Translate

martedì 17 maggio 2016

Piercamillo Davigo: Non ho detto che tutti i politici rubano, ma che quelli che rubano hanno smesso di vergognarsi!!!

"E’ stata attribuita alla mia frase un significato che non ho mai voluto dare; non ho detto che tutti i politici rubano, ma che quelli che rubano hanno smesso di vergognarsi. D'altronde, se per circa 15 anni hanno fatto leggi non atte a sconfiggere la corruzione ma ad impedire i processi, è ovvio che i frutti che si raccolgono siano questi"!!!
Con questa premessa ieri sera su La7 nella trasmissione "PIAZZAPULITA" ha esordito il Magistrato Piercamillo Davigo (Consigliere della II sezione penale presso la Corte di cassazione) aggiungendo che se fossero tutti i politici a rubare... allora non avrebbe senso fare i processi, che servono appunto a  distinguere chi ruba, da chi non ruba...
Ed ancora... "ha vinto la corruzione" un'affermazione ancora forse più grave di quanto sopra dichiarato... infatti se in questi quindici anni e più... "l'interesse della politica è stato quello di fare leggi non più favorevoli alla repressione della corruzione... ma leggi favorevoli a impedire i processi, ad abolire i reati o a cambiare le regole probatorie... in maniera che le prove non valessero più o altre cose di questo genere... è chiaro che poi il risultato è questo"!!!
E quindi... si passa a parlare di Anti-corruzione e su quanto dichiarato dal Presidente, Raffaele Cantone: Davigo pensa che sia l'unico a poter risolvere i problemi... non condiviso una visione, autoreferenziale e salvifica; la magistratura non deve salvare il mondo; deve accertare i reati penali e decidere i processi civili...
La risposta del Dott. Davigo è bellissima: condivido quando sopra ad esclusione del fatto di non sentirmi l'unico... io non penso affatto di essere l'unico... penso però che in Italia, non c'è sufficiente possibilità di accertare questi reati... che è tutt'altra cosa!!!
Tra l'altro bisogna chiarire un'equivoco di fondo... l'ANAC è un'autorità amministrativa... gli atti che sono necessari ad accertare questi reati  -sono tutti atti fortemente invasivi- per esempio le intercettazioni, le perquisizioni, i sequestri, che  la Costituzione  riserva all'autorità giudiziaria... quindi l'ANAC può studiare il fenomeno, può cercare di prevenirlo. ma l'accertamento dei reati è esclusivo compito dell'Autorità giudiziaria...
Chiede quindi Corrado Formigli... (il giornalista e presentatore della programma): non è che quindi c'è un travalicamento (o uno scavalcamento) di competenze???
P.D.: No... sto dicendo che sono due sfere diverse...
C.F.: Non è che forse l'Anac utilizza degli strumenti che dovreste usare solo voi magistrati???
P.D.: NO... l'ANAC non usa affatto gli strumenti che usiamo noi magistrati...perché non può... la Costituzione non lo prevede... li usiamo solo noi... ma per accertare la corruzione è possibile farlo solo con quegli strumenti...
C.F.: E quindi non serve a niente l'ANAC???
P.D.: No... è un'autorità amministrativa che ha compiti diversi... ha la prevenzione della corruzione che è un'altra cosa...
C.F.: Secondo Lei serve quest'Autorità???
P.D.: non spetta a me decidere che cosa serve dell'attività dell'autorità amministrative...
C.F.: Si sarà fatto un'idea immagino... 
P.D.: ma... la tengo per me...
C.F.: va beh, la tiene per se... ma forse s'intuisce un po da quanto ci ha appena detto...
Anch'io mi sono fatto un'opinione diretta e non certamente positiva; il motivo??? segnalazioni attendibili delle quali finora non ho ricevuto alcuna risposta!!!
Ma si sa come va qui da noi: sono tutti così "fortemente impegnati"... dal non trovare mai il tempo necessario, per effettuare anche quelle semplici e banali verifiche!!!
Già, molti giudici sono così fieri della loro incorruttibilità che dimenticano spesso la giustizia, facendo sì che nel contempo... la corruzione dilaghi!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo