Translate

mercoledì 27 gennaio 2016

In ricordo di Mario Francese

Nel giorno della memoria... voglio dedicare un mio pensiero al giornalista Mario Francese, 
Era nato a Siracusa il 6 febbraio del 1925, terzo di quattro figli, ultimato il ginnasio in accordo con la famiglia decise di trasferirsi a Palermo, da una sua zia, sorella della madre, per completare gli studi liceali ed iscriversi all'università...
Entrò prima come telescriventista all'Ansa, ma successivamente avendo compreso le qualità del giovane, gli venne promesso di diventare giornalista nell'organico redazionale... 
Impegno quest'ultimo non mantenuto ed allora diventò corrispondente del quotidiano "La Sicilia" di Catania, per il quale iniziò a scrivere su cronaca nera e giudiziaria. 
Collaborerò in quel periodo con la Regione dove venne nominato capo ufficio stampa all'assessorato ai Lavori pubblici... alla fine degli anni 50', venne chiamato dal "Giornale di Sicilia".
In breve diventò giornalista professionista e una delle firme più apprezzate e più esperti conoscitori delle vicende mafiose, iniziando a scrivere dalla strage di Ciaculli, sull'omicidio del colonnello Russo... possiamo dire che non ci fu vicenda giudiziaria di cui egli non si sia occupato...
Tentava in un periodo "buio", nel quale parlare di mafia significava morire, di dare lettura diversa e più approfondita a quel fenomeno cosiddetto "mafioso"...
Un giornalismo infrequente in Sicilia, fatto d'investigazioni, scambi d'informazioni, intrighi internazionali e interessi politici e imprenditoriali... 
Fu l'unico giornalista a intervistare la moglie di Totò Riina, Ninetta Bagarella ed il primo a capire, l'evoluzione strategica e i nuovi interessi della mafia "corleonese"!!!
Non a caso dichiarò della frattura nella "commissione mafiosa" tra gli elementi di Luciano Liggio e quelli dell'ala moderata cosiddetta "guanti di velluto"...
Un periodo nel quale cosa nostra apriva a ripetizione la strage degli omicidi "eccellenti", che inizieranno con il segretario provinciale della Dc Michele Reina, per seguire con il capo della Squadra Mobile di Palermo, Boris Giuliano, quindi con il giudice Cesare Terranova.... e successivamente con il presidente della Regione Piersanti Mattarella e tutti quei nomi che di li per vent'anni seguiranno e che ben conosciamo, facendo parte integrale della nostra coscienza siciliana...
Gli stessi giudici, nella sentenza di primo grado contro gli esponenti di quella associazione criminale, riporteranno come, gli articoli e i dossier redatti da Mario Francese, hanno permesso di ricostruire con eccezionale chiarezza, le linee evolutive di Cosa nostra, nel aver saputo penetrare e diffondere quelle proprie ramificazioni all'interno del mondo della politica, degli appalti e dell’economia, e dove iniziava a delinearsi la strategia di attacco alle istituzioni... 
Cosa nostra infatti aveva adottato -in collaborazione con i servizi deviati- una strategia eversiva che poneva come obbiettivo quello di ribaltare la democrazia di questo paese e per far ciò, non si limito di eliminare tutti coloro che a quel disegno criminale ci si ponevano di traverso ed è in questo contesto che si spiega difatti l’eliminazione di Mario Francese...
Quell'omicidio doveva, una volta e per sempre, cancellare quelle frasi scritte, bisognava eliminare quella mente lucida del nostro giornalismo, un professionista capace di anticipare gli inquirenti nell'individuare nuove piste investigative, ed erano questi i motivi che rappresentava... un continuo pericolo per la mafia emergente, poiché era capace di anticiparne quel suo programma criminale, proprio in un tempo nel quale mancava il sostegno (dato successivamente) dei collaboratori di giustizia, tra cui Tommaso Buscetta che consentirono di svelare per la prima volta i meccanismi dell'organizzazione mafiosa, la struttura e le sue regole...
Francese era un uomo slegato da quei condizionamenti e compiacenze realizzate anche da alcuni suoi colleghi, soprattutto non mostrava alcun asservimento verso quei gruppi di potere collusi con la mafia...
Ed è per queste motivazioni che la mafia lo ha ucciso la sera del 26 gennaio 1979 davanti la propria casa, mentre stava rientrando dopo una lunga e dura giornata di lavoro.
Nel 2001 verranno condannati per quel omicidio quasi tutti i componenti di quella "cupola" e le motivazioni della condanna (nella sentenza d'appello) furono: il movente dell'omicidio Francese è sicuramente ricollegabile allo straordinario impegno civile con cui la vittima aveva compiuto un'approfondita ricostruzione delle più complesse e rilevanti vicende di mafia degli anni '70.
Desidero oggi ricordare anche Giuseppe, figlio di Mario, che nel 2002 si suicidò a soli trentasei anni... anche lui giornalista del Giornale di Sicilia di Palermo e che per anni, si era dedicato alle inchieste sulla mafia ed in particolare contribuendo a ricostruire l'omicidio del proprio padre...
La Sicilia ha perso due figli che per questa terra hanno gettato semi di speranza...
Non per nulla si dice che la speranza ha due bellissimi figli: lo sdegno e il coraggio... lo sdegno per la realtà delle cose, il coraggio per cambiarle!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo