Translate

martedì 6 giugno 2017

Toto Riina ai domiciliari... forse perché non ha mai parlato??? Ma... meglio non rischiare... lasciamolo ai suoi silenzi!!!

Avete visto cosa è accaduto alcuni giorni fa in Calabria, quando si è saputo dell'arresto di uno dei cinque boss più ricercati del paese???
Scene incredibili, persone che si sono stretti in un abbraccio, molti sono accorsi per dare l'ultimo saluto al padrino, baciamani plateali senza curarsi della presenza delle forze dell'ordine o delle telecamere che riprendevano tutto...
Ora la notizia del giorno, sì... quella che vuole concedere i domiciliari al "Capo dei capi", Totò Riina...
Sappiamo che ormai l'86 enne è da tempo malato ed ora, attraverso il suo avvocato, ha presentato un’istanza al tribunale di sorveglianza di Bologna in cui chiede la sospensione della pena o quantomeno gli arresti domiciliari...
Ora tutti a fare di questa notizia un clamore mediatico, ma la verità è che la Corte di Cassazione non ha mai detto che il boss, andasse scarcerato e neppure che le sue condizioni fossero incompatibili col carcere... ma si sa, da noi tutto serve a fare grandi "polveroni", ma soprattutto ciò fa vendere la notizia, nei quotidiani e nel web...
Poi c'è chi ha voluto ispirarsi a valori ancor più nobili, parlando di dignità e di comportamenti (cristiani) di pietà e perdono...
Di contro c'è chi attacca il "mostro", ricordando le stragi, i massacri, le persone sciolte nell'acido e ritiene giusto quindi... che egli sconti ogni giorno di quella la sua pena...
Vanno sommati gli uomini dello "stato deviato", quelli che hanno paura, che pensano che prima o poi egli possa parlare, raccontando gli intrecci politici/mafiosi e imprenditoriali, che allora costituivano tutto un fascio...
Ed infine ci sono gli attuali uomini delle Istituzioni, quelli che credono nella forza delle leggi, che non hanno paura e lottano ogni giorno contro la mafia e i suoi uomini!!!
Per quest'ultimi, graziare il boss è di per se... un fatto insignificante; essi non hanno paura di liberarlo, d'altronde possono sempre andare a riprenderlo quando vogliono e sbatterlo nuovamente dentro una cella... malato o non malato!!!
Per loro è solo un fatto di pietà... quella che il boss non ha mai avuto nei confronti dei suoi nemici e a volte anche degli amici... 
E' la vittoria morale dello Stato sulla mafia!!!  
Il sottoscritto di contro crede - proprio osservando quanto appena accaduto in Calabria - che la presenza sul territorio del boss, possa rappresentare una grave minaccia, non per la persona, ma per il  simbolo che egli, ancora rappresenta...
V'immaginate cosa accadrebbe a Corleone...???
Quanti saranno i cittadini che venendo a sapere della sua presenza, andranno immediatamente a salutarlo e gli altri, che ovviamente, se pur contrariati, saranno costretti ad andare in casa sua per porgere i loro omaggi e chissà forse... anche per baciargli la mano!!!
E coloro che mancheranno all'appello cosa accadrà??? 
Cosa potrebbe pensare oggi, chi quel potere lo detiene da anni e che ora, per una sua frase, potrebbe perderlo??? 
Provate a immaginare la scena, se da quella propria abitazione, egli decidesse di proclamare il suo nuovo legittimo successore... rendendo nullo quell'allora testamento ereditario, mai concesso... ma preso per forza maggiore!!!
Sappiamo d'altronde che il passaggio di consegne nei riguardi dell'ex amico Provenzano, non è stato mai ufficializzato, anzi, intercettato durante la sua detenzione, ha dichiarato: "A questo Binnu Provenzano chi è che gli dice di non fare niente? Qualcuno ci deve essere che glielo dice. La cosa... quindi tu collabori con questa gente... a fare il carabiniere pure... e non dici... a rispondergli giusto, regolarmente, e dirgli: perché devo fare questo? Qual è il motivo?".
Immaginatevi cosa accadrebbe quindi in Sicilia... 
Una nuova faida, tra chi ora detiene quel ruolo ed i nuovi eletti: un vero e proprio atto di forza, che porterà, a secondo delle circostanze, all'eliminazione di molti affiliati, fintanto che ciascuno dei due gruppi, proverà a sostituirsi all'altro e ne prenderà definitivamente il sopravvento!!!
Tranquilli comunque, in questo momento nessuno ha interesse a far uscire il boss, anzi sono tutti d'accordo per tenerlo lì... messo a tacere per sempre e ridotto al completo silenzio!!! 

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo