Translate

martedì 29 novembre 2016

Tra Pupi e Pupari...

C'era un tempo in cui le persone si sceglievano, un tempo nel quale alcuni di essi decidevano d'unirsi in un legame, un periodo nel quale ci si prefiggeva di raggiungere gli stessi obbiettivi, giungendo da percorsi diversi...
Era un momento nel quale esistevano gli "uomini"... ormai quel tempo è finito e sono rimasti solo "ominicchi e quararaquà"!!!
Sì, ricordate quelle citazioni antiche siciliane che esprimevano con una frase la concretezza di alcuni soggetti rispetto ad altri, io ricordo "ci stricunu n'terra"... ecco, se dovessimo raffigurare quel concetto oggi, avremmo difficoltà anche "a  trovarli"...
Sono centinaia (per non dire migliaia...) i personaggi che si vendono per pochi euro... non possiedono alcuna dignità morale/materiale e vivono quelle le loro vite senza alcun rispetto per gli altri, tra ripetuti bluff e continue truffe!!! 
Il bello è che in quella loro certezza, si sono persuasi "ca... ciannacunu"!!!
Sono talmente eccitati da quella loro convinzione, che si muovono ormai con atteggiamenti tipici di chi solitamente viene rappresentato in quegli sceneggiati televisivi, dove i protagonisti sono "nuovi emergenti della mala".
Non comprendono minimamente che una cosa è la realtà ed un'altra la finzione!!! 
A molti di questi soggetti, piace interpretare quella scena bellissima realizzata nel film "I cento passi" dal bravissimo attore Tony Sperandeo; sì... in particolare rivelano una certa cura d'esercizio, nel voler riprodurre la frase che il boss Badalamenti rivolge a Peppino Impastato: "tu non esisti, tu non ci sei... tu non si nuddu... miscatu cu nenti!!!
Ecco, è questa la presunzione che vorrebbero manifestare, quella totale arroganza, in cui cercano di spacciarsi per ciò che non sono!!!
Fa parte di quel caratteristico comportamento infantile, di quella mentalità un po "catanese": "mbare... tu no sai cu sugnu iu"!
Oppure la più reiterata delle frasi:"mbare... tu non sai cu su i cristiani"!
Ognuna di esse, rappresenta la perfetta manifestazione d'atteggiarsi... 
Quanto sopra infatti, mi fa venire in mente un episodio giovanile: mi trovavo all'ex "Tout Và" di Taormina, quando assistetti ad una lite tra due soggetti; uno dei due aizzava verbalmente l'altro finché quest'ultimo non reagi scaraventandolo a terra... seguirono alcune risate tra i presenti; l'offeso appena rialzatosi, si rivolse in maniera forsennata ed urlò: tu non chi sono io... mio compare è "....."!!! Ora vado e torno, per te saranno soltanto guai!!! 
Ovviamente l'altro sentendo quelle minacce e vedendo con quale modo furioso stava andando via...  lo richiamò a gran voce (io pensai... forse vuole scusarsi oppure preferisce evitare spiacevoli conseguenze... mi sbagliai... nulla di ciò...); quando l'esagitato torno indietro con atteggiamento di sfida (convinto che quelle sue parole avessero fatto segno sull'avversario... ) ecco, appena giunse vicino al contendete, partirono come un fulmine due ceffoni che lo fecero sobbalzare indietro di quasi due metri, dopo di che... si avvicino e abbassandosi in siciliano gli disse: "non c'è bisognu ca cecchi a nuddu, picchi chiddu ca stai ciccannu... iè ca... di fronte a' tia!!!
Ecco, quanto raffigurato, rappresenta in sintesi, quanto ultimamente sta accadendo... 
Si sono perse quelle naturali identità: i "pupi" che pretendono di sostituirsi ai "pupari"!!!
L'altra mattina mi trovavo seduto in un bar a parlare con degli amici, quando un signore di una certa età, seduto lì accanto, dopo avermi ascoltato, disse: Lei ha perfettamente ragione; ultimamente qualcuno ha dimenticando il proprio ruolo e non mostra più il rispetto che doveva ai propri superiori; questi difatti da subalterni, hanno tentato con il tempo d'usurpare il posto a chi di dovere... io credo invece, che ognuno di noi, dovrebbe stare al proprio posto, perché il rischio non è quello di finire in pentola... ma di diventare esso stesso l'ingrediente principale!!!
D'altronde, dice bene il boss "Badalamenti": nella vita... bisogna imparare a non sottomettersi, ed ora, siamo pari di tutto, di debito, di riconoscenza e di rispetto!!! Perché io lo so che "quando uno fa del bene viene odiato..." perché è legge di natura: Voi non mi dovete più odiare, perchè con questo caffè abbiamo chiuso tutti i conti... 


Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo