Translate

venerdì 17 settembre 2010

Sarkozy e il Burqa!!!

Si tratta della legge approvata in Francia qualche mese fa dal presidente Nicolas Sarkozy, legge che prevede il divieto assoluto per le donne di religione islamica di indossare il velo integrale,comunemente denominato burqa (quel telo che oscura il corpo della donna ma anche il suo volto, lasciandone intravedere, talvolta, soltanto gli occhi).
La Francia diventa così il primo Stato europeo a censurare il burqa, una misura allo studio anche in Belgio... e forse in Italia.
La legge è stato approvata dalla maggioranza dei senatori (246 a favore, 1 contrario). L’adozione definitiva dovrà però essere convalidata dalla corte costituzionale, chiamata a pronunciarsi nelle prossime settimane. Vivere la Repubblica a volto scoperto è una questione di dignità e di eguaglianza, ha detto il ministro della Giustizia, Michele A.Marie.
A inizio estate, critiche erano state espresse da Amnesty International, mentre il consiglio del culto musulmano (Cfcm) faceva sapere che il progetto «rischia di stigmatizzare l’Islam». Per mesi, la diplomazia di Parigi ha effettuato un pressing sui Paesi musulmani per scongiurare boicottaggi e proteste, evitando l’errore del 2004, quando la legge per il divieto del velo nelle scuole scatenò dure campagne anti-francesi. Secondo diversi esperti, è tuttavia probabile che reazioni ostili giungeranno da Paesi come l’Iran, l’Algeria o il Pakistan. Chi viola la legge incorrerà in una multa di 150 euro e/o in un corso di educazione civica. Sanzioni che entreranno vigore solo dopo 6 mesi dalla promulgazione. Chi obbliga una donna a coprirsi integralmente rischia invece un anno di carcere e una multa da 30.000 euro. Pene raddoppiate se la donna è minore.
Quella francese è prima comunità musulmana d’Europa e circa 2.000 donne indossano il burqa...
In Italia, la questione del burqa torna ad animare il dibattito della politica italiana. Ma questa volta, invece di separare, riesce nell’impresa di riavvicinare il presidente della Camera, Gianfranco Fini, esponenti del Pdl e la Lega Nord che annuncia la presentazione per venerdì prossimo di un provvedimento identico a quello francese.
Maurizio Gasparri, presidente dei senatori del Pdl, è il primo ad auspicare che la stessa norma si applichi «anche nel nostro Paese in tempi rapidi». Ma Gianfranco Fini lo sorpassa. «Quel che ha deciso il Parlamento francese credo sia non solo giusto ma opportuno e doveroso», è la benedizione della terza carica dello Stato che si dichiara favorevole «in ragione del valore costituzionale sulla dignità della donna, che non può essere sottoposta a violenze o comportamenti indotti da gerarchie diverse da quelle della legge».
Una situazione che il Carroccio raccoglie al volo, annunciando per venerdì 17 settembre un ddl esattamente identico alla legge francese. Segno che l’azione di mediazione del Carroccio nei rapporti tra il presidente della Camera e il premier inizia a ottenere risultati forse inaspettati dagli stessi protagonisti. Non a caso, da allora, gli episodi di tensione sono diminuiti fino all’inedita intesà sul burqa.
Fini indica nella nostra Costituzione, nella scuola e nelle istituzioni che devono amministrare diritti e doveri l’antidoto per evitare illusioni e fenomeni di rigetto o mancata assimilazione degli immigrati. L’ex ministro per le pari opportunità Barbara Pollastrini sottolinea che in Italia il burqa non è gradito, mentre Giovanna Melandri conferma che esiste già una legge sulla pubblica sicurezza, ed infine la senatrice Vittoria Franco si dichiara contraria in quanto con questo provvedimento si rischia di segregare le donne in casa, rendendole ancora più schiave e sottomesse al proprio uomo.Comunque bisogna cominciare a fare capire, soprattutto a coloro che sono ospiti in un altro Paese, che bisogna prima di chiedere qualunque diritto, rispettare le regole di quel Paese ( soprattutto quelle che non ci trovano d'accordo...), affinchè le regole civili di convivenza possano essere sempre condivise e soprattutto rispettate...

In caso contrario si può sempre ritornare al proprio paese e continuare con le usanze ed i comportamenti che si vogliono condividere!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo