Translate

domenica 27 novembre 2016

Siciliani siate fiduciosi, da Cosa nasce Cosa...


Come riportavo alcuni giorni fa, è sbalorditivo osservare con quanta passione i miei conterranei s'interessino di comprendere quanto avviene nel Paese ed in particolare nella nostra regione...
Si cerca altresì di conoscere quanto stia programmando la ben nota "associazione", affinché, come si dice spesso da noi: "da cosa... possa nascere cosa".
Sono in tanti ancora a credere a quell'illusione che da sempre condiziona la nostra isola...
Voler insistere in quell'abbaglio che fa credere molti come: "con la mafia si lavora e con lo Stato si muore di fame"!!!
Certo, prendendo atto di quanto è avvenuto nel corso di questi anni, si potrebbe anche pensare che quella associazione sia sempre un passo avanti e che lo Stato purtroppo corre ai ripari, quando ormai è troppo tardi...
E d'altronde come dare torto a quei poveri siciliani in cerca di un lavoro, quando essi stessi prendono atto che la mafia ha messo quel loro “zampino” ovunque, senza dover ulteriormente aggiungere... in quasi tutti gli affari della nostra terra.
Viene spontaneo a loro dire: a chi dovremmo rivolgersi... se non a loro???
Ed è tragico sapere che ancora oggi, sono in molti a pensarla così!!!
Ritengo d'altronde impalpabile quanto compiuto negli anni passati da parte delle istituzioni (per fortuna che qualcosa in questi ultimi anni stia cambiando...) ad iniziarsi da quanto operato contro le infiltrazioni mafiose...
Per esempio, se iniziamo dagli accertamenti d'infiltrazione mafiosa: la verifica di quegli organismi societari... non sempre determina in modo preciso i reali soggetti proprietari (in quanto questi restano "celati" all'interno di quelle imprese), poiché i controlli si fermano ai soliti prestanome...
Le informative prefettizia infatti tengono sì conto delle indagini effettuate dagli organi inquirenti (al fine di evincere l’esistenza di elementi relativi a tentativi di infiltrazione mafiosa tendenti a condizionare le scelte e gli indirizzi delle imprese), ma nella pratica, si scontrano con quella libertà decisionale che non conduce ai provvedimenti di risoluzione del rapporto, ma sono frutto di una scelta della stazione appaltante, in particolare quando questa è di natura privata.
Il più delle volte si riscontra come tali valutazioni (laddove si dovessero riscontrare indizi non così gravi e precisi) danno luogo a dubbi circa la reale sussistenza del “pericolo di infiltrazione mafiosa”, quindi questo giudizio viene rimesso all'amministrazione richiedente per l’eventuale adozione di provvedimenti ostativi o risolutori al sorgere o alla prosecuzione di rapporti con l’impresa sospetta... che però, nella gran parte delle volte, continua a far continuare la ditta aggiudicataria (chissà. forse anche perché, legata ad essa da collusioni varie...).
Se a quanto sopra si aggiungono i tempi - assai lunghi – che i provvedimenti interdittivi realizzano tra sequestri e confische alle società infiltrate dalla mafia, ecco che si scopre come, le due attività previste e cioè, quella amministrativa e quella giudiziaria, invece di convergere su un'unico obbiettivo, curiosamente divergono!!!
Lo Stato si ritrova così a perdere... in quanto l'attività giudiziaria deve iniziare nuovamente con il proprio operato e nel contempo le “opere pubbliche” continuano a rimanere nelle mani delle organizzazioni criminali e servono quindi a poco, quelle procedure di rilevazione dei dati dell'imprese (affidatarie, subappaltatrici e fornitori di manufatti e servizi) o le richieste generalità delle maestranze presenti nel cantiere o ancora, la stessa identificazione dei mezzi d'opera per comprenderne i proprietari o i noleggiatori degli stessi (a caldo o a freddo).
Andrebbero altresì controllate con maggiore precisione, le norme previste sulla sicurezza sul lavoro e di quelle attinenti la disciplina previdenziale; fondamentale diventa la verifica sulla tracciabilità dei flussi finanziarie e l'eventuale individuazione di quei collegamenti con la criminalità organizzata...
La verità è che questi controlli sono di per se parecchio difficoltosi (e soprattutto vanno estesi in modo capillare a tutte le commesse in corso...), ed è proprio su questo fattore che punta la criminalità organizzata, sapendo che l'esiguo numero di personale, rende di per se quegli stessi controlli... irrisori!!! 
E' evidente come necessitino nuovi sistemi di verifica in grado di contrastare quelle avanzate metodologie mafiose, che dimostrano purtroppo, come in questo settore, i risultati ottenuti siano scadenti.
D'altronde, abbiamo potuto valutare quanto quei cosiddetti "protocolli di legalità", siano serviti esclusivamente ad allontanare nell'immediato alcune imprese, a favore di altre concorrenziali e di come successivamente quest'ultime, siano state anch'esse colpite successivamente da quegli stessi provvedimenti interdittivi; peccato che nel contempo quest'ultime abbiano terminato gran parte di quell'opera, consentendo così, a società "infiltrazione", di poter amplificare la propria attività finanziaria!!!
E' ovvio che bisogna fare di più... in particolare si deve realizzare una effettiva trasparenza amministrativa che inizi con i controlli sopra riportati e segua momento per momento, l'assegnazione e la gestione degli appalti...
In questa ottica, dovrà essere sviluppato e migliorato lo scambio di informazioni di quei dati, tra i soggetti incaricati dei controlli, gli organi istituzionali, gli enti pubblici amministrativi, completando quella banca dati che racchiuda tutte le società interdette ed i soggetti affiliati ad essa...
Comunque, cari Siciliani... state fiduciosi: sì, mentre attendete con trepidante attesa i cambiamenti positivi da parte del Governo... anche "Cosa nostra" da parte sua, sta lavorando per tutti Voi!!! 





Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo