Translate

mercoledì 11 maggio 2016

Niente sussidio di disoccupazione per chi rifiuta un offerta di lavoro!!!

Sono in tanti nel nostro paese ad aver escogitato  uno stravagante modo per evadere il fisco e truffare nel contempo lo Stato...
Si chiama indebita percezione di erogazioni: trattasi di lavorare “in nero” e fingendosi senza lavoro, percepire illecitamente l'indennità di disoccupazione.
Infatti, sono in molti (in particolare qui da noi in Sicilia...) tra imprenditori e lavoratori  preferire questa modalità perché:
- le imprese non pagano gli oneri contributivi previsti (Inps-Inail-Cassa-edile) e soprattutto si evitano tutte quelle procedure previste dalla legge quali per esempio: la sorveglianza sanitaria, la formazione e l'informazione nei confronti dei lavoratori, la predisposizione di tutta una serie di responsabili e di addetti, ma soprattutto per costi derivanti dall'acquisto dei DPI individuali e collettivi o per la messa in sicurezza dei lavoratori nelle postazioni nelle quali operano, in particolare dai rischi di possibili cadute dall'alto...
- i lavoratori, ciò non di meno... preferiscono non essere "ingaggiati" per ricevere così in nero quanto pattuito e nel contempo percepire l'assegno del sussidio...
Una procedura, quella del sommerso... che fino ad oggi non era stata corretta e che ha determinato seri problemi alla nostra economia nella misura in cui gli indicatori ufficiali su cui venivano basati per esempio i tassi di occupazione e disoccupazione, risultavano di fatto alterati e non quindi corrispondenti al vero...
Un'altro problema di difficile valutazione sono stati gli effetti di quei redditi derivanti dal sommerso e con quali modalità questi sono stati riutilizzati nel mercato emerso... misurarne la consistenza, determinarne la fenomenologia e soprattutto le cause...
Adesso dopo anni che se ne parlava... finalmente si interviene!!!
Sì, dal prossimo mese sarà operativa l'ANPAL (l'Agenzia Nazionale del Lavoro) dovrebbe gestire la ricollocazione del personale disoccupato attraverso anche percorsi formativi...
Chi si rifiuta di accettare questa opportunità di lavoro o di formazione (perché ovviamente preferisce prendersi l'indennità di disoccupazione e nel contempo lavorare in nero) perderà di fatto il sussidio!!!
Si sta copiando quanto tempo addietro avevo scritto sul modello tedesco... con quei centri per l'impiego che coordinavano -in base al numero progressivo d'ingresso- le varie presentazioni delle domande di disoccupazione, adoperandosi celermente per proporre nuove offerte di lavoro o di formazione in base alle esigenze del mercato...
Nei casi in cui il soggetto chiamato non si presenti sul nuovo lavoro o al corso di formazione proposto, ecco che l'ANPAL informerà l'INPS di tagliare l'indennità di disoccupazione, la cosiddetta Naspi, che verrà immediatamente sospesa e procederà contro il "lavoratore a nero" nei casi in cui ci è stata la prova di truffa!!!
Non sarà un lavoro semplice questo... in particolare perché il personale presente nei centri dell'impiego e sottodimensionato, ma sopratutto perché l'offerta di lavoro oggi richiesta da parte delle imprese è purtroppo molto bassa!!!
Comunque per adesso si avvia l'Agenzia... anche se il Presidente Del Conte ha già posto le mani avanti dicendo "manca ancora il decreto di trasferimento delle risorse e delle dotazioni organiche alla Corte dei conti" e prima di allora... e soprattutto, dopo aver organizzato alla perfezione la struttura, si potrà iniziare a fare concretamente azione sul territorio...
Vedremo... sì speriamo che questa iniziativa non finisca anch'essa come, quegli ormai consueti "buchi nell'acqua" di questo paese e che questa struttura non venga creata appositamente (oppure trasformata successivamente...) in quell'ennesimo casermone, per poter inserire nel tempo, gli amici degli amici... parenti e affini!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo