Translate

mercoledì 20 gennaio 2016

Il M5Stelle acquista l'abitazione della famiglia a cui era stata vergognosamente tolta...

Le cose buone fatte... non appartengono ai partiti ma alle persone perbene!!!
Bisognerebbe che alcuni cosiddetti Deputati dell'Assemblea regionale Siciliana... prendessero esempio da quelli del Movimento 5 Stelle!!!
Quest'ultimi... infatti, con le somme accantonate mensilmente (rinunciando a parte del loro stipendio), sono riusciti a comprare e restituire nuovamente alla famiglia Guarascio la loro casa di Vittoria...
Era la loro stessa casa finita qualche anno fa all'asta... per un mutuo non pagato. 
Per evitare lo sfratto, il Sig. Giovanni Guarascio, muratore di 64 anni e capofamiglia... si era dato a fuoco per quel debito di 10.000 euro... morendo successivamente per le gravi ustioni riportate...
Un gesto drammatico, realizzato dinnanzi agli occhi proprio dell’ufficiale giudiziario arrivato per eseguire l’ordine di sfratto... 
Quell'uomo... pur di difendere in tutti i modi la propria abitazione - fatta dopo anni di sacrifici - aveva deciso di ricorrere a quel gesto estremo, contro la banca (già le banche...) che gli aveva rescisso il mutuo, poiché non riusciva più a pagarne le rate mensili... 
La situazione assurda e che la stessa Banca ha poi rivenduto la casa all'asta, per una cifra irrisoria (26.000 euro), sfrattando la famiglia al di fuori di quelle mura... 
Certo, dopo quel grave gesto sono seguite le solite celebrazione a ricordo di quell'uomo semplice che desiderava soltanto salvare l'unica proprietà posseduta ed un tetto per la propria famiglia... una casa che aveva costruito con il proprio sudore e che la banca... per pochi miseri trenta denari gli aveva fatto perdere!!!
E lo Stato ed i suoi interpreti dov'erano... dormivano come sempre... pur sapendo che forse con quella legge, avrebbero potuto salvaguardare, non solo, la legittimità dei proprietari di quella loro prima casa... ma soprattutto la vita di Giovanni...
Tanto a loro le case gliele paghiamo noi...
Finalmente il 22 Ottobre 2014... (in Sicilia) la legge è stata approvata all'unanimità dall’Ars... forse o sicuramente... si poteva realizzare prima... ma chissà i nostri deputati  avranno avuto troppo da fare in questi anni per potersi dedicare ad una legge "civile" la stessa che però a livello nazionale è ancora ferma!!!
Per fortuna... già come dicevo all'inizio... meno male che esistono anche le persone perbene... in questo caso i deputati regionali del M5stelle che hanno saputo non solo acquistare l’appartamento e donarlo alla famiglia Guarascio... ma soprattutto fare quel gesto simbolico che dimostra come il più delle volte... anche le situazioni impossibili possono essere realizzate!!!
Ogni giorno questo movimento viene da tutti criticato, infangato, calunniato... abbiamo appena visto quanto accaduto a Quarto... ma ci si dimentica (o si tenta di distogliere l'attenzione) delle porcate fatte -da quasi tutti i partiti, di maggioranza e di opposizione- in questi anni in nord e centro Italia ed in particolare proprio nella capitale...
Si vuole allontanare l'interesse su questo movimento e sui suoi leader... che in più di una circostanza io stesso ho criticato... ma che sin da subito ho trovato in essi... quei principi di onesta e rettitudine, che neanche lontanamente sono presenti negli altri...
Certo c'è paura... il rischio che alle prossime elezioni il M5Stelle possa raggiungere da sola la maggioranza è qualcosa che sta facendo impazzire tutti... in particolare quei politici inconcludenti che da quarant'anni "mangiano" (e fanno come si dice... mangiare i propri parenti e amici...) con l'attività (non certo professionale) della politica!!!
Fintanto che questi credono di poter gestire con le loro finte raccomandazioni i cittadini, ne pretendono per quello scambio i relativi voti, fino al momento in cui questi atteggiamenti "mafiosi" perdurranno... non ci sarà alcuna possibilità di miglioramento in questo paese e ancor più nella nostra regione... dove la stra-maggioranza ancora dei miei concittadini preferiscono ricevere per andare avanti... la solita pedata nel culo...
Qualcosa sta cambiando... ed io ci credo a quella trasformazione... chissà, forse un dì avrò anche la fortuna di poter assistere a quello straordinario cambiamento... 
Sarebbe bello ritrovarsi in uno Stato... che ha saputo rinnovare le coscienze, un paese di fatto civile, senza più ladri o corruzione, dove tutti possiedono un lavoro ed i giovani non debbono pensare di dover andare via...
Sì... un'utopia forse... ma io intanto comincio facendo la mia parte, affinché questo mio desiderio, si possa concretamente realizzare!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo