate

sabato 27 maggio 2017

Cercasi società "disponibile", con amministratore "prestanome", per aggiudicarsi contratti d'appalto a danno dello Stato!!!

Facevo stasera una riflessione...
Quanto sta avvenendo economicamente in questo periodo, costituisce per molti imprenditori, uno dei momenti più critici, per riuscire a condurre in utile, la propria attività commerciale...
Troppa burocrazia, tasse a dismisura, contributi per il personale esosi o certamente superiori rispetto alla media europea, banche che non danno credito, lo Stato che non da alcun finanziamento a sostegno dell'impresa o quei pochi fondi, vengono destinati alle solite imprese "amiche", le stesse di quel sistema clientelare, ed infine ci sono i pagamenti, già quei pagamenti che non vengono mai rispettati, in particolare dagli enti pubblici...
Ecco perché in molti per voler fare impresa, tentano di adottare tutta una serie di espedienti oppure si legano a quella nota... "associazione mafiosa" che permette loro di usufruire non solo un percorso preferenziale, ma garantisce l'utilizzo di gran parte di quel denaro, solitamente di provenienza illecita...
D'altronde per quella associazione criminale, non si tratta di fare beneficenza, ma bensì d'investire in nuove imprese, estranee ai controlli degli uffici giudiziari, in quanto non risultano "collegate"... e soprattutto presentano amministratori dal pedigree cristallino...
Quanto sopra ovviamente, serve principalmente a compiere nuovi investimenti, soprattutto per inserirsi all'interno di quel mondo degli "appalti pubblici", a cominciare proprio da quella categoria degli approvvigionamenti... 
Questi infatti, costituiscono per talune società, una vera e proprio "manna", dato il corposo giro milionario che rappresentano, ma anche per un'altra caratteristica interessante, quella di poter godere di rapporti diretti con i funzionari pubblici, addetti agli ordini, i quali risultano solo in alcuni casi vincolati da un dettato normativo, mentre nella maggior parte dei casi, godono di ampi spazi di discrezionalità, che ovviamente - come abbiamo visto in questi anni - hanno dato purtroppo luogo a quelle abituali forme di reato, quasi sempre legate a corruzioni (atti contrari ai doveri di ufficio)!!!
Cosa aggiungere, voler credere che tutte le commesse abbiano oggi, connotati di trasparenza e imparzialità, lascia il sottoscritto con forti dubbi...
Se poi passiamo alla voce più considerevole, quella specifica dei lavori pubblici, ecco che allora la torta diventa più interessante e di quella fetta... tutti ne vogliono una parte!!!
Ed ecco il motivo per cui assistiamo continuamente ad inchieste delle procure, su giro di tangenti, consegne di mazzette a funzionari e dirigenti e a quanti avrebbero dovuto, nel frattempo... controllare!!!
Sono le motivazioni di tutta una serie d'attività illecite... che iniziano sin dalla aggiudicazione per continuare con l'apertura del cantiere: gestione del personale, movimenti terra, demolizioni, gestione dei rifiuti, fornitura dei materiali, alterazione delle percentuali previste nei leganti costituenti le basi di talune tipologie di forniture in opera, quali ad esempio i conglomerati cementizi o bituminosi, per continuare fino al completamento dell'opera con tutta una serie di certificazioni, permessi, verifiche, autorizzazioni burocratiche su qualità e sicurezza, tutti adempimenti necessari... ma che lasciano il tempo che trovano, d'altronde sono lacune e anomalie ben conosciute da tutti, soprattutto dall'ANAC...
Ora ad esempio, se prendiamo la procedura attualmente in corso per le gare d'appalto, questa ha certamente migliorato quel meccanismo corruttivo adottato fino ad alcuni anni fa, che faceva in modo che l'aggiudicazione fosse sempre indirizzata verso un gruppo d'imprese e dove ciascuna di esse, era parte integrante di un gruppo più esteso, con il quale si riusciva a condizionare le medie della gara d'appalto...
Per superare ciò si è passati all'offerta migliorativa: un'offerta cioè che contiene le proposte migliorative del progetto a base d'appalto e alle quali vengono attribuiti dei punteggi stabiliti...
Il problema è che il più delle volte è la stessa PA a condizionarne la gara... come??? Facendo pervenire (per le vie non ufficiali) all'impresa "amica", il progetto definitivo, affinché la stessa possa preparare in tempo, l'offerta migliorativa richiesto dal bando, mentre le altre imprese concorrenti, si ritroveranno a causa della scadenza prossima, a dover compiere in tempi strettissimi, un lavoro di mesi... con il rischio inoltre, di venire (dopo quel lungo lavoro) eliminati, vista la discrezionalità personale, di chi dovrà di fatto giudicare il progetto...
Come si dice "fatta la legge trovato l'inganno" ed il nostro paese in questo... sembra essere specializzato!!!
Ed allora quindi, in una terra dove chi fa il furbo vince sempre o certamente non paga mai, ecco che in molti da tempo, preferiscono operare celati all'interno di una società, come quella sopra riportata...
D'altronde, ciascuno di essi pensa che, i ritardi con cui giungono i controlli e la possibilità d'usufruire d'importanti e noti studi legali per una eventuale difesa, permetterà comunque ad essi, di vivere agiatamente, situazione quest'ultima che, per le vie ordinarie corrette, ma soprattutto regolari e oneste... non avrebbe mai potuto avverarsi!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo