Translate

martedì 1 novembre 2016

La corruzione negli appalti??? Fa parte del sistema!!!

E' evidente a tutti, come nel sistema dei lavori pubblici vige un meccanismo di corruzione ben collaudato!!!
Ci partecipano tutti... chi più chi meno, il denaro rappresenta un perfetto incentivo, per porsi in quelle condizioni favorevoli nel volersi fare comprare...
A quanto sopra, bisogna aggiungere che le stesse norme, fanno sì che quanto avviene sia facilitato da esse e dove, quei controlli necessari - in particolare nelle grandi opere - dimostrano il proprio fallimento...
La chiamano anti-corruzione...  ma questa si dimostra - almeno dalle indagini svolte dalle procure quest'anno - di essere lontano dalla realtà dei fatti, dopotutto quanto appena riportato, è confermato dalle inchieste per corruzione su appalti e subappalti...
Certo ora ci vengono a dire che il nuovo codice degli appalti è uno strumento innovativo e soprattutto utilissimo per cambiare quella errata direzione...
Vedrete, come tra qualche mese, verrà dimostrata la propria inefficacia... 
Ci si dimentica di tutti coloro che sono specializzati "furbescamente" a eludere quanto prevede la legge, anche perché, il più delle volte si gioca sull'interpretazione letteraria di quella legge, che permette di eluderla senza porsi al di fuori della stessa, tale da rimanere all'interno di quel confine che determina il concetto di "illegalità"....
Si tratta di rimanere sul filo sottile che lega chi ha promulgato la legge, a tutti coloro che la legge sono tenuti a rispettare... ricercando nuovi spiragli a quella interpretazione, certamente non previsti dal legislatore, raggirando il significato di quanto scritto nella legge, senza per questo cadere nell'illegalità.
Nella pratica quindi, sono sicuro che questo codice fallirà miseramente... anche perché sono dell'idea che per fare delle norme che colpiscano realmente questo sistema marcio, c'è bisogno di uomini che conoscano tutti quegli espedienti, che permettono a quelle imprese di poter commettere continuamente quegli illeciti...
Quindi, chi tra loro, avendo sempre fatto parte di un sistema pubblico e/o istituzionale, possiedono quelle capacità intuitive realizzate per fini disonesti???
Loro non sanno nulla di malaffare... o meglio ne sono sempre stati all'oscuro, sono situazioni che disconoscono o per meglio dire conoscono soltanto dopo che queste sono avvenute... e ne prenderanno atto, le studieranno, certamente le approfondiscono... ma non le sapranno mai anticipare!!!
Per cui, caro presidente Cantone, se pur evidenzio l'importanza dell'operato fatto finora dall'ANAC per limitare la continua corruzione e ruberia, tanto presente nel nostro paese, mi lasci dire...non è con la "filosofia del nuovo codice" che si riuscirà a debellare questo marciume... ma blindando la responsabilità di tutti quei soggetti che sono adibiti all'interno della pubblica amministrazione, nella gestione dell'appalti...
Sono questi i principali attori che, permettono a quelle società (affiliate a quelle associazioni criminali...) di poter effettuare quei continui "intrallazzi" e dividendosi  mazzette per chiudere gli occhi su lavori eseguiti in maniera non conformi al progetto (questo il più delle volte gonfiato a dismisura o programmato affinché si limiti la partecipazione, a poche imprese di fiducia... ancor meglio se legati a quei progettisti... che il più delle volte, rappresentano di fatto, la D.L.), con materiali scadenti, senza il rispetto di tutte quelle opportune procedure, sia sulla sicurezza che sulla qualità, e facendo lievitare i costi di quelle opere pubbliche...
Una drammaticità che viene espressa dai numeri... 
Si pensi che in Italia la percentuale di appalti pubblici, con probabili turbative d'stata è del 10% ovvero il triplo della Francia ed è di ben 10 volte superiore... il dato dell'Olanda!!!
Quindi, caro Presidente, come volermi dare torto per quanto scrivo, visto che la nostra nazione oggi, è al primo posto in Europa... per corruzione negli appalti pubblici!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo