Translate

mercoledì 24 ottobre 2012

2° lettera aperta a Nello Musumeci

Completo, questa mia 2° lettera, analizzando i restanti 10 punti del Suo programa...
11. Famiglia e casa
Esentare dall’IMU i proprietari di una sola casa con reddito imponibile inferiore a 30 mila euro; approvazione di una legge sul Mutuo Sociale al fine di consentire alle giovani coppie di poter diventare proprietarie della propria abitazione; approvazione di un pacchetto-famiglia con misure di sostegno per le nascite e per garantire la presenza degli anziani in famiglia; facilitare la tutela degli animali domestici con specifici sostegni per le spese veterinarie delle famiglie meno abbienti, migliorare la situazione dei canili e la lotta al randagismo, anche attraverso l’azione delle associazioni animaliste.
Io debbo dirle, che l'IMU o l'ex ICI da proprio fastidio, perché dopo che uno ha fatto tanti sacrifici per farsi una casa, si ritrova lo Stato che gli impone pure una tassa.., già come se avesse partecipato ai rischi nella fase d'acquisto o di realizzazione, ma quello che è più assurdo, è costatare le differenze di aliquote pagate da un proprietario che di casa ne possiede una, da uno che ne possiede 50, 100 o 1000... ed ancora, quando si deciderà di far pagare tutti i beni cosiddetti ecclesiastici, che poco hanno a che fare con la spiritualità e molto invece con introiti non dichiarati perché in nero..., ma come la storia insegna, voler toccare la Chiesa, non è mai stata, una buona idea...
12. Ambiente e risorse idriche
Potenziamento della raccolta differenziata attraverso incentivi ai Comuni virtuosi (che accrescano la quota almeno del 5% l’anno); sistema di imprese locali per il riciclo a valle di una diffusa raccolta differenziata; realizzazione di un piano quinquennale per il completamento delle opere idriche incomplete, attingendo a fondi europei e privati; realizzazione di un piano regionale per la costruzione di depuratori nei Comuni costieri; piano acque potabili, reflue e per l’irrigazione dei terreni agricoli; risanamento delle aree a rischio ambientale (Augusta, Gela, Milazzo) e approvazione di un piano per la gestione dei rifiuti industriali.
La produzione e la gestione dei rifiuti negli ultimi anni, ha mostrato una tale crescita tale, da farne uno dei problemi più gravi non soltanto per la nostra regione ma per l'intero Paese...
Come ben sappiamo, la maggior parte dei rifiuti finisce in discarica o viene incenerita, mentre soltanto da poco si è dato inizio alla cosiddetta raccolta differenziata, al riciclo presso specializzati stabilimenti dei rifiuti, consentendo di risparmiare materie prime e di ridurre l’uso delle discarica ma soprattutto proteggendo le falde, da eventuali inquinamenti del suolo...
Parlare di rifiuti e di smaltimento degli stessi, rappresenta però, un argomento scomodo, che finora l’amministratore pubblico, non affronta volentieri, a causa delle forti resistenze tra le popolazioni locali, che a prescindere dallo schieramento politico che avanza la proposta, non ne vuole sentire di avere inceneritori e/o discariche, vicine ai loro paesi...
Bisogna quindi riprogettare un radicale cambiamento nelle scelte d'intervento, valutare altre nuove possibilità e non come si è fatto, facendo subire ai cittadini la logica dell'emergenza, attraverso la forza imposta dai poteri del commissari di turno...
13. Energia con le rinnovabili
Un Piano quinquennale di produzione di energia da rifiuti riciclati; concessione dei 220mila ettari di terreno regionale per la produzione di energia pulita; sostegno alla diffusione dell’energia solare, del fotovoltaico a basso impatto ambientale e della piccole centrali a biomasse; approvazione di un piano sui Parchi eolici che consenta tanto la produzione di energie pulite, quanto la tutela del paesaggio; sostegno a progetti aziendali di risparmio energetico anche attraverso l’impiego di fonti rinnovabili (fotovoltaico a basso impatto ambientale e biomasse).
Un paese il nostro che già nel lontano 1981, ben 30 anni fa, costruiva ad Adrano, la prima centrale solare a concentrazione del mondo e adesso siamo ancora qui a parlare di energia rinnovabile..., avendo realizzato soltanto l'1% di quanto si poteva fare... e non si è voluto fare!!!
14. Beni culturali come patrimonio
Sostegno pubblico, con fondi europei e regionali, a progetti integrati turismo-beni culturali-beni ambientali per la valorizzazione di itinerari di riconosciuta qualità in grado di veicolare i flussi turistici verso zone di pregio; realizzazione di piani paesaggisti per dotare la Regione di programmi di tutela del paesaggio e della qualità degli insediamenti; realizzazione di un programma di manutenzione e gestione dei beni archeologici con personale pubblico anche di altre amministrazioni e con il concorso di imprese private; favorire la istituzione di fondazioni pubblico-private per la gestione della rete museale...
Certo, dopo che la politica ha permesso a società amiche, di realizzare industrie, impianti, raffinerie, dopo che hanno distrutto questo nostro paesaggio mirabile, dopo che si è permesso di costruire adiacenti le zone costiere, con progetti selvaggi, che non trovano paragoni in Europa e dopo che i controlli erano assenti, mentre altri costruivano abusivamente, ecco dopo tutto ciò... ci si accorge, di come questa nostra regione completamente martoriata...ha bisogno di un nuovo e completo restyling... 
15. Turismo leva economica
Piano di valorizzazione, anche informatica, del patrimonio turistico e culturale, rete di porticcioli turistici, integrati in una piattaforma web per informazioni, prenotazioni ed acquisti on line dei servizi e per il merchandising del complessivo Valore Sicilia; favorire la presenza di strutture turistiche che consentano agli ospiti di poter trascorrere le vacanze con i propri animali da compagnia e realizzare un piano spiaggia per animali domestici; realizzazione di un piano per le Isole minori, territori ad alta vocazione turistica, che devono essere accompagnati da servizi efficienti per gli abitanti. Istituzione di una delega assessoriale a tale fine...; ecco, il turismo che avrebbe dovuto rappresentare uno dei settori di punta della nostra economia, ha registrato per mancate scelte e per continue incompetenze, un calo interno che non ha saputo compensare neanche l'aumento della presenza degli stranieri....; un turismo il nostro, dove basta voltarsi e ti trovi immerso nell'arte e nella cultura, una regione la nostra, che è stata invasa da tutti i grandi popoli e dove oggi avremmo potuto godere pienamente di quella  storia e delle loro opere...; il turismo avrebbe dovuto esercitare un ruolo di primo piano nel sistema produttivo, rappresentando un fattore di sviluppo decisivo nelle politiche economiche, in particolare considerato il contesto di crisi odierno...
16. Agricoltura e agricoltori 
Interventi per la liquidità delle aziende agroalimentari; potenziamento della sinergia tra Assessorato delle risorse agricole e alimentari e Istituti di credito ai fini dell’anticipazione delle fatture sui prodotti agricoli; emissione di provvedimenti per la ristrutturazione e dilazione dei debiti a carico degli imprenditori agricoli; promozione di efficaci interventi per la competitività delle aziende e delle filiere agroalimentari siciliane; sostegno per l’internazionalizzazione e la valorizzazione del paniere eno-gastronomico siciliano; ripristino funzionale delle Reti Consortili...
Una regione la nostra, che possiede un territorio che produce prodotti unici al mondo, ma che, a causa della scarsa competitività, alla caduta dei prezzi, ad un mercato globale senza barriere, si è giunti ad ottenere redditività molto basse, con costi di produzione superiori, mettendo così tutto il comparto in profonda crisi...; le conseguenze sono ormai evidenti, e la dimostrazione è data dal continuo abbandono delle terre e dei suoi agricoltori, che ormai non credono più alle promesse fatte e mai mantenute...
17. Rilancio dell’artigianato e del commercio
La creazione di un fondo di garanzia regionale a sostegno di micro-crediti erogati da società autorizzate secondo la disciplina Banca d’Italia, che si impegnino a erogare piccoli crediti alle attività artigianali a condizioni di mercato, fornendo servizi aggiuntivi necessari per la buona riuscita dei progetti; puntare sull’apprendistato, tornando a fare dialogare il mondo della formazione con quello della bottega e attuando un piano per indirizzare i giovani verso la riscoperta dei lavori manuali; l'approvazione di un piano sulla grande distribuzione organizzata,al fine di limitare il dilagare dei centri commerciali (di tipo nord-europeo) e garantire le piccole botteghe e i commercianti che già operano nei centri abitati; ma di quale artigianato parla... a quali giovani stava pensando..., ormai questi si aspettano il posto statale..., quello che gli è stato promesso..., nessuno ha più voglia di lavorare manualmente..., e poi, tutti questi ragazzi, tentano d'imitare, quei personaggi televisivi, che diventano i nuovi modelli a cui ispirarsi, soggetti come loro, altrettanto ignoranti ed incompetenti che, senza arte e ne parte, sono riusciti in maniera facile, a crearsi una propria posizione...
18. Promuovere le imprese private
Realizzazione di un marchio di qualità siciliana che identifichi il prodotto sui mercati internazionali facilitandone la rintracciabilità; potenziamento dei due fondi per il micro credito istituiti con legge della Regione Siciliana; creazione di un fondo di rotazione presso l’IRFIS per la ricapitalizzazione delle imprese; agevolazioni fiscali per distretti d’imprese di settori interconnessi; accelerazione dei tempi di pagamento dei debiti pubblici verso le imprese e costituzione di un fondo per il rilascio di fidejussioni alle imprese per l’anticipazioni di fatture emesse;
Portano i libri al Tribunale, circa tre al giorno... sono 800-900 l'anno... continuando così, saranno poche le imprese da promuovere...
19. Sostenere i giovani e l’innovazione
Istituzione di un Fondo regionale per la concessione di prestiti d’onore a studenti e lavoratori per finalità di studio ed apprendistato anche fuori Regione; sostegno all’imprenditoria giovanile (attraverso una negoziazione con lo Stato) per la creazione di nuove imprese, per le quali verrà introdotta una tassazione forfettaria onnicomprensiva di tutti gli oneri fiscali e previdenziali pari al 5% dell’imponibile, per un periodo di 10 anni; istituzione di Crediti agevolati riservati a giovani imprenditori (entro 35 anni) che si impegnino a realizzare un’attività produttiva; completa detassazione degli utili reinvestiti dalle imprese giovanili per i primi 5 anni; creazione di un fondo pubblico-privato per favorire partecipazioni di venture capital in imprese ad alto contenuto tecnologico; detassazione integrale delle spese per la ricerca applicata svolta nelle imprese o nelle Università.
Su questo punto mi permetto di risponderle successivamente attraverso un altra pagina del blog, anche perché quest'argomento, merita una maggiore e profonda riflessione... 
20. Maggiore attrazione degli investimenti esteri
Individuazione di aree, in zone di scarso rilievo turistico, dotate di un trattamento fiscale agevolato per almeno un decennio (flat tax), di un’ampia semplificazione delle procedure di insediamento e delle infrastrutture necessarie (zone franche urbane); realizzazione di un sito dedicato ai fattori positivi che possono influenzare l'attrattività degli investimenti;
Non immagino quali possano essere queste aree di attrazione..., ma certamente oggi il nostro Paese, ed in particolare la nostra Regione, non prospetta agli investitori stranieri, quei grandi vantaggi economici realizzati in tempi celeri, che invece altri offrono...
E' evidente, che ognuno dei punti che Lei ha elencato, presenta oggi, non una facile soluzione, in quanto le variabili che entrano in gioco, sono talmente tante e diverse, che non permettono di prevedere anticipatamente, gli effetti a medio-lungo termine, di queste scelte...
Le possibili strategie e la concreta volontà di realizzare quanto sopra, pur apprezzabili sotto il profilo dell'individuazione delle tematiche, non basta però a far si, che quanto sopra possa concretizzarsi. Serve innanzitutto un profondo rinnovamento, che passi prima per le coscienze e successivamente  per quanti saranno chiamati a verificare, che i cambiamenti messi in atto, comincino a dare quei risultati sperati...
Certo sperare non costa nulla, ed io vorrei non accadesse mai, quanto citato da Henning e cioè che: La speranza vuol dire soltanto... disperazione rimandata!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo